lafucina.it
Cibo e Salute

La claritromicina associata a maggiore rischio di infarto

Lo studio pubblicato sul British Medical Journal

Pubblicato il 22/08/2014 da La Fucina

La claritromicina associata a maggiore rischio di infarto


La claritromicina, uno degli antibiotici che più vengono prescritti dai medici è stata associata ad un maggiore rischio di morte a causa di infarto. Lo riporta l'Independent.Questo antibiotico viene impiegato per curare diverse infezioni batteriche e viene somministrato a milioni di persone ogni anno. Il suo utilizzo è già sconsigliato a chi soffre di malattie cardiache, ma da uno studio di alcuni ricercatori danesi è emerso che questo farmaco causa 37 morti potenziali ed evitabili su 1 milione rispetto agli altri antibiotici.Nonostante il rischio sia relativamente basso, è stato detto che il fatto che la claritromicina sia stata prescritta a così tante persone significa che c'è bisogno di una "urgenta conferma" di questa scoperta. Ad ogni modo, per ora non è stata richiesto alcuno stop alla prescrizione del medicinale.La claritromicina appartiene ad un gruppo di antibiotici che si chiamano macrolidi, conosciuti per l'effetto che hanno sul ritmo dell'attività muscolare del cuore umano, l'intervallo QT, e perciò aumentano il rischio che si abbiano problemi che potrebbero rivelarsi fatali.I dottori prestano estrema attenzione nel somministrare i macrolidi ai pazienti affetti dalla "Sindrome del QT lungo", che causa episodi di Aritmia, ovvero l'alterazione del ritmo cardiaco normale.L'uso costante di claritromicina fa aumentare del 76% il rischio di morte a causa di infarto rispetto ad antibiotici simili come la penicillina V, riporta uno studio pubblicato ieri sul British Medical Journal.Sei su Facebook? Aiutaci a far girare questa notizia

Seguici anche su Twitter e Google+.

La claritromicina associata a maggiore rischio di infarto






La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Obesità adolescenziale, rischi per il fegato nel futuro

Risultati di una ricerca del Karolinska Institutet di Stoccolma e dell'Università di Lund

Caffè ‘viagra naturale’: fino a 3 tazzine per l’effetto anti-flop

Insieme al movimento è l'ideale per rapporti sessuali soddisfacenti e fertilità

La soia fa bene o fa male?

Siamo sicuri che sia così e che la soia sia davvero una panacea?

Ue, stop all’aranciata senza arancia

La Commissione Ue innalza la quantità di succo al 20%. Italia in regola dal marzo 2018

Basta mezz’ora al telefonino per rischiare mal di testa

no studio del gruppo di ricercatori diretti dall'ex presidente della Società italiana di neurologia, Aldo Quattrone

Tumori, 5 caffè al giorno dimezzano rischio cancro fegato

Secondo una ricerca diretta da Oliver Kennedy, dell'University of Southampton

Infarto, nel 30% dei casi c’è lo zampino del sistema immunitario

Studio Gemelli, al via cure su misura per i diversi tipi arresto cuore

Tumore al polmone, dopo 40 anni cambia la cura d’attacco

Sì di Aifa a immuno-oncologia, 70% pazienti vivo a un anno

Riabilitato il sugo con soffritto di cipolla e aglio, fa bene al cuore

Studio, la cottura lunga sprigiona molecole benefiche per la salute

Cassazione conferma maxisequestro spaghetti ‘made in Turkey’

'Indicazioni fallaci'. Respinto ricorso ad pasta 'Garofalo'

Penne rigate Combino richiamate da Lidl e dal produttore

“Pasta Zara”, per possibile presenza di tracce di soia. Rischio per gli allergici

Pediatri Usa, stop ai succhi di frutta sotto l’anno età

Non sono un buon sostituto della frutta fresca e servono solo a consumare più zucchero e calorie

Torna la pasta da grani antichi, +250 volte in 20 anni

Nel 2017 record 2,5 mln di kg per lo storico 'senatore' Cappelli

Scagionato il Viagra, assumere la pillola blu non provoca melanoma

Studio dei ricercatori della New York University, l'aumento dei casi dipende da un maggior numero di diagnosi

Le sigarette light? Sono più pericolose di quelle normali

Associate all’aumento di adenocarcinoma, comune tumore al polmone