lafucina.it
Medicina

Lo Stato interposto tra medico e paziente

L'inquinamento della politica sulla scienza

Pubblicato il 16/03/2015 da Giuseppe Di Bella
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Qui non siamo più nell'ambito della scienza e delle ricerca, siamo nell'ambito politico: questo è l'inquinamento della politica sulla scienza. C'è la prevaricazione della politica sulla scienza perché la politica mi impone terapie coercitive che disattendono il dato scientifico, per cui pretendono di creare dei protocolli vincolanti, cui deve sottostare sia il medico ospedaliero che il medico convenzionato. La gravità del momento attuale è questa e questo oltretutto disattende e invalida completamente elementi base dell'etica medica di sempre, perché il medico deve prescrivere secondo scienza e coscienza, non secondo la politica o i protocolli di un governo. Risponde al paziente e alla sua coscienza, non allo Stato: lo Stato si è interposto arbitrariamente nel rapporto tra medico e paziente, lo ha alterato. Per cui il danno è politico, e la politica, tra la miriade di danni che ha prodotto, ha prodotto anche il decadimento della salute, imponendo arbitrariamente e tirannicamente terapie obsolete, illogiche e inefficaci.La medicina è gestita da un élite, sono quelli che la professoressa Anghel e il Nobel Schekman hanno chiamato "la Comunità Scientifica" o i "Vertici del potere" o coloro che gestiscono la medicina. Il potere conferisce a un'élite un'investitura, questi fanno parte della Comunità Scientifica, la Comunità Scientifica pontifica, ma pontifica in maniera dogmatica, incontestabile e infallibile. Chi contesta è un eretico, perciò hanno creato un gruppo di potere e l'hanno chiamato Comunità Scientifica. In questa Comunità Scientifica ci sono una serie di icone che vengono riproposte in maniera ossessiva all'opinione pubblica, sono queste che di volta in volta sono chiamate a scomunicare oppure ad approvare determinate iniziative scientifiche che poi diventano commerciali, naturalmente. Il Nobel Schekman e la professoressa Anghel, per vent'anni direttrice scientifica della prima rivista del mondo, hanno denunciato e si stanno aggiungendo tutta una serie di denunce e cominciano ad avere qualche preoccupazione, perché hanno esagerato. Per cui non è la comunità medica, sono i vertici, quelli che gestiscono il potere medico, e gestiscono le carriere universitarie, il successo, il prestigio, la notorietà, anche internazionale determinati soggetti. Per cui la strada, la strategia, la scelta terapeutica viene pilotata da questi personaggi, che naturalmente sono posti in posizione rilevante nella gestione di istituzioni sanitarie e internazionali.AIUTA LA FONDAZIONE DI BELLA ONLUS DONANDO QUI

banner-di-bella

Si sono lamentati perché in Italia fanno pochi vaccini, però non hanno considerato la quantità documentatissima di danni gravissimi, di bambini autistici, di cui non bisogna parlare. Quei disgraziati che hanno mandato a farsi accoppare all'estero nelle famose missioni, che si sono ritrovati con l'uranio impoverito e una miriade di vaccini, quanti linfomi ci sono stati? Non li hanno neppure riconosciuto la causa di servizio. Hanno una quantità inverosimile di vaccinazioni, tutto condito con uranio impoverito. Tra poco lo diamo ai bambini perché le nostre istituzioni sanitarie, chiamate a pronunciarsi hanno detto: 'No, non fa niente, per carità, l'uranio impoverito non fa niente'. L'Italia viene richiamata perché fanno pochi vaccini. Non avete sentito parlare dei morti di vaccino per l'influenza? È stato silenziato, è scesa la censura, è sceso il velo, perché? È stata forse stabilita la causa? Sono morti per caso! Sono i vertici, le icone, quelli che sono insindacabili, quelli che pontificano, quelli che sono infallibili, quelli che hanno i dogma.La prossima puntata sarà giovedì 19/03/2014: Applicare il Metodo Di Bella: chi e comeGuarda la puntata precedente: Il Metodo Di Bella come prevenzionePer informazioni e richieste di chiarimenti medici si prega di contattare direttamente lo studio del Dott. Di Bella a questa pagina. Vuoi contribuire alla ricerca per la terapia per il cancro del dottor Di Bella? Fai una donazione





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI
Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Il frutto contro la gastrite

Le mele contengono una sostanza chiamata sorbitolo, che aiuta a trattare vari problemi intestinali

La ‘dieta perenne’ allunga la vita

Il verdetto finale sulla restrizione calorica

La nuova cura (italiana) che sconfigge il cancro al cervello dei bambini

E' più efficace e meno tossica

Influenza: 3 milioni di italiani a letto, boom di visite mediche

Da inizio stagione. Triplicate consultazioni medici di famiglia

Tutti i benefici della barbabietola rossa

Per il suo colore spesso non viene servita sulle tavole, ma è ricca di proprietà benefiche

Mangiare peperoncino ‘allunga’ la vita

Cala del 13% mortalità per malattie cuore e ictus

Farmaci scaduti e sporcizia: la faccia triste degli ospedali italiani

Ecco il triste scenario delineato dai Nas

‘Superbatterio’ resiste a tutti antibiotici

Allarme per morte donna

Stress lavoro porta all’infarto, per Tar è causa di servizio

Accolto ricorso funzionario polizia della Liguria

Gli amanti della pasta mangiano meglio, hanno diete più sane

Chi la mangia regolarmente assume più nutrienti fondamentali

Donne esposte da bimbe a fumo passivo più a rischio aborto

Associazione se in casa c'erano due o più fumatori

Lorenzin, firma Lea passaggio storico per sanità italiana

Cosa sono i Lea e come si 'misurano'

Scoperto l’interruttore chiave dell’invecchiamento cellulare

Scoperta chiave per controllare processi legati anche all'incidenza dei tumori

Influenza: già otto morti da inizio epidemia, 63 gravi

Metà in Emilia Romagna, in tutti i casi patologie preesistenti

Il 26% degli italiani rinuncia alle cure

la causa: servizi inadeguati e costi troppo salati