lafucina.it
Politica

Deleveraging debito pubblico: il mostro globale

Sta per esplodere una nuova e più devastante crisi

Pubblicato il 03/10/2014 da La Fucina

Deleveraging debito pubblico: il mostro globale


Non solo la crisi non sta per finire, ma una "spirale velenosa" minaccia l'Eurozona: si rischia, quindi, una nuova e più devastante crisi dopo quella del 2008. Il 29 settembre è stato pubblicato l'ultimo Rapporto di Ginevra dal Centro internazionale di studi bancari e monetari, nel quale viene messo in luce come il mondo non si trovi in una fase di deleveraging, ossia di riduzione del livello di indebitamento delle istituzioni finanziarie, bensì il debito pubblico e privato ha raggiunto il 200% nel 2009 e il 212% nel 2013, mentre un decennio fa era al 160%.

NON SOLO L'OCCIDENTE


Ma questa volta a rischiare non è solo l'Occidente. Prima della crisi erano soltanto i paesi più avanzati ad accumulare debito, ora invece l'accumulazione si sta verificando anche in paesi emergenti come la Cina, dove il debito totale è passato dal 140% del PIL nel 2001 al 240%. Il rapporto spiega anche che rischiano maggiormente i paesi periferici dell'Eurozona, che stentano ad uscire dalla crisi, e quindi anche l'Italia.

LA POLITICA ECONOMICA È FONDAMENTALE


Il Rapporto di Ginevra, che è stato realizzato tra gli altri anche dagli italiani Lucrezia Reichlin e Luigi Buttiglione, illustra le diverse risposte alla crisi che sono state date da Stati Uniti e Gran Bretagna da una parte e dall'Eurozona dall'altra. Negli USA e in Gran Bretagna si è optato per il quantitative easing, cioè l'iniezione di liquidità nel sistema da parte delle banche centrali. Al tempo stesso il debito pubblico dei due stati è aumentato e solo ora si sta uscendo con la cessazione graduale del QE. In questo modo è stata evitata una nuova recessione e la paralisi del credito, che si è invece verificata nell'Eurozona, la cui particolare natura ha bloccato finora la possibilità di un quantitative easing.

UNA NUOVA RECESSIONE


In un articolo pubblicato sul Sydney Morning Herald viene spiegato che le economie dei paesi sviluppati rischiano di rimanere intrappolate in una spirale di bassa crescita e bassa inflazione, che renderanno sempre più costoso il pagamento del debito e porteranno inevitabilmente ad una recessione prolungata. Sarà necessario un default?Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie
Puoi seguirci anche su Twitter e Google+.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

I figli delle mamme 30-40enni hanno meno difficoltà emotive e sociali

Sgridano e puniscono meno i loro bambini. Il vantaggio declina dopo i 15 di età

Lo stile di vita protegge cuore e arterie

Nuove conferme da un nuovo studio pubblicato su The Lancet

Di notte al bagno? Troppo sale nella dieta

Studio presentato dai ricercatori giapponesi dell'Università di Nagasaki

Insulina spray nasale contro l’Alzheimer,al via test clinici

Studio Sniff,ormone potrebbe ripristinare memoria e cognizione

Farmaci: Agenzia Ue sospende 300 generici,studi inaffidabili

Commissione renderà decisione vincolante, in attesa di nuovi dati

Contro il tumore alla vescica primo passo avanti nelle cure dopo 30 anni

Pinto (Aiom), parte ora la seconda 'era' della immunoterapia contro i tumori

Ricerca: alimentazione con più verdure previene malattie

Batteri orali dei sardi di 2 secoli fa svelano segreti longevità

Italia candida cultura tartufo in patrimonio Unesco

Commissione Norcia si è fatta promotore

Magnesio: consumo quotidiano previene cardiopatie, ictus e diabete

Il minerale potrebbe essere responsabile dei benefici della dieta mediterranea

Sapone liquido batte mousse nell’eliminare i germi

Meno efficaci nell'eliminare batteri che possono causare infezioni

Stop import, torna la stagione delle cozze italiane

Da Cnr e coop produttori monitoraggio biologico e sensoriale

Tumori, la maggior parte è dovuta al caso

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore

L’ingrediente segreto dei wurstel

Il video che svela come vengono prodotti

Corsa e salto per rafforzare le ossa degli uomini

Con esercizi di carico benefici dopo 12 mesi 2 volte a settimana

Pomodoro salva-cuore, migliora pressione e riduce colesterolo

I suoi effetti potenziati dall'azione del licopene