lafucina.it
Tecnologia

Bug Android: La falla legata al Wi-fi

Anche i dispositivi Apple fermi alla versione 5.0 hanno riscontrato lo stesso problema

Pubblicato il 07/07/2014 da La Fucina

Bug Android: La falla legata al Wi-fi


Possiedi uno smartphone con versione Android 3.1? Allora potresti avere un problema. Il sito Cellulare-magazine.it spiega che "stando a quanto rivelato dalla Electronic Frontier Foundation, organizzazione no-profit che si occupa della tutela dei diritti digitali dei consumatori, gli smartphone Android con a bordo la versione 3.1 o superiore potrebbero rivelare a chiunque la nostra cronologia di accessi alle reti Wi-Fi."Il bug è stato segnalato a Big G che sta provvedendo:"Il problema è dovuto al Preferred Network Offload (PNO), un’impostazione che, indirettamente, permetterebbe di far conoscere ad altri dispositivi elettronici a quali reti Wi-Fi ci siamo collegati negli ultimi tempi. Il momento di vulnerabilità avviene quando il nostro smartphone è in modalità sleep (in stand-by). È facile intuire che, tramite le connessioni Wi-Fi agganciate, sia possibile risalire alla cronologia dei luoghi da noi frequentati. Google ha prontamente risposto alla segnalazione del problema e un bugfix non dovrebbe tardare ad arrivare."Ma non è soltanto Android ad essere colpita, infatti anche i prodotti Apple con versione 5.0 potrebbero avere lo stesso problema:"Non solo Android. Il bug sarebbe stato evidenziato anche su iPhone, iPad e iPod fermi alla versione 5.0 di iOS. Le ultime versioni, invece, non presentano tale falla di sistema."Non bisogna, però, preoccuparsi più di tanto, almeno per chi possiede un Android. Infatti, "per ovviare al problema su Android è possibile andare su Impostazioni—> Wi-Fi—>Avanzate e scegliere “mai” alla voce “Tieni attivo Wi-Fi durante sospensione. Ovviamente, lo smartphone non sarà in grado di sincronizzare le applicazioni quando il telefono si trova in stand-by e utilizzerà i dati mobili."





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Le sigarette elettroniche potrebbero causare danni al Dna delle cellule del sangue

Lo afferma lo studio dell'Unibo

Obesità adolescenziale, rischi per il fegato nel futuro

Risultati di una ricerca del Karolinska Institutet di Stoccolma e dell'Università di Lund

Caffè ‘viagra naturale’: fino a 3 tazzine per l’effetto anti-flop

Insieme al movimento è l'ideale per rapporti sessuali soddisfacenti e fertilità

La soia fa bene o fa male?

Siamo sicuri che sia così e che la soia sia davvero una panacea?

Ue, stop all’aranciata senza arancia

La Commissione Ue innalza la quantità di succo al 20%. Italia in regola dal marzo 2018

Basta mezz’ora al telefonino per rischiare mal di testa

no studio del gruppo di ricercatori diretti dall'ex presidente della Società italiana di neurologia, Aldo Quattrone

Tumori, 5 caffè al giorno dimezzano rischio cancro fegato

Secondo una ricerca diretta da Oliver Kennedy, dell'University of Southampton

Infarto, nel 30% dei casi c’è lo zampino del sistema immunitario

Studio Gemelli, al via cure su misura per i diversi tipi arresto cuore

Tumore al polmone, dopo 40 anni cambia la cura d’attacco

Sì di Aifa a immuno-oncologia, 70% pazienti vivo a un anno

Riabilitato il sugo con soffritto di cipolla e aglio, fa bene al cuore

Studio, la cottura lunga sprigiona molecole benefiche per la salute

Cassazione conferma maxisequestro spaghetti ‘made in Turkey’

'Indicazioni fallaci'. Respinto ricorso ad pasta 'Garofalo'

Penne rigate Combino richiamate da Lidl e dal produttore

“Pasta Zara”, per possibile presenza di tracce di soia. Rischio per gli allergici

Pediatri Usa, stop ai succhi di frutta sotto l’anno età

Non sono un buon sostituto della frutta fresca e servono solo a consumare più zucchero e calorie

Torna la pasta da grani antichi, +250 volte in 20 anni

Nel 2017 record 2,5 mln di kg per lo storico 'senatore' Cappelli

Scagionato il Viagra, assumere la pillola blu non provoca melanoma

Studio dei ricercatori della New York University, l'aumento dei casi dipende da un maggior numero di diagnosi