lafucina.it
Ambiente

Acidificazione degli oceani: la prova nelle lumache di mare

Lo studio pubblicato su Proceedings of the Royal Society B

Pubblicato il 28/07/2014 da La Fucina

Acidificazione degli oceani: la prova nelle lumache di mare

I gusci delle lumache di mare stanno iniziando a dissolversi. E' emerso da una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Proceedings of the Royal Society B. Leggiamo su Greenreport: "Un gruppo di ricerca statunitensi della National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa) e dell’Oregon State University ha trovato la prima prova che l’acidità delle acque della piattaforma continentale sta dissolvendo i gusci degli pteropodi, le piccole lumache marine che nuotano al largo della costa occidentale Usa, che forniscono cibo al salmone rosa, allo sgombro e all’aringa. I risultati dello studio sono illustrati nella ricerca “Limacina helicina shell dissolution as an indicator of declining habitat suitability owing to ocean acidification in the California Current Ecosystem”, pubblicata su Proceedings of the Royal Society B".I ricercatori, spiega Greenreport, "stimano che, rispetto all’epoca pre-industriale, la percentuale di pteropodi le cui conchiglie si stanno dissolvendo causa dell’acidificazione degli oceani si sia raddoppiato negli habitat “nearshore” ed che sia sulla strada per triplicare entro il 2050, quando le acque costiere diventano il 70% più corrosive che nell’epoca pre-industriale a causa dell’acidificazione degli oceani di origine antropica".Nina Bednarsek, del Pacific Marine Environmental Laboratory del Noaa di Seattle, una degli autori principali dello studio, ha dichiarato in merito:"I nostri risultati sono la prima prova che una grande frazione della popolazione pteropodi della West Coast è colpita dall’acidificazione degli oceani. La dissoluzione delle conchiglie degli pteropodi costieri indicano la necessità di studiare come l’acidificazione può interessare il più grande ecosistema marino. Queste acque vicino alla riva sono l’habitat essenziale per una grande diversità di specie marine, tra cui molti pesci economicamente importanti, che sostengono le economie costiere e ci forniscono il cibo".L'anidride carbonica assorbita nell'oceano è la causa dell'aumento della corrosività delle acque ed è stato scoperto che "la più alta percentuale di pteropodi campionati con le conchiglie in dissoluzione era lungo un tratto delle piattaforma continentale che va dal nord dello Stato di Washington al centro della California, dove il 53% degli pteropodi aveva conchiglie gravemente disciolte".Il fenomeno potrebbe provocare danni simili ad altri esemplari, infatti Richard Feely del Pacific Marine Environmental Lab della Noaa ha spiegato che sono "necessarie ulteriori ricerche per studiare come le acque corrosive possono interessare altre specie nell’ecosistema. Sappiamo che organismi come le larve di ostriche e gli pteropodi sono influenzati dall’ acqua arricchita di anidride carbonica. Gli impatti su altre specie, come gli altri frutti di mare e le larve o i giovani di pesci che hanno rilevanza economica, non sono ancora pienamente compresi".Seguici su Facebook, Twitter e Google+ se sei interessato alle nostre notizie.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Le sigarette elettroniche potrebbero causare danni al Dna delle cellule del sangue

Lo afferma lo studio dell'Unibo

Obesità adolescenziale, rischi per il fegato nel futuro

Risultati di una ricerca del Karolinska Institutet di Stoccolma e dell'Università di Lund

Caffè ‘viagra naturale’: fino a 3 tazzine per l’effetto anti-flop

Insieme al movimento è l'ideale per rapporti sessuali soddisfacenti e fertilità

La soia fa bene o fa male?

Siamo sicuri che sia così e che la soia sia davvero una panacea?

Ue, stop all’aranciata senza arancia

La Commissione Ue innalza la quantità di succo al 20%. Italia in regola dal marzo 2018

Basta mezz’ora al telefonino per rischiare mal di testa

no studio del gruppo di ricercatori diretti dall'ex presidente della Società italiana di neurologia, Aldo Quattrone

Tumori, 5 caffè al giorno dimezzano rischio cancro fegato

Secondo una ricerca diretta da Oliver Kennedy, dell'University of Southampton

Infarto, nel 30% dei casi c’è lo zampino del sistema immunitario

Studio Gemelli, al via cure su misura per i diversi tipi arresto cuore

Tumore al polmone, dopo 40 anni cambia la cura d’attacco

Sì di Aifa a immuno-oncologia, 70% pazienti vivo a un anno

Riabilitato il sugo con soffritto di cipolla e aglio, fa bene al cuore

Studio, la cottura lunga sprigiona molecole benefiche per la salute

Cassazione conferma maxisequestro spaghetti ‘made in Turkey’

'Indicazioni fallaci'. Respinto ricorso ad pasta 'Garofalo'

Penne rigate Combino richiamate da Lidl e dal produttore

“Pasta Zara”, per possibile presenza di tracce di soia. Rischio per gli allergici

Pediatri Usa, stop ai succhi di frutta sotto l’anno età

Non sono un buon sostituto della frutta fresca e servono solo a consumare più zucchero e calorie

Torna la pasta da grani antichi, +250 volte in 20 anni

Nel 2017 record 2,5 mln di kg per lo storico 'senatore' Cappelli

Scagionato il Viagra, assumere la pillola blu non provoca melanoma

Studio dei ricercatori della New York University, l'aumento dei casi dipende da un maggior numero di diagnosi