lafucina.it
Politica

Stiglitz Euro: ‘Gli zombie dell’austerità europea’

L'articolo del Premio Nobel su The Project Syndicate

Pubblicato il 30/09/2014 da La Fucina

Stiglitz Euro: 'Gli zombie dell'austerità europea'


"Se i fatti non si adattano alla teoria, cambia la teoria", dice un vecchio proverbio. Ma troppo spesso mantenere la teoria e cambiare i fatti — o così, pare, pensano Angela Merkel e gli altri leader europei pro-austerità. Nonostante sia facile capire quale sia la realtà dei fatti, loro continuano a negarla.L'austerità ha fallito, ma i suoi apologeti sono disposti a reclamare vittoria sulla base della prova più scarsa possibile: l'economia non sta più crollando, quindi l'austerità sta funzionando! Ma se questo è il punto di riferimento, potremmo dire che saltare giù da un dirupo è il miglior modo di scendere da una montagna; dopotutto la discesa è stata arrestata.Ma ogni declino giunge al termine. Il successo non dovrebbe essere valutato in base al fatto che alla fine arriva la ripresa, ma in base alla rapidità con cui si afferma e quanto è grave il danno provocato dalla recessione.Vista in questi termini, l'austerità è un completo disastro, che è diventato sempre più apparente da quando le economie dell'Unione Europee sono alle prese con la stagnazione economica, se non una tripla recessione, con la disoccupazione che continua a registrare nuovi record e il PIL pro-capite che rimane sotto livelli pre-recessione in molti paesi. E anche nelle economie più performanti, come la Germania, dal 2008 la crescita è stata talmente bassa che, in ogni altra circostanza, verrebbe considerata scarsa.I paesi più colpiti sono in depressione. Non ci sono altre parole per descrivere economie come quelle di Spagna e Grecia, dove quasi una persona su 4 — e più del 50% dei giovani — non riescono a trovare lavoro. Dire che la medicina funziona perché il livello di occupazione è diminuito di un paio di punti percentuali, o perché si può vedere un barlume di magra crescita, è simile ad un chirurgo del Medioevo che dice che un prelievo è andato a buon fine perché il paziente non è ancora morto.Estrapolando la modesta crescita europea dal 1980 in poi, i miei calcoli mostrano che oggi la produzione nell'Eurozona è oltre il 15% sotto i livelli a cui avrebbe dovuto essere se non fosse scoppiata la crisi nel 2008, comportando una perdita di circa 1.6 trilioni di dollari solo quest'anno e una perdita cumulativa di più di 6.5 trilioni. È ancora più inquietante che il buco si stia allargando e non restringendo (come uno si aspetterebbe in seguito ad una crisi, quando la crescita è più rapida del normale, dato che l'economia recupera il terreno perduto).Detto semplicemente, la lunga recessione sta riducendo la potenziale crescita dell'Europa. I giovani, che dovrebbero accumulare competenze, non lo stanno facendo. C'è una prova schiacciante che si trovano di fronte la prospettiva di vedere abbassarsi in maniera significativa il proprio reddito nel corso della loro vita rispetto a quanto sarebbe accaduto se fossero cresciuti in un periodo di piena occupazione...[...] Tutta la sofferenza in Europa — inflitta nel nome di un artificio creato dall’uomo, è ancora più tragica perché non è necessaria.The Project SyndicatePER APPROFONDIRESei su Facebook? Scrivi se sei a favore dell'Euro o della Lira nei commenti

Stiglitz Euro: 'Gli zombie dell'austerità europea'






La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Due casi in Campania di uova contaminate, uno nelle Marche

Istituto Zooprofilattico, su 37 campionamenti 2 'non conformi'

Milano, uova contaminate al fipronil: sequestrata una partita di omelette

Sequestro in una ditta di via Canonica, zona Chinatown

Uova contaminate, il Ministero della Salute annuncia “due positività” in Italia

Su 114 campioni esaminati, segnalate a Regioni e Asl

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil'killer n.1'nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma