lafucina.it
Medicina

Lo Stato interposto tra medico e paziente

L'inquinamento della politica sulla scienza

Pubblicato il 16/03/2015 da Giuseppe Di Bella
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Qui non siamo più nell'ambito della scienza e delle ricerca, siamo nell'ambito politico: questo è l'inquinamento della politica sulla scienza. C'è la prevaricazione della politica sulla scienza perché la politica mi impone terapie coercitive che disattendono il dato scientifico, per cui pretendono di creare dei protocolli vincolanti, cui deve sottostare sia il medico ospedaliero che il medico convenzionato. La gravità del momento attuale è questa e questo oltretutto disattende e invalida completamente elementi base dell'etica medica di sempre, perché il medico deve prescrivere secondo scienza e coscienza, non secondo la politica o i protocolli di un governo. Risponde al paziente e alla sua coscienza, non allo Stato: lo Stato si è interposto arbitrariamente nel rapporto tra medico e paziente, lo ha alterato. Per cui il danno è politico, e la politica, tra la miriade di danni che ha prodotto, ha prodotto anche il decadimento della salute, imponendo arbitrariamente e tirannicamente terapie obsolete, illogiche e inefficaci.La medicina è gestita da un élite, sono quelli che la professoressa Anghel e il Nobel Schekman hanno chiamato "la Comunità Scientifica" o i "Vertici del potere" o coloro che gestiscono la medicina. Il potere conferisce a un'élite un'investitura, questi fanno parte della Comunità Scientifica, la Comunità Scientifica pontifica, ma pontifica in maniera dogmatica, incontestabile e infallibile. Chi contesta è un eretico, perciò hanno creato un gruppo di potere e l'hanno chiamato Comunità Scientifica. In questa Comunità Scientifica ci sono una serie di icone che vengono riproposte in maniera ossessiva all'opinione pubblica, sono queste che di volta in volta sono chiamate a scomunicare oppure ad approvare determinate iniziative scientifiche che poi diventano commerciali, naturalmente. Il Nobel Schekman e la professoressa Anghel, per vent'anni direttrice scientifica della prima rivista del mondo, hanno denunciato e si stanno aggiungendo tutta una serie di denunce e cominciano ad avere qualche preoccupazione, perché hanno esagerato. Per cui non è la comunità medica, sono i vertici, quelli che gestiscono il potere medico, e gestiscono le carriere universitarie, il successo, il prestigio, la notorietà, anche internazionale determinati soggetti. Per cui la strada, la strategia, la scelta terapeutica viene pilotata da questi personaggi, che naturalmente sono posti in posizione rilevante nella gestione di istituzioni sanitarie e internazionali.AIUTA LA FONDAZIONE DI BELLA ONLUS DONANDO QUI

banner-di-bella

Si sono lamentati perché in Italia fanno pochi vaccini, però non hanno considerato la quantità documentatissima di danni gravissimi, di bambini autistici, di cui non bisogna parlare. Quei disgraziati che hanno mandato a farsi accoppare all'estero nelle famose missioni, che si sono ritrovati con l'uranio impoverito e una miriade di vaccini, quanti linfomi ci sono stati? Non li hanno neppure riconosciuto la causa di servizio. Hanno una quantità inverosimile di vaccinazioni, tutto condito con uranio impoverito. Tra poco lo diamo ai bambini perché le nostre istituzioni sanitarie, chiamate a pronunciarsi hanno detto: 'No, non fa niente, per carità, l'uranio impoverito non fa niente'. L'Italia viene richiamata perché fanno pochi vaccini. Non avete sentito parlare dei morti di vaccino per l'influenza? È stato silenziato, è scesa la censura, è sceso il velo, perché? È stata forse stabilita la causa? Sono morti per caso! Sono i vertici, le icone, quelli che sono insindacabili, quelli che pontificano, quelli che sono infallibili, quelli che hanno i dogma.La prossima puntata sarà giovedì 19/03/2014: Applicare il Metodo Di Bella: chi e comeGuarda la puntata precedente: Il Metodo Di Bella come prevenzionePer informazioni e richieste di chiarimenti medici si prega di contattare direttamente lo studio del Dott. Di Bella a questa pagina. Vuoi contribuire alla ricerca per la terapia per il cancro del dottor Di Bella? Fai una donazione



Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Andrologi, cinque regole salva-fertilità per i ragazzi

Metà adolescenti ha almeno un problema, sinergia con pediatri

Parto prematuro all’ospedale di Vittorio Veneto: due gemellini morti

Tumori, la crisi economica fa aumentare la mortalità: oltre 260.000 decessi in più

260.000 decessi in più entro il 2010 nei Paesi Ocse, di cui 160.000 solo nell'Unione europea

Uso massiccio antibiotici può rallentare formazione neuroni

Studio su topi, effettI su flora batterica intestino

Bimba muore a 2 mesi in culla dopo il vaccino: l’Asl sostituisce tutti i lotti

Disposta l’autopsia, per ora non è dimostrata alcuna relazione causa-effetto con l’esavalente iniettato

Acqua Santo Stefano sospetta ritirata dai supermercati, ma è tutto falso

Si strattava solo di una campagna denigratoria sui social

Ragno velenoso fra le banane: evacuato supermercato

Si trattava di un Phoneutria, detto anche ragno delle banan

Veronica Tedesco, morta dal dentista a Messina

La tisana per dimagrire e depurare

Cosa succede se ingoiamo una gomma da masticare?

Errore nella circoncisione”: bimbo di sei anni resta quasi evirato

L'errore medico potrebbe avere compromesso la futura vita sessuale del bambino

In Italia il 33% delle morti evitabili con le giuste cure

Rapporto Eurostat 2013, Romania maglia nera dell'Ue con il 49,4%

Antitrust: “Vaccini mercato da 300 milioni, intervenire sui monopoli”

Una spesa annua di 300 milioni di euro a carico del Sistema sanitario nazionale

Anche poco sale fa male,aumenterebbe rischio infarto e ictus

Lancet, l'ideale 4-5 gr al dì; solo ipertesi devono controllarsi

Morso di un ragno sul braccio: quando preme quello che fuoriesce è disgustoso