lafucina.it
Ambiente

Acidificazione degli oceani: la prova nelle lumache di mare

Lo studio pubblicato su Proceedings of the Royal Society B

Pubblicato il 28/07/2014 da La Fucina

Acidificazione degli oceani: la prova nelle lumache di mare

I gusci delle lumache di mare stanno iniziando a dissolversi. E' emerso da una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Proceedings of the Royal Society B. Leggiamo su Greenreport: "Un gruppo di ricerca statunitensi della National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa) e dell’Oregon State University ha trovato la prima prova che l’acidità delle acque della piattaforma continentale sta dissolvendo i gusci degli pteropodi, le piccole lumache marine che nuotano al largo della costa occidentale Usa, che forniscono cibo al salmone rosa, allo sgombro e all’aringa. I risultati dello studio sono illustrati nella ricerca “Limacina helicina shell dissolution as an indicator of declining habitat suitability owing to ocean acidification in the California Current Ecosystem”, pubblicata su Proceedings of the Royal Society B".I ricercatori, spiega Greenreport, "stimano che, rispetto all’epoca pre-industriale, la percentuale di pteropodi le cui conchiglie si stanno dissolvendo causa dell’acidificazione degli oceani si sia raddoppiato negli habitat “nearshore” ed che sia sulla strada per triplicare entro il 2050, quando le acque costiere diventano il 70% più corrosive che nell’epoca pre-industriale a causa dell’acidificazione degli oceani di origine antropica".Nina Bednarsek, del Pacific Marine Environmental Laboratory del Noaa di Seattle, una degli autori principali dello studio, ha dichiarato in merito:"I nostri risultati sono la prima prova che una grande frazione della popolazione pteropodi della West Coast è colpita dall’acidificazione degli oceani. La dissoluzione delle conchiglie degli pteropodi costieri indicano la necessità di studiare come l’acidificazione può interessare il più grande ecosistema marino. Queste acque vicino alla riva sono l’habitat essenziale per una grande diversità di specie marine, tra cui molti pesci economicamente importanti, che sostengono le economie costiere e ci forniscono il cibo".L'anidride carbonica assorbita nell'oceano è la causa dell'aumento della corrosività delle acque ed è stato scoperto che "la più alta percentuale di pteropodi campionati con le conchiglie in dissoluzione era lungo un tratto delle piattaforma continentale che va dal nord dello Stato di Washington al centro della California, dove il 53% degli pteropodi aveva conchiglie gravemente disciolte".Il fenomeno potrebbe provocare danni simili ad altri esemplari, infatti Richard Feely del Pacific Marine Environmental Lab della Noaa ha spiegato che sono "necessarie ulteriori ricerche per studiare come le acque corrosive possono interessare altre specie nell’ecosistema. Sappiamo che organismi come le larve di ostriche e gli pteropodi sono influenzati dall’ acqua arricchita di anidride carbonica. Gli impatti su altre specie, come gli altri frutti di mare e le larve o i giovani di pesci che hanno rilevanza economica, non sono ancora pienamente compresi".Seguici su Facebook, Twitter e Google+ se sei interessato alle nostre notizie.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Ritirati lotti di Salsiccia Sarda Campidanese

Il Gruppo Auchan l'ha richiamata a titolo precauzionale e volontario

Oms, misure contro tabacco per 63% popolazione mondiale

Numeri in crescita, ma industria interferisce con politiche

Vaccini, Senato approva decreto

Con 171 sì, 63 no e 19 astenuti

Via libera Ue a riduzione sostanza cancerogena acrilammide in fritture

Ma no limiti vincolanti. Si trova in patatine, caffè e prodotti forno

I 10 benefici dell’anguria

Scopri quanti effetti benefici ha l'anguria, il frutto dell'estate

Il sonnellino dura più di un’ora? Rischi il diabete di tipo 2

Studio giapponese presentato a Monaco, ma esperti Gb lo confutano

Da nuova classe farmaci speranze anche per Diabete tipo 1

Purrello (Sid), bloccare glucagone può avere un impatto clinico

Charlie, Parlamento Usa gli concede cittadinanza così potrà essere curato in America

L'incontro di ieri con gli esperti non aveva convinto i medici inglesi

Spossatezza, crampi fino al collasso tra gli effetti del troppo caldo

Esperti, importanti alimentazione 'multicolor' e idratazione

I cibi anti-età che fanno sparire le rughe

Il mal di testa si può curare anche con gli impulsi elettrici

Studio italiano dimostra efficacia neurostimolazione

Tumore vescica, fumo principale fattore rischio

78% italiani non sa che si può prevenire, 37% non ne ha mai sentito parlare

Dieta mediterranea, alleato nei pazienti oncologici

Libro consiglia alimenti e ricette di supporto alle cure

Istamina nel tonno, ritirato il tonno in scatola all’olio di girasole Algarve

Potrebbe provocare la sindrome sgombroide

Ministero Salute, anomalie su 1% cibi e bevande controllate

Dati 2016, infrazioni sul 25% di impianti e mezzi di trasporto