lafucina.it
Zapping

Scoperta nuova specie di medusa gigante velenosa

Scienziati sorpresi in quanto sembra che l'esemplare non abbia tentacoli

Pubblicato il 08/08/2014 da La Fucina

Scoperta nuova specie di medusa gigante velenosa


La scoperta di una medusa gigante a largo della costa dell'Australia occidentale ha lasciato gli scienziati "senza parole" in quanto pare che l'esemplare non abbia tentacoli, riporta il quotidiano britannico The Guardian.Le Keesingia gigas sono uno dei due tipi di meduse Irukandji scoperte di recente da Lisa-ann Gershwin, direttore del Marine Stinger Advisory Services.5650486-3x2-940x627Le Irukandji sono meduse di piccole dimensioni ed estremamente velenose, di solito non più grandi di un dito, mentre quelle che sono state trovate in Australia sono grandi quanto un braccio e si crede che possano causare la letale Sindrome di Irukandji, che produce dolori in varie parti del corpo e a volte è necessario persino il ricovero per guarire. La patologia può causare vomito, nausea, insonnia, ipertensione arteriosa, emicrania, e, in casi estremi, arresti cardiaci e ictus.La Keesingia gigas fu fotografata per la prima volta negli anni '80 e il primo campione fu catturato per la prima volta nei pressi di Shark Bay da John Keesing, da cui la medusa prende il nome. Gershwin del Marine Stinger Advisory Services ha detto che dalle fotografie sembra che la Keesingia gigas non abbia tentacoli e che il campione raccolto non ne presenta: "Le meduse hanno sempre i tentacoli, è il loro modo di procurarsi il cibo", ha spiegato. Ciò che non si spiega è che nei tentacoli si trovano i "pungiglioni" delle meduse, eppure alcuni scienziati che lavorano con Gershwin sono stati punti e sono anche stati colpiti dalla Sindrome di Irukandji. Per questo motivo la ricercatrice ha ipotizzato che questa specie possa avere i tentacoli, ma i campioni fotografati e raccolti "per qualche motivo" non li hanno più.Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie

Puoi seguirci anche su Twitter e Google+.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Contro cellulite depurarsi per restituire ossigeno a cellule

L'80% delle donne con cellulite farebbe qualsiasi cosa per eliminarla

Malattie della tiroide, identificato bersaglio per terapie innovative

Uno studio pubblicato su EMBO Molecular Medicine

Ritirate le crostatine al cacao e albicocca per rischio microbiologico

Contaminazione non omogenea da miceti

Vaccini, via libera a decreto su obbligo a scuola

Introduce l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’accesso alla scuola

Consumo di yogurt e migliore salute delle ossa in età avanzata

Lo sostengono i ricercatori irlandesi del Trinity College di Dublino

Sembra mal di schiena ma non lo è, 18.000 italiani colpiti

Per Spondilite anchilosante spesso diagnosi arriva dopo anni

Sos grano duro: in Italia calo delle semine dell’8,3%

In Canada atteso un calo produzione (-29%) ma export a +6,7%

Caffè e cuore, è nato un amore: la tazzina che fa bene

Studio, un consumo moderato aiuta le persone sane e anche chi ha problemi cardiaci

Carni rosse aumentano il rischio di morte per 9 malattie

Rischio di morire di cancro, problemi cardiaci, malattie respiratorie, ictus, diabete, infezioni, Alzheimer, malattie di reni e di fegato

Trombosi ed embolia sono i big killer degli italiani

Alt, colpiscono il doppio rispetto ai tumori, ma meno temute

Obesi ‘sani’ falso mito, anche loro rischiano infarto e ictus

Dal Portogallo arriva uno studio che mette in crisi l'orgoglio curvy

Lievito madre pane toscano Dop: alto valore salutistico

Un team dell'Università di Pisa ha sequenziato il Dna delle popolazioni di lieviti e batteri lattici del pane toscano

Centinaia di ricoveri per il tonno spagnolo avariato

Finiti in ospedale per una sospetta intossicazione

Sbloccato l’export in Cina degli agrumi italiani

Martina, prime spedizioni già a partire da prossima campagna commerciale

Tumori, nuova terapia genica spinge le cellule cancerose al suicidio

La proposta di un gruppo di ricercatori della Scuola di Medicina dell'Università di Pittsburgh