lafucina.it
Medicina

Guarita dal cancro al seno con MDB: ‘Mi ha ridonato il sorriso’

Mirella Caponetti si è affidata al Metodo Di Bella dopo il fallimento delle terapie tradizionali

Pubblicato il 31/03/2015 da La Fucina

Pubblichiamo di seguito il post della cantante Mirella Caponetti, guarita dal cancro grazie al Metodo Di Bella:"Mirella Caponetti e il Prof. Luigi Di Bella, un piccolo, grande uomo...VERGOGNATEVI...! Solo ora avete il coraggio di riconoscere i suoi meriti... Ho avuto l'onore di conoscere il Prof.Di Bella nel 2001, quando purtroppo fui colpita da un cancro al seno... Un grande medico, che è stato umiliato ingiustamente, al pari di un ciarlatano... Un uomo dal cuore d'oro e che grazie alle sue cure, mi ha ridonato il sorriso e la voglia di tornare a vivere, nonostante fossi arrivata da lui dopo mesi di chemioterapia e radioterapia che mi devastarono e non solo fisicamente... Appena lo conobbi, smisi con la chemio e la radio e i medici che mi avevano sotto cura, mi presero per una pazza ma io iniziai fiduciosa le sue cure che non tardarono a darmi ottimi risultati, dandomi tanta energia, nonostante tutti i trattamenti già effettuati, consentendomi così di poter riprendere, quasi immediatamente il mio lavoro...Se avessi sentito parlare prima del suo metodo, non mi sarei mai fatta convincere a fare la chemioterapia... Ricordo perfettamente il giorno del nostro incontro e quando finì di visitarmi, nel suo studio, gli chiesi quale fosse il suo onorario e lui mi rispose così: "...Sig.ra Caponetti, mi spiace che Lei sia arrivata da me troppo tardi, altrimenti avremmo evitato l'operazione e tutte quelle cure devastanti... Io non voglio nulla. Lei è già stata sfortunata a combattere questa subdola malattia, non si preoccupi per il mio onorario io vivo dignitosamente con la mia pensione. Ora la prego di attendermi ancora per un attimo, vado a prendere le medicine che le ho fatto preparare e che per questa volta le regalo io..." Ed entrò nella porta accanto. Non potevo accettare una cosa simile, ero già stata fortunata ad averlo incontrato e approfittai di quel momento per mettergli 200 € sotto un sopra mobile, sapevo che quello era il valore solo delle medicine e feci appena in tempo, perché rientrò subito con tutti i miei medicinali. Prima di andarmene, lo abbracciai forte, ringraziandolo infinitamente e lui mi sorprese ancora.Gli avevo detto che ero una cantante lirica e mi regalò la copia di uno spartito, un Requiem, scritto dal nipote direttore d'orchestra, se non ricordo male in memoria della nonna... Mi fece anche una bellissima dedica sulla prima pagina che conservo con grande gioia... Prima di andarmene gli cantai la prima parte di "Tu che m'hai preso il cuor" e i suoi occhi diventarono lucidi... Quando uscii da quella villetta, cominciai a cercare le chiavi nella borsa e come al solito non le trovai e allora mi misi le mani in tasca, dove oltre alle chiavi, vi trovai anche quei 200€... Rientrando nella stanza del suo studio con le medicine, si era accorto del mio gesto e durante il mio abbraccio, me li aveva rimessi in tasca... Questo era il Prof.Di Bella, un grande scienziato, che ha salvato un'infinità di vite umane, un uomo umile e generoso che non si faceva neppure pagare gli onorari e che l'Italia non ha saputo rendergli gli onori che meritava per la sua grande scoperta... Lo ringrazierò e lo ricorderò, per il resto della mia vita...! Grazie a tutti gli amici che sulla mia pagina hanno testimoniato questo post, con parole commoventi nei riguardi di questo grandissimo uomo!"Forse potrebbe interessarti questo video: Il complotto che affossò il Metodo Di BellaPer informazioni e richieste di chiarimenti medici si prega di contattare direttamente lo studio del Dott. Di Bella a questa pagina. Vuoi contribuire alla ricerca per la terapia per il cancro del dottor Di Bella? Fai una donazione





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Allerta super-fungo letale negli ospedali di New York, 44 casi

Candida auris resistente, 17 morti a Ny, arriva da Giappone

Cesena, mangia sushi e poi muore. “Verifiche anche sull’operato dei soccorsi”

La donna aveva cenato in un ristorante di Savignano. La titolare: "Io? Sono tranquilla"

Il caffè protegge dal cancro alla prostata, minimo 3 tazzine

Studio italiano, azione confermata in vitro con estratti caffè

Lotto antibiotico ritirato da farmacie

Risultato fuori specifica riscontrato sul suddetto lotto

Lorenzin: sì tasse su tabacco, sono contro morte

'Battaglia contro fumo è la prima battaglia di salute'

Come liberarsi dell’unghia incarnita in pochi minuti

Sequestrato lotto di polenta bio

Troppo glutine e micotossine pericolose

Mangiare cioccolata e cibi grassi: colpa dei geni

Varianti Dna associate a preferenze alimentari,contrastano diete

Meningite, liceale in terapia intensiva a Milano

Un ragazzo di 18 anni è ricoverato in Terapia intensiva all'ospedale Niguarda di Milano

Bibite zuccherate e diet fanno invecchiare il cervello

Aumenta rischio demenza e ictus

Mette il sale nella caffettiera: quello che succede è sorprendente

Succo di barbabietola migliora prestazioni cervello

Maggiore connettività in regioni associate alla funzione motoria

Salgono a 1600 casi di morbillo nel 2017, 4 su 10 ricoverati

Monitoraggio Ministero della Salute, età media 27 anni

Caffè ha doppio aromi vino ma solo nonni sanno riconoscerli

Nel dopoguerra tostatura a casa, ora sparite torrefazioni locali

Tribunale, uso scorretto cellulare causa tumore

Sentenza a Ivrea. Legali, Inail condannata a risarcire dipendente azienda