lafucina.it
Tecnologia

Arriva l’autovelox con etilometro incorporato

Un potente raggio laser riesce a rilevare la densità delle molecole d’alcol emesse dai polmoni

Pubblicato il 14/07/2014 da La Fucina

Arriva l'autovelox con etilometro incorporato


Non ci sarà più bisogno di fermarvi e farvi soffiare per sapere se avete bevuto un bicchiere di troppo e ritirarvi la patente. In Polonia infatti hanno sperimentato un nuovo autovelox con etilometro incorporato. Leggiamo su Blitz Quotidiano:"Autovelox ed etilometro insieme: un’invenzione che arriva dalla Polonia e che si annuncia miracolosa. Si tratterebbe di un autovelox che, oltre a misurare la velocità delle auto, sarebbe in grado di misurare anche il livello alcolico degli occupanti. Tutto senza fermare il veicolo e con una precisione, annunciano i brevettatori, assoluta: la macchina rileva anche un tasso alcolico minimo dello 0.1%".Il congegno in questione, spiega Blitzquotidiano.it, "è stato presentato sul Journal of Applied Remote Sensing da tre ricercatori della Military University of Technology di Varsavia, Jaroslaw Mlynczak,Jan Kubicki e Krzysztof Kopczynski. L’obiettivo è misurare l’alcolemia in movimento e si ottiene grazie a un potente raggio laser che riesce a rilevare la densità delle molecole d’alcool emesse dai polmoni di chi è a bordo".Ma chi si concede un bicchiere prima di mettersi alla guida non si deve preoccupare, almeno per il momento. Il dispositivo non è ancora in grado di individuare la persona a cui appartengono le molecole d'alcol rilevate:"Per ora, però, il dispositivo è imperfetto. L’autovelox-etilometro, infatti, pur essendo precisissimo non può identificare chi sia l’ubriaco nell’auto. Se gli occupanti sono quattro il congegno rivelerà solo la presenza di uno o più sbronzi a bordo ma non è in grado di indicare se sia ubriaco anche il guidatore. Un limite che non scoraggia i tre creatori dell’oggetto che si dicono convinti di poter aggirare anche questo inconveniente".





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Le sigarette elettroniche potrebbero causare danni al Dna delle cellule del sangue

Lo afferma lo studio dell'Unibo

Obesità adolescenziale, rischi per il fegato nel futuro

Risultati di una ricerca del Karolinska Institutet di Stoccolma e dell'Università di Lund

Caffè ‘viagra naturale’: fino a 3 tazzine per l’effetto anti-flop

Insieme al movimento è l'ideale per rapporti sessuali soddisfacenti e fertilità

La soia fa bene o fa male?

Siamo sicuri che sia così e che la soia sia davvero una panacea?

Ue, stop all’aranciata senza arancia

La Commissione Ue innalza la quantità di succo al 20%. Italia in regola dal marzo 2018

Basta mezz’ora al telefonino per rischiare mal di testa

no studio del gruppo di ricercatori diretti dall'ex presidente della Società italiana di neurologia, Aldo Quattrone

Tumori, 5 caffè al giorno dimezzano rischio cancro fegato

Secondo una ricerca diretta da Oliver Kennedy, dell'University of Southampton

Infarto, nel 30% dei casi c’è lo zampino del sistema immunitario

Studio Gemelli, al via cure su misura per i diversi tipi arresto cuore

Tumore al polmone, dopo 40 anni cambia la cura d’attacco

Sì di Aifa a immuno-oncologia, 70% pazienti vivo a un anno

Riabilitato il sugo con soffritto di cipolla e aglio, fa bene al cuore

Studio, la cottura lunga sprigiona molecole benefiche per la salute

Cassazione conferma maxisequestro spaghetti ‘made in Turkey’

'Indicazioni fallaci'. Respinto ricorso ad pasta 'Garofalo'

Penne rigate Combino richiamate da Lidl e dal produttore

“Pasta Zara”, per possibile presenza di tracce di soia. Rischio per gli allergici

Pediatri Usa, stop ai succhi di frutta sotto l’anno età

Non sono un buon sostituto della frutta fresca e servono solo a consumare più zucchero e calorie

Torna la pasta da grani antichi, +250 volte in 20 anni

Nel 2017 record 2,5 mln di kg per lo storico 'senatore' Cappelli

Scagionato il Viagra, assumere la pillola blu non provoca melanoma

Studio dei ricercatori della New York University, l'aumento dei casi dipende da un maggior numero di diagnosi