lafucina.it
Società

Foto ‘femore alieno’ Marte? Si tratta di pareidolia

La tendenza umana a 'ricondurre a forme note oggetti o profili dalla forma casuale'

Pubblicato il 22/08/2014 da La Fucina

Foto 'femore alieno' Marte: prova di vita extraterrestre?


Un "femore alieno" sarebbe stato individuato su Marte. Per i cacciatori di alieni la foto scattata dalla sonda Mastcam il 14 agosto scorso è la prova che Marte una volta era abitata da esseri viventi, probabilmente animali giganti, forse dinosauri."Questo mostra che una volta una volta c'erano essere viventi su Marte", afferma un anonimo editorialista sul sito Northern Voices Online, mentre il famoso sito UFO Blogger paragona il ritrovamento con vecchie immagini di una spina dorsale di un rettile fossilizzata e di un dito umano.In realtà questi ritrovamenti sono testimonianza della straordinaria capacità dell'uomo di individare dei pattern noti in ogni dove e non la prova della fauna di Marte di una volta. La pareidolia è, si legge su Wikipedia, "l'illusione subcosciente che tende a ricondurre a forme note oggetti o profili dalla forma casuale". E un celebre esempio è il Volto su Marte, detto anche Faccia su Marte o Volto di Cydonia, la foto di un altopiano marziano scattata dalla NASA nel '76 che presenta sembianze antropomorfe per via della combinazione dell'angolo d'illuminazione e della bassa risoluzione dell'immagine con la nostra tendenza, appunto, a "riconoscere motivi familiari, specialmente volti", spiega Wikipedia.Foto sotto: il Volto su MarteMartian_face_viking_croppedQuesta era una qualità che tornava molto utile ai nostri antenati quando si trovavano a dover identificare un potenziale predatore in mezzo al fogliame, mentre oggi ci porta più che altro ad individuare forme note negli oggetti inanimati.Sei su Facebook? Aiutaci a far girare questa notizia

Puoi seguirci anche su Twitter e Google+.

Foto 'femore alieno' Marte: prova di vita extraterrestre?






La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Le sigarette elettroniche potrebbero causare danni al Dna delle cellule del sangue

Lo afferma lo studio dell'Unibo

Obesità adolescenziale, rischi per il fegato nel futuro

Risultati di una ricerca del Karolinska Institutet di Stoccolma e dell'Università di Lund

Caffè ‘viagra naturale’: fino a 3 tazzine per l’effetto anti-flop

Insieme al movimento è l'ideale per rapporti sessuali soddisfacenti e fertilità

La soia fa bene o fa male?

Siamo sicuri che sia così e che la soia sia davvero una panacea?

Ue, stop all’aranciata senza arancia

La Commissione Ue innalza la quantità di succo al 20%. Italia in regola dal marzo 2018

Basta mezz’ora al telefonino per rischiare mal di testa

no studio del gruppo di ricercatori diretti dall'ex presidente della Società italiana di neurologia, Aldo Quattrone

Tumori, 5 caffè al giorno dimezzano rischio cancro fegato

Secondo una ricerca diretta da Oliver Kennedy, dell'University of Southampton

Infarto, nel 30% dei casi c’è lo zampino del sistema immunitario

Studio Gemelli, al via cure su misura per i diversi tipi arresto cuore

Tumore al polmone, dopo 40 anni cambia la cura d’attacco

Sì di Aifa a immuno-oncologia, 70% pazienti vivo a un anno

Riabilitato il sugo con soffritto di cipolla e aglio, fa bene al cuore

Studio, la cottura lunga sprigiona molecole benefiche per la salute

Cassazione conferma maxisequestro spaghetti ‘made in Turkey’

'Indicazioni fallaci'. Respinto ricorso ad pasta 'Garofalo'

Penne rigate Combino richiamate da Lidl e dal produttore

“Pasta Zara”, per possibile presenza di tracce di soia. Rischio per gli allergici

Pediatri Usa, stop ai succhi di frutta sotto l’anno età

Non sono un buon sostituto della frutta fresca e servono solo a consumare più zucchero e calorie

Torna la pasta da grani antichi, +250 volte in 20 anni

Nel 2017 record 2,5 mln di kg per lo storico 'senatore' Cappelli

Scagionato il Viagra, assumere la pillola blu non provoca melanoma

Studio dei ricercatori della New York University, l'aumento dei casi dipende da un maggior numero di diagnosi