lafucina.it
Medicina

Grillo è stato fin troppo ‘soft’ con la mammografia

Per effettuare una mammografia vengono emesse radiazioni ionizzanti, pertanto potenzialmente cancerogene

Pubblicato il 13/05/2015 da Giuseppe Di Bella

È bene notare e sottolineare come per effettuare una mammografia vengono emesse radiazioni ionizzanti, pertanto potenzialmente cancerogene. L’uso intensivo e indiscriminato della mammografia non è controindicato solo per queste documentate e autorevoli critiche ma per il reale rischio che la mammografia, come noto, possa diagnosticare inesistenti tumori o non vedere tumori presenti, per questi non trascurabili margini di errore l’esame non è completamente affidabile. Il pericolo maggiore della mammografia è dato però dal rischio che radiazioni ionizzanti regolarmente e ripetutamente concentrate sullo stesso tessuto in aggiunta al trauma, possano col tempo indurre mutazioni tumorali di cellule sane della mammella , accelerare la proliferazione di cellule tumorali eventualmente già presenti, o peggio trasformarle in tumorali staminali , di elevatissima e incontenibile aggressività. Infatti il potenziale rischio di induzione tumorale delle radiazioni ionizzanti di mammografie sistematicamente ripetute è un dato di fatto documentato e incontestabile. Così come anche le indicazioni e i criteri di applicazione della radioterapia classica, convenzionale, vanno attentamente rivisti in base ad alcuni dati scientifici recentemente documentati e pubblicati di cui riporto una sintesi: da Natural News 20 Marzo 2012 “Relativamente alle cellule staminali tumorali… Una strada è l’attivazione indotta per radiazione” spiega Frank Pajonk Associate Professor of radiation oncology al Jonsson Center della Ucla, Università di California. AIUTA LA FONDAZIONE DI BELLA ONLUS DONANDO QUI

banner-di-bella

Sarebbe opportuno per una diagnostica precoce dei tumori del seno effettuare ecografie del seno e cavi ascellari eventualmente completate , in caso di dubbi, con risonanza magnetica, tecnica che sul seno ha recentemente raggiunto altissima affidabilità e sicura definizione ( RMN CAD Stream) e con riscontri ematochimici , marcatori ecc…Non deve sorprendere la rabbiosa, e aggressiva, reazione dei politici che gestiscono le istituzioni sanitarie , all’unisono con un’informazione quasi totalmente asservita, alle recenti dichiarazioni di Beppe Grillo sulla mammografia, Come tutti gli artisti ha dimostrato una certa ingenuità, una concezione idealistica della politica sottovalutando i suoi intimi stretti e ben dissimulati rapporti col florido e lucroso mercato della diagnostica e della terapia. Questi signori pretendono il monopolio assoluto, dogmatico e la gestione insindacabile, autoritaria e tirannica della salute, del farmaco, della diagnostica. Si arrogano il diritto di gestire la vita della gente, la salute, che considerano ormai cosa esclusivamente loro, un territorio di loro assoluta proprietà, dai limiti invalicabili, inviolabili. È pericolosissimo superarli. Nessuno deve interferire con le loro linee guida coercitive e vincolanti , anche se nella maggioranza dei casi prive di logica , razionalità ed evidenze scientifiche ma sicuramente fonte di lauti e crescenti, inesauribili fatturati. Stranamente si assiste ad un sospetto appiattimento ad una perfetta sintonia tra politici, burocrati da loro eletti al vertice delle istituzioni sanitarie, l’informazione, e le multinazionali del farmaco e della diagnostica. In questi casi i centri di potere che gestiscono la salute operano una mobilitazione generale e immediata di tutta l’informazione, in rete, cartacea radiotelevisiva, che in maniera continuativa e ossessiva attacca con ogni mezzo ,delegittima , diffama , demonizza il malcapitato che ha osato macchiarsi del delitto di lesa maestà, contestare i protocolli diagnosticoterapeutici di tanto eccelse autorevoli disinteressate personalità, e delle sacre e immacolate vestali della medicina . Nel corso di decenni, questi benefattori dell’umanità, hanno concepito e attuato l’assoluto e capillare controllo e gestione globale del farmaco, della diagnostica e della ricerca attraverso un’informazione e istituzioni asservite e il completo annullamento della dignità e della libertà del medico di prescrivere secondo scienza e coscienza.(Romait.it)



Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Anche poco sale fa male,aumenterebbe rischio infarto e ictus

Lancet, l'ideale 4-5 gr al dì; solo ipertesi devono controllarsi

Morso di un ragno sul braccio: quando preme quello che fuoriesce è disgustoso

Maltrattata nella casa di riposo: pubblica la foto della mamma prima della morte

E' una foto drammatica quella pubblicata da una donna inglese che ha voluto mostrare al mondo "come hanno ridotto mia madre

Il metodo ABCDE: per tenere sotto controllo i nei

E' importante conoscere le regole dell'ABCDE di autovalutazione dei nei

Farmaco aumenta rischio difetti alla nascita

Puo' essere collegato a un aumento del rischio di difetti alla nascita

Lasciano il figlio con la baby sitter, tornano e lo trovano con un grosso livido sul viso

Il piccolo era pieno di graffi e lividi, compreso uno sulla faccia, come se qualcuno gli avesse dato uno schiaffo

Il cliente era allergico, ristoratore condannato a 6 anni per omicidio

L'uomo è morto per choc anafilattico. E' successo a Londra

La curcuma nuovo alleato contro Alzheimer e ictus

Protegge il cervello contro l'alzheimer e l'ictus

Addio dieta, ecco il piatto che assorbe le calorie di troppo

L'idea, rivoluzionaria, arriva dalla Thailandia: grazie a dei piccoli fori che asciugano lʼolio dalle pietanze si riducono le calorie di ogni pasto del 30 per cento

Bimba mangia le fragole: rischia di soffocare per choc anafilattico

E' successo a Castelfidardo, in provincia di Ancona. L'allarme dei genitori e i soccorsi tempestivi hanno evitato il peggio

Acqua detox con fragole e limone: il trucco per dimagrire

Attenti alla pianta velenosa: “Si trova anche nei parchi italiani”

Di origine caucasica, la "Panace gigante o di Mantegazza" provoca ustioni e persino la cecità

Come pulire la lavatrice con rimedi naturali

Allarme farmaci, a rischio rimborsabilità di 1.500 medicinali

Si tratta di 1.500 medicinali innovativi e per malati cronici

Ha un tumore” e le asportano un polmone, ma aveva solo una bronchite

Protagonista dell'assurda vicenda un'insegnante di Cervia in pensione