lafucina.it
Politica

I musulmani lanciano #BurnISISFlagChallenge

Bruciano le bandiere e pubblicano video e foto sui Social Network

Pubblicato il 08/09/2014 da La Fucina

I musulmani lanciano #BurnISISFlagChallenge


Centinaia di musulmani nelle ultime ore stanno manifestando tutta la loro collera contro lo Stato Islamico. E dopo i primi video di protesta possiamo parlare di una vera e propria catena che ha inondato la Rete. I musulmani lanciano una sfida proponendo la loro versione dell'Ice Bucket contro Israele e bruciano la bandiera del gruppo terroristico. Numerosi i video e le foto che sono apparsi su Twitter su YouTube e sui vari social network. Immagini molto dure che mostrano attivisti americani in Libano dar fuoco alla bandiera jihadista nera.  "L'ondata di disgusto viene dopo le decapitazioni nauseanti di due giornalisti americani che sono stati anche denunciati dall'odio religioso Abu Qatada" (Fonte). I primi video fanno capo a un gruppo di studenti in Libano. Anche a Londra gruppi musulmani organizzati hanno manifestato la loro rabbia bruciando la bandiera dello Stato Islamico. Outrage è il nome del movimento che utilizza le hastags #BurnISISFlagChallenge e #BurnISIS. E proprio in queste ore una foto scattata a Londra e pubblicata su Twitter sta facendo il giro del mondo. L'immagine mostra un gruppo di manifestanti che incendiano una bandiera. Il messaggio è chiaro: "La versione del mondo arabo dell'Ice Bucket sfida". Una seconda foto riprende una donna di mezza età che tiene in mano una bandiera consumata dalle fiamme. Il commento che accompagna l'immagine urla: "Bruciate quella bandiera! Uccidete gli sbandieratori!". Non solo foto ma anche video su YouTube. Uno in particolare che ha già superato le 100.000 visite invita la gente a seguire l'esempio e fare lo stesso: "Io nomino tutto il mondo per la #BurnISISFlagChallenge. Avete 24 ore, Forza!". Va puntualizzato che anche Qatada, recentemente estradato dalla Gran Bretagna in Giordania con l'accusa di terrorismo, ha condannato le tattiche barbare impiegate dallo Stato islamico. Parlando ai giornalisti sulle decapitazioni di James Foley e Steven Sotloff, ha detto: "I giornalisti non dovrebbero essere uccisi perché sono messaggeri della verità". (Fonte)

I musulmani lanciano #BurnISISFlagChallenge






La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Menopausa precoce si tiene a bada con tofu, soia e pane nero

Consumare molte proteine vegetali è il segreto per allungare potenzialmente la propria vita riproduttiva

Lorenzin, da luglio defibrillatori in tutti gli impianti sportivi

Firmato decreto con ministero dello Sport. Lotti, mantenuta promessa

Dott. Mozzi: mal di testa e alimentazione

Caldo, l’allarme del cardiologo: “Rischio svenimenti e aritmie”

Molti anziani finiscano in pronto soccorso per malori legati al gran caldo

Come sbiancare il bucato con l’aspirina

Un metodo semplice ed efficace

Allarme colazione, per 10 mln ‘addio’ al modello italiano

Indagine Aidepi, tra falsi miti condanna grassi e no carboidrati

Lettini solari,in 30 anni hanno fatto aumentare tumori pelle

Oms, ogni anno causano 450mila casi tra Usa, Europa e Australia

Tumore al rene, in Italia 120 mila persone vive dopo la diagnosi

Lorenzin: “Dolorosissima morte bimbo ucciso da morbillo”

Bisogna rispettare la medicina e le verità scientifiche per fare il bene dei nostri figli

Muore bimbo di 6 anni per complicanze da morbillo

Affetto da leucemia, ricoverato a Monza. Contagiato da fratelli non vaccinati

L’estratto di uva può proteggere contro il cancro al colon

Bene i test sugli animali, agisce sulle staminali tumorali

Sciroppo per la tosse ritirato dagli scaffali

Allarme nelle farmacie

I dolcificanti aumentano il rischio di diabete

Peggio dello zucchero, aumentano il rischio di diabete e obesità

Diabete, dai broccoli una sostanza utile per il controllo della glicemia?

Il sulforafano potrebbe rivelarsi utile per il trattamento del diabete di tipo 2

Morbillo, Oms: “In Europa oltre 5mila casi, il 43% in Italia”

Preoccupazione per la situazione attuale