lafucina.it
Politica

Produzione industriale Italia: -25% in 7 anni

Crisi nel settore dell'Industria. La pagella dell'Europa.

Pubblicato il 15/09/2014 da La Fucina

 

Produzione industriale Italia: -25% in 7 anni

 L'Italia cade a picco nella produzione dell'industria: nel 2013 ha perso circa un ulteriore 5%, toccando circa il -25%, rispetto ai risultati datati 2007. Questo è il prezzo della crisi economica. Il rapporto annuale della Commissione Ue sulla competitività inserisce l'Italia tra i paesi ad "alta competitività ma stagnante o in declino". Non siamo soli: a farci compagnia nella black list ci sono Francia, Gran Bretagna, Belgio, Lussemburgo, Svezia, Finlandia e Austria. Il dato si fa ancora più allarmante, se si considera che questo pericoloso crollo ha colpito settori nuovi. Tra questi quello degli elettrodomestici, dell'auto, delle calzature. Mercati trainanti, che hanno sempre tenuto a galla la tragica situazione economica. (Fonte) Molte le cause. Poche però le proposte innovative e rivoluzionarie. Una produttività decisamente ferma, stagnante accompagnata dal costo esagerato e insostenibile dell'energia (fra i più alti d'Europa). E' la Comunità europea a farci sapere che l'Italia è il sesto paese con il prezzo dell'elettricità ai consumatori più elevato. A seguire: Danimarca, Germania, Cipro Belgio e Svezia (Fonte). La buona notizia (se così si può dire) riguarda la manifattura italiana che mantiene una percentuale del valore aggiunto del pil di 15,5% (quindi al di sopra della media Ue 15,1%). Una produttività che rimane decisamente piegata. E da Bruxelles ci fanno sapere che la lenta crescita è principalmente dovuta all'inefficienza nell'allocazione delle risorse. Se è vero che l'Italia mantiene un tasso di investimento pari ai Paesi in area euro è altrettanto dimostrato che scende drasticamente il livello di efficienza del capitale. Il rapporto della Commissione europea parla di eventuale ripresa lenta e stagnante, smossa con fatica dalla fiducia delle imprese con un lieve miglioramento dovuto alla crescita degli ordini delle esportazioni. 

Produzione industriale Italia: -25% in 7 anni

 





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Oltre il 50% degli uomini con diabete soffre di disfunzione erettile

Esperto, 'problema da sondare, rischio problemi cardiovascolari'

Controlli Nas su sicurezza alimentare, 18 denunce in E-R

Nel Riminese sospeso albergo da 3 mln, 50 posti in esubero

Insonnia e rischio demenza

Studio pubblicato sulla rivista Brain dai ricercatori della Washington University di St. Louis (Usa)

Charlie, i genitori al giudice: “Vogliamo portarlo a casa”

Le diete vegetariana e vegana hanno la stessa sostenibilità

Studio di 5 atenei sull'impatto delle diete sull'ambiente

Vene varicose addio, arriva trattamento senza anestesia

Un problema non solo estetico, ma che riguarda anche la salute delle gambe

Charlie Gard, i genitori ritirano la domanda per portarlo negli Usa

Si chiude la battaglia legale: «C'era una finestra di due mesi. Tristemente per Charlie ora è troppo tardi. Il trattamento non offre più chance di successo»

Riso e grano per pasta, obbligo etichetta di origine

Martina e Calenda firmano decreti anticipando la Ue

Ritirati lotti di Salsiccia Sarda Campidanese

Il Gruppo Auchan l'ha richiamata a titolo precauzionale e volontario

Oms, misure contro tabacco per 63% popolazione mondiale

Numeri in crescita, ma industria interferisce con politiche

Vaccini, Senato approva decreto

Con 171 sì, 63 no e 19 astenuti

Via libera Ue a riduzione sostanza cancerogena acrilammide in fritture

Ma no limiti vincolanti. Si trova in patatine, caffè e prodotti forno

I 10 benefici dell’anguria

Scopri quanti effetti benefici ha l'anguria, il frutto dell'estate

Il sonnellino dura più di un’ora? Rischi il diabete di tipo 2

Studio giapponese presentato a Monaco, ma esperti Gb lo confutano

Da nuova classe farmaci speranze anche per Diabete tipo 1

Purrello (Sid), bloccare glucagone può avere un impatto clinico