lafucina.it
Politica

Deleveraging debito pubblico: il mostro globale

Sta per esplodere una nuova e più devastante crisi

Pubblicato il 03/10/2014 da La Fucina

Deleveraging debito pubblico: il mostro globale


Non solo la crisi non sta per finire, ma una "spirale velenosa" minaccia l'Eurozona: si rischia, quindi, una nuova e più devastante crisi dopo quella del 2008. Il 29 settembre è stato pubblicato l'ultimo Rapporto di Ginevra dal Centro internazionale di studi bancari e monetari, nel quale viene messo in luce come il mondo non si trovi in una fase di deleveraging, ossia di riduzione del livello di indebitamento delle istituzioni finanziarie, bensì il debito pubblico e privato ha raggiunto il 200% nel 2009 e il 212% nel 2013, mentre un decennio fa era al 160%.

NON SOLO L'OCCIDENTE


Ma questa volta a rischiare non è solo l'Occidente. Prima della crisi erano soltanto i paesi più avanzati ad accumulare debito, ora invece l'accumulazione si sta verificando anche in paesi emergenti come la Cina, dove il debito totale è passato dal 140% del PIL nel 2001 al 240%. Il rapporto spiega anche che rischiano maggiormente i paesi periferici dell'Eurozona, che stentano ad uscire dalla crisi, e quindi anche l'Italia.

LA POLITICA ECONOMICA È FONDAMENTALE


Il Rapporto di Ginevra, che è stato realizzato tra gli altri anche dagli italiani Lucrezia Reichlin e Luigi Buttiglione, illustra le diverse risposte alla crisi che sono state date da Stati Uniti e Gran Bretagna da una parte e dall'Eurozona dall'altra. Negli USA e in Gran Bretagna si è optato per il quantitative easing, cioè l'iniezione di liquidità nel sistema da parte delle banche centrali. Al tempo stesso il debito pubblico dei due stati è aumentato e solo ora si sta uscendo con la cessazione graduale del QE. In questo modo è stata evitata una nuova recessione e la paralisi del credito, che si è invece verificata nell'Eurozona, la cui particolare natura ha bloccato finora la possibilità di un quantitative easing.

UNA NUOVA RECESSIONE


In un articolo pubblicato sul Sydney Morning Herald viene spiegato che le economie dei paesi sviluppati rischiano di rimanere intrappolate in una spirale di bassa crescita e bassa inflazione, che renderanno sempre più costoso il pagamento del debito e porteranno inevitabilmente ad una recessione prolungata. Sarà necessario un default?Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie
Puoi seguirci anche su Twitter e Google+.





  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Come pulire la lavatrice con rimedi naturali

Allarme farmaci, a rischio rimborsabilità di 1.500 medicinali

Si tratta di 1.500 medicinali innovativi e per malati cronici

Ha un tumore” e le asportano un polmone, ma aveva solo una bronchite

Protagonista dell'assurda vicenda un'insegnante di Cervia in pensione

‘Sugar face’, quando nella dieta c’e’ troppo zucchero

Acne, borse sotto gli occhi e pallore, il viso sembra più vecchio

Venezuela, stop alla produzione di Coca Cola: “Manca lo zucchero”

La decisione di sospendere la produzione della sua celebre bevanda a causa della mancanza di zucchero

Dna virus Hiv rimosso per la prima volta da un tessuto vivente

Potrebbe essere in grado di sradicare il Dna dell'Hiv-1 dai pazienti

L’allarme degli esperti: nel 2050 i superbatteri uccideranno in 3 secondi

Nel 2050 dieci milioni di persone potrebbero morire per una semplice infezione ogni anno

Accompagna la figlia incinta a fare l’ecografia ma quello che vedono nel monitor è assurdo

Neonata ferita al volto in sala parto: indagini al Ruggi d’Aragona di Salerno

Dimagrire con un cucchiaino di miele al mattino: ecco come fare

SubtitleIl segreto è consumare un cucchiaino di miele al mattino prima di fare colazione

Neonato muore in casa: inutile la corsa al pronto soccorso

Il dramma a Collesalvetti, in provincia di Livorno. Inutile il trasferimento d'urgenza all'ospedale Cisanello di Pisa

Il 2016 sarà l’anno più caldo di sempre

India, caldo record: "51 gradi, mai visto nulla del genere"

Controlli antidroga nelle scuole con test salivari: la novità che fa discutere

Al via controlli anti-droga e anti-alcol a scuola: le modalità fanno discutere in Francia

Ecco perché il fumo danneggia anche i denti

I fumatori hanno un microbioma della bocca molto diverso sia da quello degli ex fumatori che dei non fumatori

Pedemonte, bimba si rovescia una pentola d’acqua bollente addosso: è grave