lafucina.it
Medicina

Applicare il Metodo Di Bella: chi e come

Qualsiasi medico che conosca le basi scientifiche, il meccanismo di azione e gli effetti clinici può farlo

Pubblicato il 19/03/2015 da Giuseppe Di Bella
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Applicare il Metodo Di Bella: chi lo può fare?

 Qualsiasi medico che conosca le basi scientifiche, il meccanismo di azione e gli effetti clinici non solo può approvare, ma è benvenuto, e diversi medici stanno frequentando il mio studio e diversi medici incominciano ad applicarlo dopo averlo applicato con successo ai loro familiari o su se stessi. Il Metodo Di Bella ha delle basi che si rivolgono ai denominatori comuni di tutti i tumori, che sono: la capacità proliferativa fuori controllo che varia come intensità e come frequenza e la capacità della cellula tumorale di mutare, cambiare, selezionare e trattenere i vantaggi. Questi sono i denominatori comuni: non esiste tumore che non abbia queste caratteristiche, perciò una parte della terapia, che mio padre aveva definito "Il modulo fisso", tratta questi aspetti. Agisce sul meccanismo di crescita e sul meccanismo della mutazione. Contemporaneamente questi prodotti incrementano l'immunità antitumorale, migliorano l'equilibrio biologico e anche la capacità della biologia delle cellule dell'ammalato di tumore di contrapporsi e di prevalere sulla biologia tumorale, questa è la parte della cura.

Quanto costa applicare il Metodo Di Bella?

 Il medico che ha preparazione clinica e ovviamente buon senso, che è la base della terapia medica, deve tenere presente una quantità di varianti, per cui la terapia deve essere adattata non solo a quella persona, ma a quella persona in quel momento, in quella particolare condizione. Il Metodo Di bella ha un costo molto vario, che dimezzerebbe di colpo, senza nessun aggravio per lo Stato, solo se concedessero ai pazienti di acquistare nelle farmacie degli ospedali prodotti. Lo Stato non ci rimette niente, il paziente paga la metà esatta. Questo cosa vuol dire? Se una fiala di ocreotide, che è un analogo della somatostatina a lento rilascio, si paga 1.250 euro, quando nella farmacia dell'ospedale la paga 600, ma per quale motivo il povero Cristo deve pagare 600 euro in più? Evidentemente la ditta che la vende all'ospedale avrà già il suo margine di guadagno, ma perché devono speculare su un disgraziato ammalato? Il paziente, come terapia di base, può spendere il primo mese più di 700 euro (può arrivare a 800), nei mesi successivi di meno perché non c'è la spesa della macchinetta per iniettare con il temporizzatore. La somatostatina prodotta da alcune farmacie, come la galenica, è un prodotto purissimo: l'abbiamo testato, titolato, prove di sterilità e tutto. Costa 9 euro al giorno, per cui 270 euro al mese. Il composto dei retinoidi, melatonina e tutto quanto il resto, si rimane molto abbondantemente al di sotto: praticamente possono essere, considerando tutto, poco più di 600 euro.AIUTA LA FONDAZIONE DI BELLA ONLUS DONANDO QUI

banner-di-bella

Applicare il Metodo Di Bella nei casi di tumore in stato avanzato

 Nei casi di tumori allo stato avanzato (quarto stadio, condizione critica) io devo dare la cura praticamente doppia: sia la somatostatina da fare con il temporalizzatore, sia l'iniezione a lento rilascio. Ogni mese ho un carico in più di 1.300 euro: devo aumentare tutti gli altri dosaggi. Per quanto riguarda la melatonina ci sono tutta una serie di pubblicazioni che parlano di 200 milligrammi al giorno, non il milligrammo che ha registrato il Ministero. È stato registrato 1 o 2 milligrammi: non c'è bisogno di fare dei commenti. E non viene registrato l'effetto fondamentale, che è quello antitumorale, che ormai è documentatissimo. Quasi tutti vengono quando non c'è più niente da fare, perché? Perché sulla terapia sono disinformati, c'è una censura del potere sulla terapia. In queste condizioni cosa faccio? Dico 'Guardi, io riesco a dare un aiuto, ma non posso fare di più'.Guarda la puntata precedente: Lo Stato interposto tra medico e pazientePer informazioni e richieste di chiarimenti medici si prega di contattare direttamente lo studio del Dott. Di Bella a questa pagina. Vuoi contribuire alla ricerca per la terapia per il cancro del dottor Di Bella? Fai una donazione





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI
Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Ospedale San Camillo a Roma assumerà ginecologi non obiettori

Zingaretti, attuiamo legge 194; Cei, obiezione è un diritto

Meningite, bimbo di 1 anno ricoverato a Cesena

Ricoverato dal 19 febbraio all'ospedale Bufalini di Cesena

Cosa succede al tuo corpo quando mangi un Big Mac?

Ti è mai capitato di mangiare un Big Mac e avere fame mezz’ora dopo?

Richiamati crostini per la presenza di fibra non alimentare

Pam Panorama richiama tre lotti di crostini dorati

Cibo spazzatura crea stessi danni diabete per reni

Una dieta a base di cibo spazzatura puo' causare danni ai reni del tutto simili a quelli causati dal diabete

Ue: in calo vittime di cancro, ma flessione è più lenta tra le donne

Evitati oltre 4 mln morti in 30 anni

Gastroenterologi, il 30% delle gastroscopie e colonscopie che si fanno è inutile

30 milioni bruciati per 500 mila procedure evitabili

Mille euro in busta paga a chi smette di fumare

L'iniziativa di un'agenzia di comunicazione di Sarezzo, in provincia di Brescia

Fumo, la nostalgia può dare una spinta in più per smettere

Studio, campagne no basate su paura, ma che tocchino corde cuore

Meningite, donna in prognosi riservata a Catania

Diagnosticata una meningite da meningococco C

Aifa, prezzi etici o produrremo farmaci anti epatite C in proprio

gi al via trattativa con aziende; Melazzini, cureremo tutti

Infarto e cure, 1 struttura su 2 sotto la soglia di sicurezza di 100 casi l’anno

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute

Lorenzin: “Chiusura definitiva ospedali psichiatrici giudiziari, giornata storica”

Beatrice Lorenzin, ministra della Salute, si dichiara "estremamente soddisfatta"

Farmaci, stop precauzionale ad anticancro seno dopo decessi

Noto anticancro docetaxel nei tumori al seno

Correre frena l’invecchiamento del cuore,difende Dna cellule

Bastano 30 minuti al giorno