lafucina.it
Politica

Deleveraging debito pubblico: il mostro globale

Sta per esplodere una nuova e più devastante crisi

Pubblicato il 03/10/2014 da La Fucina

Deleveraging debito pubblico: il mostro globale


Non solo la crisi non sta per finire, ma una "spirale velenosa" minaccia l'Eurozona: si rischia, quindi, una nuova e più devastante crisi dopo quella del 2008. Il 29 settembre è stato pubblicato l'ultimo Rapporto di Ginevra dal Centro internazionale di studi bancari e monetari, nel quale viene messo in luce come il mondo non si trovi in una fase di deleveraging, ossia di riduzione del livello di indebitamento delle istituzioni finanziarie, bensì il debito pubblico e privato ha raggiunto il 200% nel 2009 e il 212% nel 2013, mentre un decennio fa era al 160%.

NON SOLO L'OCCIDENTE


Ma questa volta a rischiare non è solo l'Occidente. Prima della crisi erano soltanto i paesi più avanzati ad accumulare debito, ora invece l'accumulazione si sta verificando anche in paesi emergenti come la Cina, dove il debito totale è passato dal 140% del PIL nel 2001 al 240%. Il rapporto spiega anche che rischiano maggiormente i paesi periferici dell'Eurozona, che stentano ad uscire dalla crisi, e quindi anche l'Italia.

LA POLITICA ECONOMICA È FONDAMENTALE


Il Rapporto di Ginevra, che è stato realizzato tra gli altri anche dagli italiani Lucrezia Reichlin e Luigi Buttiglione, illustra le diverse risposte alla crisi che sono state date da Stati Uniti e Gran Bretagna da una parte e dall'Eurozona dall'altra. Negli USA e in Gran Bretagna si è optato per il quantitative easing, cioè l'iniezione di liquidità nel sistema da parte delle banche centrali. Al tempo stesso il debito pubblico dei due stati è aumentato e solo ora si sta uscendo con la cessazione graduale del QE. In questo modo è stata evitata una nuova recessione e la paralisi del credito, che si è invece verificata nell'Eurozona, la cui particolare natura ha bloccato finora la possibilità di un quantitative easing.

UNA NUOVA RECESSIONE


In un articolo pubblicato sul Sydney Morning Herald viene spiegato che le economie dei paesi sviluppati rischiano di rimanere intrappolate in una spirale di bassa crescita e bassa inflazione, che renderanno sempre più costoso il pagamento del debito e porteranno inevitabilmente ad una recessione prolungata. Sarà necessario un default?Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie
Puoi seguirci anche su Twitter e Google+.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI



  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Salmonella in salsiccia italiana, parassiti nello sgombro

45 prodotti ritirati in Ue

Dott Berrino: Ecco come depurare stomaco e intestino

Come preparare la vellutata di lenticchie rosse

Oggi prepariamo una gustosissima velluta di lenticchie rosse, ottime per il nostro organismo

Arriva il dispositivo che corregge le orecchie a sventola

Si tratta di una clip rivestita in oro biocompatibile a 24 carati

Emma, la bimba coraggio di 7 anni non ce l’ha fatta

Dott Mozzi: Il glutine piu’ nocivo del tabacco

I trucchi per risparmiare quando si fa la spesa

Fino a 4mila euro il risparmio all'anno per una famiglia

Comprano le banane: centinaia di ragni velenosi invadono casa

Fertility day: ritirato opuscolo e aperta indagine

Revocato l'incarico al direttore della comunicazione. Polemica anche perchè le foto, accusate di razzismo, era state usate in altre occasione

Dott. Mozzi: come abbassare il colesterolo

Ragazzo di 16 anni stroncato da una malattia rara

Europarlamento prolunga le agevolazioni per le arance sudafricane

Proteste di alcuni deputati e dei produttori siciliani e calabresi

La tisana che attiva il metabolismo e fa dimagrire

Dott. Mozzi: mal di testa e alimentazione

«Mi fa male la gola»: Marco muore in ospedale a 23 anni

Otto medici sono indagati per la morte di Marco Fabbris giovedì mattina all'ospedale di Adria