lafucina.it
Cibo e Salute

Allevamento intensivo polli video: da nascita al macello

Uno spezzone del documetario La terra vista dal cielo

Pubblicato il 27/08/2014 da La Fucina
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Allevamento intensivo polli video: da nascita al macello


"Nel nostro pianeta si mangiano circa 45 miliardi di polli l'anno, e non è possibile lasciarli liberi per l'aia come una volta. Perciò è nato l'allevamento intensivo", spiega Yann Arthus-Bertrand, fotografo e ambientalista francese che ha prodotto e diretto il documentario La terra vista dal cielo, da cui è tratto il video che potete vedere. Il documentario mostra il modo in cui quasi tutti i polli che vengono messi in vendita nel mondo vengono allevati e macellati.I pulcini nascono negli stabilimenti, che dispongono di incubatrici per uova, ognuna delle quali può contenere fino a 57.600 gusci. "Con l'incubazione artificiale imitiamo la natura", spiega un impiegato dello stabilimento, che aggiunge: "questi pulcini sono già nati".Dopo che l'uovo si schiude i pulcini hanno "il primo contatto col mondo esterno: macchine rumorose e gelido acciaio", ma "non tutti ne usciranno vivi". I pulcini dovranno essere pronti per i nostri piatti in 50 giorni, un periodo di tempo che non è però sufficiente allo sviluppo completo del loro organismo: "le ossa, i polmoni e il cuore non si svilupperanno normalmente", viene spiegato nel video. Ma questo non importa, fa notare la voce narrante, "è la carne che conta" e i polli "sono a metà del loro ciclo vitale" quando vengono messi in commercio.Dopo 8 settimane (6 in alcune strutture) i polli vengono trasportati in una "zona dello stordimento" e immersi in una vasca di acqua elettrificata in modo che perdano conoscenza. Dopo essere stati storditi vengono uccisi da una lama rotante.Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie

Puoi seguirci anche su Twitter e Google+.

Allevamento intensivo polli video: da nascita al macello






La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma

Basta poco alcol al giorno per aumentare il rischio di tumori della pelle

Non riguarda il melanoma, l'ipotesi e' che l'etanolo possa impedire la riparazione del Dna

Lo yoga ha effetti positivi sulla depressione

Lo sostengono diversi studi presentati lo scorso 3 agosto a Washington

L’allattamento riduce il rischio di tumore al seno nelle mamme

Ogni cinque mesi in più il rischio è inferiore del 2%

Penny Market richiama lotto di Acqua Monteverde minerale naturale

Possibile presenza di corpi estranei, in particolare di pulviscolo e particelle di natura inorganica inerte

Germania, ritirate dal mercato milioni di uova olandesi contaminate

Milioni di uova provenienti da Olanda e Belgio ritirate dagli scaffali dei supermercati tedeschi

Bere moderatamente vino abbassa il rischio demenza

Ecco i risultati di un imponente studio durato trent'anni