lafucina.it
Politica

Il debito pubblico in 7 giornali italiani

L'Italia sprofonda, ma la notizia è Germania-Argentina

Pubblicato il 14/07/2014 da La Fucina

Il debito pubblico in 7 giornali italiani


Il giorno dopo i mondiali non si parla d'altro, OK, se non fosse che il nostro Paese continua a sprofondare. Questa mattina le agenzie hanno diffuso due notizie drammatiche per gli italiani. La prima riguarda il debito pubblico: invece che essere ridotto continua ad aumentare. La seconda è sulla povertà in Italia: un italiano su 10 è povero.1) Il debito pubblico tocca quota 2.166 mldScrive l'ANSA: "Nuovo record assoluto per il debito pubblico che a maggio aumenta di 20 miliardi sul mese precedente e tocca quota 2.166,3 miliardi. E' quanto emerge dal Supplemento conti pubblici al bollettino statistico di Bankitalia. Dall'inizio dell'anno il debito è aumentato di 96 miliardi con una crescita del 4,7%".L'aumento percentuale dall'inizio dell'anno, fa notare l'agenzia, "a fronte di una crescita dell'economia che sicuramente sarà di minore entità, lascia prevedere un aumento anche del rapporto Debito-Pil".Questo significa che per tenere il rapporto debito-PIL sotto il 60% ora saranno necessari maggiori tagli, insomma, un'altra mazzata per gli italiani.2) "Un italiano su 10 è povero, aumentano gli indigenti"Adnkronos: "Le persone in povertà relativa sono il 16,6% della popolazione (10 milioni 48 mila persone), quelle in povertà assoluta il 9,9% (6 milioni 20 mila). Nel 2013 aumentano le persone in condizioni di povertà assoluta l'indice passa dal 6,8% al 7,9% coinvolgendo circa 303mila famiglie e 1 milione 206mila persone in più rispetto all'anno precedente. Lo rileva l'Istat spiegando che a determinare l'aumento è soprattutto il Mezzogiorno dove si passa dal 9,8 al 12,6%".In Italia i poveri aumentano, ma i mondiali e la Costa Concordia sono più importanti, pare. Abbiamo "fotografato" la homepage dei principali quotidiani italiani, e queste sono le notizie messe in evidenza:1) Corriere della Seracorriere2) La Repubblicascc3) Il Sole 24 Ore (il più importante quotidiano economico italiano, ndr)sole4) L'Unitàunita5) Il Fatto Quotidianoilfatto6) L'Huffington Posthuff7) Il GiornaleilgiornaleSe volete tenervi informati come si deve e leggere le notizie importanti al momento giusto Seguiteci su Facebook e Twitter!





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Influenza: 3 milioni di italiani a letto, boom di visite mediche

Da inizio stagione. Triplicate consultazioni medici di famiglia

Tutti i benefici della barbabietola rossa

Per il suo colore spesso non viene servita sulle tavole, ma è ricca di proprietà benefiche

Mangiare peperoncino ‘allunga’ la vita

Cala del 13% mortalità per malattie cuore e ictus

Farmaci scaduti e sporcizia: la faccia triste degli ospedali italiani

Ecco il triste scenario delineato dai Nas

‘Superbatterio’ resiste a tutti antibiotici

Allarme per morte donna

Stress lavoro porta all’infarto, per Tar è causa di servizio

Accolto ricorso funzionario polizia della Liguria

Gli amanti della pasta mangiano meglio, hanno diete più sane

Chi la mangia regolarmente assume più nutrienti fondamentali

Donne esposte da bimbe a fumo passivo più a rischio aborto

Associazione se in casa c'erano due o più fumatori

Lorenzin, firma Lea passaggio storico per sanità italiana

Cosa sono i Lea e come si 'misurano'

Scoperto l’interruttore chiave dell’invecchiamento cellulare

Scoperta chiave per controllare processi legati anche all'incidenza dei tumori

Influenza: già otto morti da inizio epidemia, 63 gravi

Metà in Emilia Romagna, in tutti i casi patologie preesistenti

Il 26% degli italiani rinuncia alle cure

la causa: servizi inadeguati e costi troppo salati

Nutrizionista, pasta e fagioli il top dei piatti’antifreddo’

Piretta, ideale l'abbinamento cereali e legumi caldi, ok pesce

Fumo,mai troppo tardi per smettere,riduce rischio morte

70enni fumatori pericolo triplo di morire prematuramente

Ridurre sale del 10% in 10 anni salvera’ 6 milioni di anni di vita

Studio su 183 Paesi mostra che investire in prevenzione conviene