lafucina.it
Medicina

Diagnostica, dieta e prevenzione

Tutto ciò che bisogna sapere

Pubblicato il 02/03/2015 da Giuseppe Di Bella
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Quando fanno una mammografia o un’ecografia è una diagnostica, ma quella mette in evidenza un tumore dopo che è già insorto, non ha fatto nulla perché il tumore non inizi. Prevenzione è un’altra cosa: vuol dire creare tutte le misure e creare un equilibrio biologico per cui il tumore non insorga. Per cui ci può essere una prevenzione farmacologica che è fondamentale, una prevenzione alimentare, una prevenzione comportamentale. È difficilissimo fare una dieta logica e scientifica perché devo fare una dieta tenendo presenti due aspetti, non uno, perché non posso mettere in crisi né l’immunità, né l’efficienza di tutte le relazioni vitali di un individuo, posso anche compromettere le cellule tumorali, ma alle volte creo danni maggiori nell’individuo sano.Noi stiamo conducendo uno studio sperimentale con un grosso istituto di ricerca non lo dico qua sennò lo bloccano, come hanno fatto con il Comitato Etico, e si sta rivelando interessantissimo. Stiamo studiando tutti gli acidi grassi della membrana cellulare sana e delle cellule tumorali. La cellula tumorale quando si divide non divide soltanto il patrimonio cromosomico e il patrimonio genetico, le proteine, ma per fare un’altra cellula questa deve essere interamente volta da una membrana cellulare e sferica a 360°. La membrana cellulare è fatta di acidi grassi, perciò ogni volta che una cellula tumorale si divide, deve sintetizzare una quantità spettacolare di acidi grassi, ma dove si andrebbero a prendere questi acidi? Quali sono questi acidi grassi? Se do alcuni particolari alimenti, tra cui anche in parte omega 3 e omega 6, io vado a inceppare questo meccanismo anche in altra maniera, perciò deve creare un tipo di alimentazione che mi dia una deprivazione ma di quel tipo specifico, non di tutti i grassi, è quello che mi interessa.Questi concetti me li ha dati mio padre, che oltre ad essere laureato in chimica, in farmacia e in medicina, era fisiologo e per una vita ha insegnato il senso dell’alimentazione e ha trattato i casi di tumore. Ho quasi pronto, ma ci vorrà ancora un po’ di tempo, un libro, un trattato sulla prevenzione dei tumori: in questo inserirò un certo tipo di orientamento dietetico scientifico, basato su questi concetti, quello che serve soprattutto a un paziente neoplastico per potenziare la sua vitalità, le sue reazioni normali, nello stesso momento in cui mette in crisi la cellula tumorale, per cui è un tipo di alimentazione non casuale, non arbitraria o di moda, scientifica.Devo bilanciare le sostanze che spingono alla crescita, si chiamano oncogeni, con quelli che la bloccano che si chiamano oncosoppressori. Il motivo per cui molte volte il tumore ritorna (un concetto che ancora non hanno afferrato, e fa parte dell’insegnamento di mio padre) è che quando viene asportato il tumore, viene asportata la massima concentrazione nel tempo e nello spazio di cellule tumorali, ma non la causa che le hanno prodotte. La causa che ha prodotto il tumore persiste e si può ripresentare, perciò l’asportazione del tumore sicuramente può essere utile tante volte, però non hanno tolto la causa. Per cui se quell’individuo non ha un equilibrio tra oncogeni e oncosoppressori e non ha un’immunità efficiente, cosa succede? Può sviluppare normalmente le cellule tumorali e la sua immunità non è in grado di eliminarle. Allora cosa devo fare io? Devo stabilizzare questi equilibri e devo creare tutte le premesse per diminuire al massimo l’eventualità o il rischio di mutazioni, nel senso che posso avere un cambiamento, mutazione, per cui o aumentano le sostanze che spingono alla crescita o diminuiscono quelle che le bloccano. È quello che succede spesso nei tumori: c’è una mutazione allora cosa faccio? Devo da una parte attivare l’immunità, dall’altra parte devo regolare nella migliore maniera questi meccanismi. Gli elementi ci sono già, si conoscono, sono biologici: l’effetto stupendo di questi, che poteva dare solo il Padre Eterno, sono quelle molecole a tossicità differenziale che ancora l’oncologia cerca e non si sono accorti che le hanno sotto il naso. Sono gli elementi cardine della terapia Di Bella. Uno dei punti di stabilità della membrana cellulare da cui cominciano una quantità di guai, è la mancanza, perché il betacarotene è una molecola apolare, si inserisce perfettamente tra le molecole apolari della membrana cellulare e la stabilizza. I radicali liberi, l’ossidazione di cui tutti sentono parlare, dove agiscono? Il primo punto dove agiscono è la membrana cellulare. La membrana cellulare è stabile, fisiologica, con alte quantità di betacarotene, vitamine, rimane stabile. Vanno a inibire i meccanismi di spinta eccessiva della crescita, ma la cosa stupenda qual è? È la tossicità differenziale: sulla cellula tumorale queste sostanze hanno un certo effetto citostatico e citotossico. Perciò sono sostanze che creano un ambiente biologico sfavorevole alla cellula tumorale, allora cosa ottengo? Ottengo una riduzione del rischio di mutazione, agisco contro la cellula tumorale che cresce, ma nello stesso momento, potenzio al massimo la vitalità e i meccanismi di crescita della cellula sana. AIUTA LA FONDAZIONE DI BELLA ONLUS DONANDO QUI

banner-di-bella

La prossima puntata:Giovedì 05/03/2014: Inquinamento da chemioterapicoGuarda il video: Quando funziona il Metodo Di Bella
 Per informazioni e richieste di chiarimenti medici si prega di contattare direttamente lo studio del Dott. Di Bella a questa pagina. Vuoi contribuire alla ricerca per la terapia per il cancro del dottor Di Bella? Fai una donazione





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI
Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Di notte al bagno? Troppo sale nella dieta

Studio presentato dai ricercatori giapponesi dell'Università di Nagasaki

Insulina spray nasale contro l’Alzheimer,al via test clinici

Studio Sniff,ormone potrebbe ripristinare memoria e cognizione

Farmaci: Agenzia Ue sospende 300 generici,studi inaffidabili

Commissione renderà decisione vincolante, in attesa di nuovi dati

Contro il tumore alla vescica primo passo avanti nelle cure dopo 30 anni

Pinto (Aiom), parte ora la seconda 'era' della immunoterapia contro i tumori

Ricerca: alimentazione con più verdure previene malattie

Batteri orali dei sardi di 2 secoli fa svelano segreti longevità

Italia candida cultura tartufo in patrimonio Unesco

Commissione Norcia si è fatta promotore

Magnesio: consumo quotidiano previene cardiopatie, ictus e diabete

Il minerale potrebbe essere responsabile dei benefici della dieta mediterranea

Sapone liquido batte mousse nell’eliminare i germi

Meno efficaci nell'eliminare batteri che possono causare infezioni

Stop import, torna la stagione delle cozze italiane

Da Cnr e coop produttori monitoraggio biologico e sensoriale

Tumori, la maggior parte è dovuta al caso

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore

L’ingrediente segreto dei wurstel

Il video che svela come vengono prodotti

Corsa e salto per rafforzare le ossa degli uomini

Con esercizi di carico benefici dopo 12 mesi 2 volte a settimana

Pomodoro salva-cuore, migliora pressione e riduce colesterolo

I suoi effetti potenziati dall'azione del licopene

“Liberalizzare farmaci fascia C”

Consegnate 170mila firme a istituzioni

Epidemia di occhi secchi, ‘dipendenza digitale’ sotto accusa

Boom di sindromi da tablet, smartphone e pc, al via campagna di prevenzione con visite gratis