lafucina.it
Ambiente

Agave americana: La pianta che fiorisce e poi muore

In Michigan un esemplare è fiorito per la prima volta dopo 80 anni

Pubblicato il 10/07/2014 da La Fucina

Agave americana: La pianta che fiorisce e poi muore


Una pianta di agave americana è fiorita per la prima ed ultima volta in 80 anni. "Alla fine abbiamo notato che alcuni boccioli hanno iniziato a schiudersi", ha detto Matthaei Botanical Gardens and Nichols Arboretum e ha aggiunto: "Nei prossimi giorni dovrebbe esserci una fioritura più consistente. Per ora è piuttosto scarsa".I primi fiori della pianta di agave custodita all'Università del Michigan sono sbocciati nel pomeriggio di ieri. La peculiarità di questa pianta è che dopo essere fiorita per la prima volta muore.Nelle ultime settimane centinaia di persone si sono ammassate i giardini dove si trova la pianta. Mike Palmer, che si occupa della gestione dei giardini, ha detto: "Questa agave fiorirà nelle prossime settimane e poi morirà e si lascerà dietro molti 'cuccioli', cloni che sembrano versioni più piccole dell'agave madre, e, potenzialmente, lascerà anche migliaia di semi.Quest'agave è del tutto insolita, spiega Usatoday, in quanto si tratta di un esemplare selvatico raccolto durante una spedizione dell'università a San Luis Potosi nel 1934. Mentre quelle che si comprano oggi sono coltivate tramite coltura artificiale.L'agava è spesso definita "Century Plant" perché è raro che fiorisca. Pallmer ha detto che questa pianta fiorisce di solito tra i 10 e i 25 anni. L'agava è nativa del Texas e del New Mexico e viene utilizzata per produrre alcoli come il mezcal.Ed il motivo per cui in questo caso l'agava ha impiegato così tanto per fiore rimane un "mistero", sempre a detta di Palmer. Inoltre, ciò che la rende diversa è che le sue foglie sono "variegate", cioè c'è stata una mutazione genetica:"80 anni fa l'hanno trovata, hanno pensato che fosse unica perché le piante variegate di solito non sopravvivono in natura. Hanno meno clorofilla, per questo non diventano robuste quando crescono e si bruciano pure".In maggio la pianta ha raggiunto i 20 piedi di altezza e gli operai dell'orto botanico hanno rimosso il vetro che stava sul tetto in modo che la pianta avesse spazio per crescere.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

In stato vegetativo da 15 anni,recupera stato minimo coscienza

Con una nuova tecnica di stimolazione del nervo vago

Tutti i benefici delle banane

Ricchissime di potassio, ma non solo

Influenza inchioderà a letto 5 milioni di italiani

Ci si aspetta una stagione influenzale 2017-2018 di intensità media

Infarti e ictus, oltre 50% dei casi trattati in Pronto soccorso

Simeu, ha un ruolo strategico quando la tempestività è essenziale

Depressione, dormire meno riduce i sintomi nel 50% dei pazienti

Maxi-studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry

Al via le donazioni per i malati di Sma: Checco Zalone lascia tutti senza parole

L'artista lancia un appello per salvare la vita ai bambini malati

Con 150 minuti di sport a settimana si può evitare l’8% dei decessi

Con attività fisica cala il rischio di patologie cardiovascolari

Formaggio ritirato contaminato da Listeria

Lotto di produzione 04827 di taleggio Dop a latte crudo

La caffeina potrebbe ridurre il rischio di morte tra le donne

Ma gli uomini non hanno lo stesso beneficio

Alzheimer, i 10 segnali che non bisogna sottovalutare

Si celebra oggi 21 settembre la Giornata mondiale dell'Alzheimer

Intossicati da falso zafferano, nuovo caso a Modena

Responsabile nei giorni scorsi della morte di una coppia di coniugi veneti.

Chikungunya: 86 casi in tutto, 10 nuovi nel Lazio

Ad oggi sono 86 le persone colpite dal virus

Farmaco anti-diabete riduce l’aggressività del cancro alla prostata

E' la metformina. Sesti (Sid), promettenti ricadute su pazienti

Un milione di mamme maltrattate durante il parto

Ricerca Doxa, per una donna su 4 azioni lesive della dignità

Emicrania sconfitta stimolando il nervo vago dall’esterno

Con un apparecchietto che il paziente può applicare sul collo e senza dolore