lafucina.it
Medicina

Melatonina contro Parkinson e Alzheimer

La melatonina è un elemento cardine della vita e impedisce alla cellula sana di morire

Pubblicato il 09/03/2015 da Giuseppe Di Bella
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Cosa fa la melatonina sulla cellula sana? Le impedisce di morire. Se si vuole fare una terapia veramente causale, fisiologica e ragionata del Parkinson e dell'Alzheimer negli anziani l'elemento cardine è la melatonina, che impedisce la morte delle cellule del cervello. La melatonina è un elemento cardine della vita: l'esposizione a linee ad alta tensione e campi elettromagnetici perché è pericolosa? Abbassa la melatonina nel sangue e tutte le volte che un individuo ha un abbassamento della melatonina è a rischio, o di tumore o di alterazioni dello stato cognitivo, del suo rendimento psicofisico, degli stati di ansia, di irrequietezza, di irritabilità, di difficoltà di concentrazione, coincidono con l'abbassamento della melatonina. Ma quella che funziona non è quella che trovate in giro: deve avere un legame di idrogeno con l'adenosina, quella formulata da mio padre, perché? Perché nel sangue circola così, nel sangue c'è melatonina, legame di idrogeno con adenosina. Perché impedisce la morte delle cellule celebrali? Perché tre molecole di queste, ognuna delle quali è a un livello spaziale, messe una sopra l'altra, essendo adenosin-monofosfato, tre insieme formano adenosin-trifosfato. Questa è la base energetica della vita, se manca quella le cellule del cervello se ne vanno, la morte cerebrale è soprattutto la carenza di ATP, per cui se io gliele veicolo dentro, perché la melatonina è un pass-partout e passa dappertutto con o senza recettori. Porta l'ATP dentro la cellula cerebrale, ne impedisce la morte, o perlomeno la rallenta e io quel patrimonio iniziale che ho di cellule cerebrali lo conservo il più a lungo possibile.Se io faccio una prevenzione con i retinoidi, la cui emivita è enormemente esaltata dalla presenza di vitamina E nella soluzione di mio padre, che ne impedisce l'ossidazione, per cui ne esalta enormemente la funzionalità e l'efficienza. Nello stesso momento in cui con il betacarotene mi va a stabilizzare il potenziale della membrana cellulare. Non solo, ma altissime dosi di vitamina E, come nella terapia, portano a zero i radicali liberi e portano a zero i processi ossidativi; e in questo c'è una perfetta sinergia e interazione con la melatonina. Per cui l'uso prolungato nella prevenzione dei tumori e delle malattie degenerative, della soluzione dei retinoidi, i tre retinoidi cardine, base, più altissime concentrazioni di vitamine E, più melatonina biologica realizzano la stabilizzazione della membrana cellulare, l'abbattimento dei radicali liberi, delle reazioni ossidative, l'esaltazione massima dell'immunità, la stabilizzazione del DNA e il decremento massimo che possiamo ottenere di rischio della mutazione, perché sono antimutagene. AIUTA LA FONDAZIONE DI BELLA ONLUS DONANDO QUI

banner-di-bella

La prossima puntata sarà giovedì 12/03/2014: Metodo Di Bella come prevenzioneGuarda il servizio di Milena Gabanelli del maggio 2000 sul Metodo Di Bella
 Per informazioni e richieste di chiarimenti medici si prega di contattare direttamente lo studio del Dott. Di Bella a questa pagina. Vuoi contribuire alla ricerca per la terapia per il cancro del dottor Di Bella? Fai una donazione





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI

Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Epatite, 10 milioni infetti in Ue ma maggior parte non lo sa

28 luglio Giornata Mondiale; solo 1 paziente su 100 riceve terapia

Fino a 670mila malati rari in Italia, triplica numero farmaci

Nuovo rapporto MonitoRare,solo 10 regioni hanno recepito Piano

Rosmarino, melograno e semi vite contro le radiazioni

Ricerca, estratti naturali potenti antiossidanti

Zika, colpita anche l’Italia: già 52 casi

Sono 1048 in 18 paesi i casi di Zika documentati nell'Unione Europea nel 2016

Pensionato strangola la moglie durante un litigio

Nuova arma contro i batteri «cattivi» che vivono nel nostro intestino

Messo a punto un vaccino in grado di ridurre gli stati infiammatori: potrebbe essere utile per prevenire malattie metaboliche, come l’aterosclerosi e il diabete di tipo 2

Zika in Europa, nato in Spagna primo bimbo con microcefalia

Nato il primo bambino con microcefalia provocata da lvirus Zika in Europa

Stare seduti aumenta rischio cuore, ma solo oltre 10 ore

Esperti, sotto questa media non sembrano esserci effetti

Rischio salmonella, uova crude vietate a Riccione

Ordinanza del sindaco rivolta agli esercizi pubblici e alle mense

Occhiali e dentiere gratis a indigenti

Progetto medicina sociale fino ottobre, 40% assistiti italiano

Smettere di fumare diminuisce anche l’assunzione di alcol

Studio sfata mito che rinunciare a sigarette porti a bere di più

Alcolici causano 7 diversi tumori, più si beve più rischio sale

Non ci sono consumi 'sicuri', mezzo mln morti anno mondo

Colesterolo alto: cosa mangiare in estate per abbassarlo

Ecco i cibi da mangiare e quelli da evitare

Ospedali italiani nel mirino dei pirati informatici

Un software infetta i sistemi informatici e cripta i dati della vittima

Lorenzin: «Vaccini? Non esiste il diritto di dire no»

Si mette a rischio la salute degli altri