lafucina.it
Politica

La situazione economica della Francia è “catastrofica”

L'intervista all'industriale francese Pierre Gattaz

Pubblicato il 26/07/2014 da La Fucina

L'industriale francese Pierre Gattaz ha dichiarato a Le Figaro che la situazione economica della Francia è "catastrofica" per la mancanza di investimenti e l'alta disoccupazione. 
Uno sguardo più profondo mostra che la Francia è non meno impantanata in una crisi economica. La seconda più grande economia della zona Euro (2012 PIL: 2 trilioni €) soffre più di ogni altro membro per un impressionante deterioramento della competitività. In parole povere, i prodotti della Francia - le sue auto, l’acciaio, l’abbigliamento, l’elettronica - costano troppo da produrre rispetto ai beni dei concorrenti, sia dell’Asia che dei suoi vicini europei, tra cui non solo la Germania, ma anche Spagna e Italia. Questo sta causando un forte e sempre crescente calo delle sue esportazioni, ed un calo significativo nel settore manifatturiero e dei servizi che lo supportano.
Anche la Francia è dunque in crisi. Il tasso di disoccupazione tra chi ha meno di 25 anni è a quota 26,5%, di sicuro una performance migliore dell’Italia (ultime statistiche, 41,9%): comunque preoccupante, soprattutto se si considera che da trent’anni quel tasso non scende praticamente sotto il 25%, malgrado i ripetuti tentativi dei governi di destra e di sinistra di lottare contro.
La produzione industriale transalpina nel mese di giugno è stata stimata dall’ufficio statistico di Parigi (Insee) a -1,7% su maggio, quando le attese erano per una crescita dello 0,1%. Pochi giorni fa era stato lanciato l’allarme edilizia, con il settore arretrato dell’1,4% nell’ultimo trimestre sui tre mesi precedenti e le nuove costruzioni tra maggio 2013 e maggio 2014 ai minimi degli ultimi 16 anni. Un dato molto preoccupante, perché si calcola che l’8,5% dell’occupazione francese sia legata al comparto immobiliare, il quale langue in una crisi apparentemente senza sosta, dopo tre anni di contrazioni, nonostante il governo stia cercando di stimolare gli acquisti di case con agevolazioni sui mutui.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Bibite zuccherate e diet fanno invecchiare il cervello

Aumenta rischio demenza e ictus

Mette il sale nella caffettiera: quello che succede è sorprendente

Succo di barbabietola migliora prestazioni cervello

Maggiore connettività in regioni associate alla funzione motoria

Salgono a 1600 casi di morbillo nel 2017, 4 su 10 ricoverati

Monitoraggio Ministero della Salute, età media 27 anni

Caffè ha doppio aromi vino ma solo nonni sanno riconoscerli

Nel dopoguerra tostatura a casa, ora sparite torrefazioni locali

Tribunale, uso scorretto cellulare causa tumore

Sentenza a Ivrea. Legali, Inail condannata a risarcire dipendente azienda

Grassi trans, eliminarli dalla dieta riduce rischio di infarto e ictus

Presenti in diversi alimenti ritenuti “sfiziosi”, come patatine, cibi fritti e prodotti da forno

Da cannabis possibili farmaci per dermatiti e psoriasi

Revisione studi, benefici dovuti a proprietà anti-infiammatorie

Infermiera fingeva di vaccinare bimbi e gettava le fiale

Asl, 'grave violazione doveri', campagna richiamo 500 pazienti

Lorenzin: “Pillola abortiva in consultorio? La 194 non lo prevede”

Lo ha affermato il ministro della Salute rispondendo a un'interrogazione al Question time in Aula alla Camera

È giusto il carcere per i genitori vegani?

È una notizia di qualche tempo fa, ma i giornali la stanno rilanciando in questi giorni

Il Papillomavirus innesca il cancro, causa mille morti l’anno

Vaccino anti-hpv al centro delle polemiche su Report introdotto 11 anni fa

L’inquinamento delle acque, un pericolo per la salute dell’essere umano

Ogni giorno quasi due miliardi di persone sono costrette a bere acqua contaminata

Facebook fa male alla salute mentale

Lo dice uno studio pubblicato ad Harvard

Latte, obbligo etichetta con origine della materia prima

Da domani in Italia su tutte le confezioni di prodotti lattiero-caseari ci sarà un'etichetta che indica l'origine della materia prima