lafucina.it
Medicina

Paracetamolo in gravidanza: rischi per il feto

Le donne incinte dovrebbero limitare l'assunzione di paracetamolo

Pubblicato il 27/05/2015 da La Fucina

Le donne incinte dovrebbero limitare l'assunzione di paracetamolo, in quanto potrebbe danneggiare la salute futura del bambino. L'assunzione prolungata del popolare antidolorifico, infatti, potrebbe compromettere la fertilita' del nascituro. A lanciare l'allarme e' stato un gruppo di ricercatori dell'Universita' di Edimburgo in uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine.

Gli scienziati hanno scoperto che il paracetamolo puo' interrompere la produzione di testosterone quando viene assunto per sette giorni. Questo ormone ha un ruolo chiave nello sviluppo degli organi riproduttivi maschili. In particolare, lo studio ha messo in luce che le donne che assumono paracetamolo hanno piu' probabilita' di mettere al mondo bambini affetti da criptorchidismo, un difetto che consiste nella mancata discesa di uno o di entrambi i testicoli all'interno della sacca scrotale, e questo puo' portare a problemi riproduttivi in futuro.

Per capire il legame tra l'antidolorifico e questo problema, gli scienziati hanno progettato un sistema per simulare, in modo piu' fedele possibile, la gravidanza. Visto che gli esperimenti non potevano essere condotti su bambini nel grembo materno, i ricercatori hanno studiato i topi a cui erano stati impiantati pezzi di tessuto testicolare fetale umano ed e' stato dato loro del paracetamolo per sette giorni. Ebbene, dall'analisi del sangue delle cavie sono stati rilevati livelli molto piu' bassi di testosterone rispetto ai topi che hanno ricevuto placebo.

Ma quando sono state somministrate dosi per un solo giorno non e' stato riscontrato alcun effetto. "Questo studio si aggiunge alle evidenze esistenti secondo le quali l'uso prolungato di paracetamolo in gravidanza puo' aumentare il rischio di problemi riproduttivi nei neonati maschi", ha detto Rod Mitchell, scienziato che ha guidato lo studio- "Consigliamo alle donne incinte di seguire le correnti linee guida che prevedono l'assunzione dell'antidolorifico alle piu' basse dosi per il piu' breve periodo di tempo". ha aggiunto. (AGI)

Per la salute dei bambini è importante vedere questo video





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco perché mangiare tanto cavolo nero

Ingrediente principale della ribollita toscana, un toccasana contro il freddo

Albero vero o finto: qual è la scelta migliore per l’ambiente?

La vita dei nostri alberi di Natale: prima e dopo

La dieta per arrivare a Natale con la coscienza a posto

La dieta consigliata dal nutrizionista

Arriva la Dieta vegana in versione Mediterranea

Da cereali a olio di oliva,alimenti tutti derivati da tradizione

4 cose sui pompelmi che non sapevi

Per esempio che l'estratto dei semi hanno potere battericida e antimicotico

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

Qual è la differenza tra arancia bionda e rossa?

Le arance rosse sono ricche di antocianine

Latte per neonati ritirato dai supermercati per rischio salmonella

Allarme salmonella per alcuni lotti di latte artificiale

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

I cibi che contengono Vitamina E (e ci proteggono da moltissime malattie)

La Vitamina E è preziosa contro diabete, demenza senile, malattie cardiovascolari e gastrointestinali

5 straordinarie proprietà dell’arancia

Ecco perché mangiare le arance durante i mesi invernali

Aglio, scoperta proprietà straordinaria per la salute

Composto chimico in grado d’impedire le comunicazioni tra i batteri

La dieta per eliminare glifosato e pesticidi dal nostro organismo

L'esperimento di una famiglia italiana con 2 bambini, test sulle urine

Bello preparare i dolci di Natale, ma mai mangiare l’impasto crudo

Esperti, farina può ospitare il batterio Escherichia Coli

Chi beve caffè soffre meno di malattie cardiache, diabete e disturbi epatici

Lo studio dell'Università di Edimburgo