lafucina.it
Politica

La moneta unica mette in ginocchio l’Europa

La dura analisi del premio nobel Paul Krugman contro l'Euro

Pubblicato il 18/09/2014 da La Fucina

La moneta unica mette in ginocchio l'Europa

 Paul Krugman, nel suo ultimo post del blog sul The New York Times, non lascia spazio ad equivici scrivendo: "Quando la crisi del 2008 ha colpito, chi conosceva anche un po 'di storia ha avuto incubi su un replay del 1930". La grande depressione, detta anche crisi del '29, grande crisi o crollo di Wall Street, fu una grave crisi economica e finanziaria che sconvolse l'economia mondiale alla fine degli anni venti, con forti ripercussioni durante i primi anni del decennio successivo. Krugman precisa che la crisi non è stata grave solo per la profondità della depressione, ma anche per la spirale politica discendente verso la dittatura e la guerra. Ma la crisi bancaria è stata contenuta, il tuffo della produzione e dell'occupazione livellato, e la cultura politica democratica moderna d'Europa si è dimostrata più resistente di quella degli anni tra le due guerre. Tutto chiaro! O forse no! Il premio nobel per l'economia ci spiega che in termini di economia, una risposta efficace alla crisi è stata seguita da una manovra sbagliata. L'Europa ha optato per una combinazione di politica monetaria che si sta rivelando essere peggiore del gold standard. Il sistema aureo è un sistema monetario nel quale la base monetaria è data da una quantità fissata d'oro. Il risultato lo paghiamo tutti i giorni sulla nostra pelle: mentre i primi anni di questa crisi sono stati di gran lunga migliore rispetto al 1930, a questo punto la performance economica dell'Europa è in realtà peggiore di quanto non fosse nel 1935. E la scena politica si sta consumando. Una nazione europea ha già raggiunto il punto in cui il suo leader dichiara apertamente la sua intenzione di porre fine alla democrazia liberale. Grazie all'austerità, partiti estremisti stanno guadagnando terreno nelle elezioni, con la Svezia (che ha sperperato il suo primo successo) l'ultimo shock; e, naturalmente, movimenti separatisti si estendono a macchia d'olio, spaventando interi Paesi. Non resta che comprendere che oggi siamo ancora nulla, fermi politicamente agli anni '30. Paul Krugman ci mette di fronte a un fatto chiaro ed evidente: l'autocelebrazione sulla gestione politica della depressione 2.0 finirà per apparire come lo sciocco ottimismo economico di pochi anni fa.

La moneta unica mette in ginocchio l'Europa

 





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI



  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Zika, colpita anche l’Italia: già 52 casi

Sono 1048 in 18 paesi i casi di Zika documentati nell'Unione Europea nel 2016

Pensionato strangola la moglie durante un litigio

Nuova arma contro i batteri «cattivi» che vivono nel nostro intestino

Messo a punto un vaccino in grado di ridurre gli stati infiammatori: potrebbe essere utile per prevenire malattie metaboliche, come l’aterosclerosi e il diabete di tipo 2

Zika in Europa, nato in Spagna primo bimbo con microcefalia

Nato il primo bambino con microcefalia provocata da lvirus Zika in Europa

Stare seduti aumenta rischio cuore, ma solo oltre 10 ore

Esperti, sotto questa media non sembrano esserci effetti

Rischio salmonella, uova crude vietate a Riccione

Ordinanza del sindaco rivolta agli esercizi pubblici e alle mense

Occhiali e dentiere gratis a indigenti

Progetto medicina sociale fino ottobre, 40% assistiti italiano

Smettere di fumare diminuisce anche l’assunzione di alcol

Studio sfata mito che rinunciare a sigarette porti a bere di più

Alcolici causano 7 diversi tumori, più si beve più rischio sale

Non ci sono consumi 'sicuri', mezzo mln morti anno mondo

Colesterolo alto: cosa mangiare in estate per abbassarlo

Ecco i cibi da mangiare e quelli da evitare

Ospedali italiani nel mirino dei pirati informatici

Un software infetta i sistemi informatici e cripta i dati della vittima

Lorenzin: «Vaccini? Non esiste il diritto di dire no»

Si mette a rischio la salute degli altri

Zibido, scooter contro ambulanza

Vespe e api pungono 5 mln italiani l’anno, rischio allergie

8 su 10 sviluppa reazione allergica, in alcuni casi grave

Allarme Tbc, esperti: “E’ un’emergenza sanitaria trascurata, che va arginata”

Casi in aumento, da Fondazione Gimbe linee guida in italiano