lafucina.it
Medicina

La ricetta e i costi del metodo Di Bella

Soluzione di retinoidi in vitamina E, melatonina con adenosina e vitamina D3

Pubblicato il 26/05/2015 da Giuseppe Di Bella
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Oggi l'oncologia per la prevenzione sa di chirurgia. Una prevenzione dei tumori farmacologica, che è quella basilare e la reale prevenzione, non esiste.

Si fa il dosaggio della soluzione di retinoidi in vitamina E, un cucchiaio al mattino a digiuno. Bisogna aspettare almeno un quarto d'ora prima del pasto del mattino. Per avere un'idea del dosaggio opportuno, almeno le prime volte, si può aspirare con una siringa il corrispettivo: per esempio una persona di 60 kg = 6 centimetri cubici, se pesa 70 kg = 7 centimetri cubici, un bambino di 20 kg = 2 centimetri cubici. Poi si aggiunge la vitamina D3 in gocce, in media nella prevenzione sono sufficienti 10 gocce di vitamina D3.

Per quanto riguarda melatonina, che è la massima attività biologica, è quella che riproduce esattamente la composizione che ha la melatonina nel sangue ha un legame d'idrogeno con l'adenosina, la formulazione che fece mio padre stabilizzata dalla glicina. Blisterizzata, va fatta ad alta pressione per consolidare e stabilizzare questi legami, in media per un adulto che non ha particolari situazioni personali, 5 mg sono sufficienti.

meme_dibella

Poi il versus è se io devo intervenire su una persona che ha familiarità tumorale, chi ha avuto rischi, chi ha avuto interventi, polipi e cose di questo genere, sono situazioni particolari.

Le dosi medie sono queste. Facendo il rapporto su un uomo che pesa 70 kg in media che fa la prevenzione completa, compresa melatonina e vitamina D3, in questi limiti il costo si potrebbe aggirare intorno ai 30/40 euro al mese.

AIUTA LA FONDAZIONE DI BELLA ONLUS DONANDO QUI

banner-di-bella

Per approfondire guarda anche "Il Metodo Di Bella come prevenzione"





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI
Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Sapone liquido batte mousse nell’eliminare i germi

Meno efficaci nell'eliminare batteri che possono causare infezioni

Stop import, torna la stagione delle cozze italiane

Da Cnr e coop produttori monitoraggio biologico e sensoriale

Tumori, la maggior parte è dovuta al caso

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore

L’ingrediente segreto dei wurstel

Il video che svela come vengono prodotti

Corsa e salto per rafforzare le ossa degli uomini

Con esercizi di carico benefici dopo 12 mesi 2 volte a settimana

Pomodoro salva-cuore, migliora pressione e riduce colesterolo

I suoi effetti potenziati dall'azione del licopene

“Liberalizzare farmaci fascia C”

Consegnate 170mila firme a istituzioni

Epidemia di occhi secchi, ‘dipendenza digitale’ sotto accusa

Boom di sindromi da tablet, smartphone e pc, al via campagna di prevenzione con visite gratis

Alcuni farmaci abbattono scompenso cardiaco e mortalità

Studio su 365mila pazienti che usavano inibitori dell'SGLT2i

Bere concentrato di mirtilli migliora memoria negli anziani

Bastano 30ml di concentrato al giorno per 12 settimane

Per la prima volta in Italia oltre mille morti in meno per cancro

1.134 morti in meno registrate nel 2013 (176.217) rispetto al 2012 (177.351)

Cosa contengono davvero i succhi di frutta commerciali?

Non è tutto oro quello che luccica: che differenza c’è tra un frutto e un succo di frutta?

Dormi più di 9 ore? Ecco cosa rischi

Un bisogno fisiologico può essere 'spia' di un rischio

I farmaci per abbassare il colesterolo aumentano rischio diabete

Alta probabilità nelle donne anziane che assumono farmaci a base di Statine

Pressione, con lo stile di vita la massima giù di 10 punti

Studio presentato durante il 66° Congresso annuale dell'American College of Cardiology