lafucina.it
Cibo e Salute

Omega 3 pesce: ciò che si sa forse è sbagliato

Lo studio mai dimostrato scientificamente

Pubblicato il 05/08/2014 da La Fucina

Omega 3 pesce: ciò che si sa forse è sbagliato


Nel 1970 Hans Olaf Bang e Jørn Dyerberg, due ricercatori danesi, si avventurarono a nord del Circolo Polare Artico e si misero ad osservare delle popolazioni Inuit e conclusero che mangiare tanto pesce difendeva loro dalle malattie cardiache.Questo comportava, sempre secondo i due, che il discorso fatto per gli Inuit valesse anche per tutti gli altri esseri umani, e venne così sostenuto un trend che continua ai giorni nostri: il nostro cuore e le nostre arterie trarrebbero benefici da una dieta basata prevalentemente sul pesce.Il problema, scrive Business Insider, è che non è mai stato dimostrato che tra gli Inuit c'era un rischio più basso di contrarre malattie cardiache, nessun test è stato mai effettuato. Tuttavia il mercato di capsule di olio di pesce prospera, nel mentre che gli scienziati conducono esperimenti per trovare un collegamento tra il benessere del cuore e l'assunzione di omega 3 e olio di pesce.I due ricercatori danesi si recarono ad Uummannaq, un centro abitato in Groenlandia, dove vivevano al tempo 1.350 anime e lì prelevarono dei campioni di sangue da 300 di essi. Dalle analisi emerse che gli Inuit avevano livelli più bassi di lipidi come colesterolo e trigliceridi rispetto ai danesi, e avevano, in proporzione, più molecole di acidi Omega-3, che si trovano in pesce, olio di pesce, crostacei, noci, etc.Poi i due scienziati analizzarono dei campioni del cibo mangiato dalla popolazione del posto, che era, fondamentalmente, carne di foca, balena e uccelli marini e pesce. Da tali abitudini ci si potrebbe aspettare un maggiore rischio di contrarre malattie cardiache, ma secondo Bang e Dyerberg questa, anzi, aveva l'effetto contrario.I risultati della ricerca dei due danesi mostra un collegamento tra un cuore sano e il mangiare pesce, ma non prova in alcun modo che il benessere derivi dalle sostanze in esso contenute. I due scienziati hanno riportato i dati globali, ma non hanno esaminato caso per caso gli Inuit della Groenlandia: chi mangia più pesce potrebbe anche assumere delle altre sostanze che danneggiano il cuore in quantità minori, oppure avere uno stile di vita più sano.Sei su Facebook? Segui la nostra pagina se ti interessano le nostre notizie!

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ se sei interessato alle nostre notizie.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Ritirati lotti di Salsiccia Sarda Campidanese

Il Gruppo Auchan l'ha richiamata a titolo precauzionale e volontario

Oms, misure contro tabacco per 63% popolazione mondiale

Numeri in crescita, ma industria interferisce con politiche

Vaccini, Senato approva decreto

Con 171 sì, 63 no e 19 astenuti

Via libera Ue a riduzione sostanza cancerogena acrilammide in fritture

Ma no limiti vincolanti. Si trova in patatine, caffè e prodotti forno

I 10 benefici dell’anguria

Scopri quanti effetti benefici ha l'anguria, il frutto dell'estate

Il sonnellino dura più di un’ora? Rischi il diabete di tipo 2

Studio giapponese presentato a Monaco, ma esperti Gb lo confutano

Da nuova classe farmaci speranze anche per Diabete tipo 1

Purrello (Sid), bloccare glucagone può avere un impatto clinico

Charlie, Parlamento Usa gli concede cittadinanza così potrà essere curato in America

L'incontro di ieri con gli esperti non aveva convinto i medici inglesi

Spossatezza, crampi fino al collasso tra gli effetti del troppo caldo

Esperti, importanti alimentazione 'multicolor' e idratazione

I cibi anti-età che fanno sparire le rughe

Il mal di testa si può curare anche con gli impulsi elettrici

Studio italiano dimostra efficacia neurostimolazione

Tumore vescica, fumo principale fattore rischio

78% italiani non sa che si può prevenire, 37% non ne ha mai sentito parlare

Dieta mediterranea, alleato nei pazienti oncologici

Libro consiglia alimenti e ricette di supporto alle cure

Istamina nel tonno, ritirato il tonno in scatola all’olio di girasole Algarve

Potrebbe provocare la sindrome sgombroide

Ministero Salute, anomalie su 1% cibi e bevande controllate

Dati 2016, infrazioni sul 25% di impianti e mezzi di trasporto