lafucina.it
Cibo e Salute

La bomba vitaminica che cura tosse e raffreddore

Un ottimo rimedio naturale

Pubblicato il 09/02/2015 da La Fucina

Molti appena avvertono i primi sintomi di raffreddore, tosse e influenza iniziano a imbottirsi di medicine, ma non c'è bisogno! Oggi vi proponiamo un meraviglioso rimedio naturale a questo tipo di problemi: una tisana antinfluenzale istantanea. Leggiamo su Greenme.it:"La ricetta è molto popolare in america, ma viene dall'Asia, e prevede 3 ingredienti: zenzero, limone e miele. Zenzero e limone sono rimedi classici ricchi di vitamine, sostanze digestive, e antibatteriche. Il miele è un grande alleato della nostra gola e contiene sostanze antibatteriche che leniscono tosse, catarro e apparato digerente. Io l'ho personalizzata aggiungendo qualche frutto di anice stellato (Illicium verum) che aiuta a contrastare i sintomi quali nausea, dolori gastrointestinali e i problemi digestivi, oltre ad essere un forte antiinfiammatorio ed antibatterico (aiuta ad uccidere i virus influenzali). Ha inoltre proprietà espettoranti e aiuta a calmare la tosse. Ma potete tranquillamente omettere questo ingrediente se prendete farmaci, sapete di essere sensibili a questa spezia".Ingredienti:1 vasetto di vetro sterilizzato da 0,25l1 pezzetto di zenzero1 limone bio (si usa anche la buccia)4 frutti di anice stellatoMiele fino a riempire il barattolo. (Il miele deve essere liquido, se quello che avete in casa è cristallizzato scaldatelo a bagnomaria e in pochi minuti diventerà tale. Io ho usato un miele di castagno, ma qualunque tipo va bene. Quando lo trovo uso quello di timo, che contiene timolo, un altro principio attivo efficace per combattere tosse e batteri).Tagliate il limone a fette sottili ed eliminate i semi e le due estremità. Pelate e tagliate a fettine anche lo zenzero. Dopo aver versato uno strato di miele nel vasetto iniziate a disporre a strati limone, zenzero, anice stellato e di nuovo miele. Il miele deve riempire completamente gli spazi, fate uscire eventuali bolle d'aria spingendo qua e la. Una volta terminato di riempire il vasetto chiudetelo e tenetelo sempre in frigo. Aspettate almeno 3 o 4 giorni prima di utilizzarlo. La buccia del limone contiene pectina, che trasformerà il suo succo, insieme al miele, in una gelatina che a cucchiaini va sciolta direttamente nell'acqua calda (non bollente) quando volete una tisana che vi dia sollievo.Seguici su Facebook se ti interessano notizie di salute e alimentazione





  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Sette casi di encefalite da inizio anno

L’Usl 1 invita a vaccinarsi contro il virus trasmesso dal morso dell’insetto e può portare a danni gravissimi

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

Fa una piccola operazione, si sveglia con l’accento britannico

Texana colpita da'sindrome accento straniero', solo 100 casi

Schianto in autostrada morta giovane ricercatrice

Mezz’ora a settimana di ‘natura’ contro la depressione e la pressione alta

Servirebbe 'prescrizione' medica, studio ne calcola i benefici

Frullato dimagrante a base di frutta e verdura

Si può davvero sostituire il pasto con i prodotti Herbalife?

Frullato Formula 1 di Herbalife: fa bene o fa male? Cosa contiene? Fa dimagrire in salute?

Scoperto perché il ciclo mestruale è così doloroso

La causa è una proteina che innesca un'infiammazione

Lorenzin, via riforma sistema farmaco da Agenzia a pagamenti

Nuove norme saranno a regime dal 2017

I rimedi naturali contro gastrite e acidità

Possono aiutare a prevenire o a curare questi fastidiosissimi disturbi

Si toglie la vita perché non trova lavoro

Il trucco per sturare il lavandino

Due selfie alla pancia a distanza di 12 ore: ecco come ha fatto

Ecco l'esperimento della fitness blogger su Facebook

Dolori articolari: un rimedio a base di buccia di limone

Il seguente rimedio è ottimo per alleviare i dolori articolari

Due porzioni di cereali al giorno riducono rischio di morte del 9%

Una revisione dei risultati di 45 studi, appena pubblicata dal British Medical Journal