lafucina.it
Cibo e Salute

GB: Lo ‘sporco segreto’ sulla produzione del pollo

La rivelazione del Guardian

Pubblicato il 24/07/2014 da La Fucina
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

GB: Lo 'sporco segreto' sulla produzione del pollo


(Video: Un allevatore ammassa i polli in una cassetta)Tre delle maggiori catene di supermercati britannici hanno avviato indagini sui propri fornitori di pollame in seguito alle rivelazioni del quotidiano The Guardian. L'inchiesta ha svelato la mancanza di igiene nel processo di produzione di pollo, documentandola con foto e video girati all'interno di alcuni stabilimenti. Grazie a degli informatori è stato scoperto che le regole per prevenire la contaminazione del batterio Campylobacter, che è potenzialmente letale, vengono puntualmente trasgredite.037b523b-155c-4384-b5a4-21706a2ac681-680x1020Come si può vedere nella foto sopra, sul pavimento di alcune fabbriche sono stati trovati intestini di pollo, nei quali questo tipo di batterio prospera. E' anche capitato che le carcasse dei polli entrassero a contatto con gli stivali del personale, senza che poi i polli fossero scartati. Queste ed altre pratiche aumentano il rischio che il Campylobacter si diffonda. Il batterio colpisce 280.000 persone all'anno nel Regno Unito, e si pensa che abbia causato la morte di un centinaio.Il Campylobacter viene ucciso attraverso la cottura ad alte temperature, ma, come spiega Il Fatto Alimentare, "le contaminazioni avvengono spesso in modo indiretto in cucina attraverso posate o contenitori utilizzati prima per la carne di pollo cruda e poi per altri alimenti". Questo batterio si trova "per lo più nella carne di pollame cruda e nel latte crudo (oltre che in pollli, maiali e bovini vivi), e come la Salmonella può provocare febbre e diarrea".Foto sotto: il Campylobacterc9d50d33-3312-4005-a7c7-10e97606ceb0-620x372La Campylobacteriosi è la prima causa di contaminazione alimentare in Europa, ma in Italia, leggiamo sempre sul Fatto Alimentare, "il batterio risulta pressoché sconosciuto".Tuttavia Antonia Ricci, un esperta dell’Efsa, ha fatto notare che "la situazione è complessa perché gli allevamenti e il sistema di distribuzione alimentare italiano è simile a quello degli altri Paesi e quindi Campylobacter esiste anche da noi. Il problema è che non ci sono piani di monitoraggio obbligatori negli animali o negli alimenti, per cui solo pochi laboratori lo cercano e nelle statistiche ufficiali il temuto microbo risulta pressoché sconosciuto".Per di più, degli studi effettuati dall’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie hanno mostrato che il batterio "è molto diffuso anche in Italia."Seguici su Facebook, Twitter e Google+ se sei interessato alle nostre notizie.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Per proteggere cuore e arterie ci aiutano banane, avocado e spinaci

Il merito va tutto al potassio

Yogurt ritirato dai supermercati per l’etichettatura errata

Il prodotto contiene glutine, quindi pericoloso per allergici e intolleranti

Nuove regole per i livelli del colesterolo cattivo, sempre più basso di 100

E non serve aumentare quello buono, 'non ci sono benefici'

La pasta con la farina d’orzo contrasta l’infarto

Grazie a beta-glucani induce la formazione di 'bypass' naturali

La Prevenzione a tavola ci sta a cuore

Tutte le novità che abbiamo in serbo per voi

Per la salute intestinale scegliere broccoli e cavoletti

Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Functional Foods

Qual è la differenza tra marmellata e confettura?

Sapevate che i due termini non sono affatto sinonimi?

Livelli di rame troppo alti nel vino Barbera

Lotti ritirati

La bevanda fatta in casa ideale per abbassare la pressione

Tra gli ingredienti ci sono alcuni alimenti indicati per chi soffre d'ipertensione

10 luoghi comuni sull’alimentazione assolutamente falsi

La maggior parte delle credenze in ambito alimentare sono completamente false

Meno zuccheri nelle bibite ridurrebbe le malattie legate all’obesità

Meno incidenza di ictus, diabete e cancro ai reni

Dado vegetale: 10 buoni motivi per non usarlo

Il dado industriale contiene ingredienti controversi che sarebbe bene evitare

Trovate larve nelle confezioni di Fiocchi di Avena

Lotto sospeso

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole