lafucina.it
Cibo e Salute

Raccomando a chi ha un tumore di NON bere latte di mucca

Ci sono alcune alternative vegetali, ma attenzione ai prodotti venduti al supermercato

Pubblicato il 16/04/2015 da Franco Berrino
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Io mi baso su un ragionamento, so che chi beve latte ha i livelli di IGF-1 più alti nel sangue, una quindicina di studi lo hanno coerentemente mostrato. Chi ha i livelli più alti nel sangue, e questi sono i nostri grandi studi prospettici che lo dimostrano, si ammala di più di cancro. Conosco un solo studio, che è il nostro, che ha guardato i fattori di crescita in rapporto in rapporto alla prognosi dei tumori della mammella: è un piccolo studio, fatto soltanto su 110 pazienti, ma troviamo che chi ha i fattori di crescita più alti si ammala di più di metastasi.

Raccomando a chi ha un tumore di NON bere latte di mucca. Le alternative vegetali

Per cui io raccomando a tutti quelli che hanno un tumore di NON bere latte di mucca, per il latte di cereali non c'è nessun problema. Teniamo presente che anche i legumi sono ricchi di proteine: noi raccomandiamo di metterli ad ogni pasto perché hanno la meravigliosa proprietà di rallentare la velocità di assorbimento degli zuccheri, però in piccola quantità perché sono molto proteici. Ci sono più proteine nei fagioli secchi che nella carne e la soia in particolare è ricca di proteine, quindi va benissimo usare anche il latte di soia in cucina. L'importante è fare attenzione che non ci sia zucchero aggiunto: il latte di riso deve essere fatto con il riso integrale, il latte d'avena deve essere fatto con l'avena, il latte di soia deve essere fatto con la soia, non con tante altre aggiunte e cose che l'industria ci mette dentro. A volte sono molto dolci questi latti di cereali commerciali, per cui bisogna assicurarci che non facciano alzare tanto la glicemia.

Forse potrebbe interessarti questo video in cui consiglio ai malati tumorali di digiunare prima e dopo la chemioterapia





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI

Franco Berrino

Franco Berrino
Medico ed epidemiologo

Laureatosi in medicina e chirurgia magna cum laude all'università di Torino nel 1969 e specializzatosi in anatomia patologica, si è poi dedicato principalmente all’epidemiologia dei tumori. Dal 1975 lavora all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, dove dal 2002 dirige il Dipartimento di medicina preventiva e ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Ikea, via da scaffali altri 6 prodotti al cioccolato

L'azienda: "Non adatti ad allergici"

Asciugamano in freezer per dormire nonostante il gran caldo

E anche un pizzico di sale in piu

Soffre di emicrania da 20 anni: bastava eliminare due alimenti

La testimonianza della donna inglese

Profugo contagioso. Ricovero immediato, parte la disinfestazione

Un contagio di Chikungunya in provincia di Rovigo

Nell’olio extravergine ‘armi’ su misura contro i tumori

Università Bari, ogni varieta' ha geni con azioni diverse

Come sbiancare le unghie gialle?

Le unghie ingiallite sono un inestetismo che possiamo risolvere utilizzando dei rimedi casalinghi

Epatite, 10 milioni infetti in Ue ma maggior parte non lo sa

28 luglio Giornata Mondiale; solo 1 paziente su 100 riceve terapia

Fino a 670mila malati rari in Italia, triplica numero farmaci

Nuovo rapporto MonitoRare,solo 10 regioni hanno recepito Piano

Rosmarino, melograno e semi vite contro le radiazioni

Ricerca, estratti naturali potenti antiossidanti

Zika, colpita anche l’Italia: già 52 casi

Sono 1048 in 18 paesi i casi di Zika documentati nell'Unione Europea nel 2016

Pensionato strangola la moglie durante un litigio

Nuova arma contro i batteri «cattivi» che vivono nel nostro intestino

Messo a punto un vaccino in grado di ridurre gli stati infiammatori: potrebbe essere utile per prevenire malattie metaboliche, come l’aterosclerosi e il diabete di tipo 2

Zika in Europa, nato in Spagna primo bimbo con microcefalia

Nato il primo bambino con microcefalia provocata da lvirus Zika in Europa

Stare seduti aumenta rischio cuore, ma solo oltre 10 ore

Esperti, sotto questa media non sembrano esserci effetti

Rischio salmonella, uova crude vietate a Riccione

Ordinanza del sindaco rivolta agli esercizi pubblici e alle mense