lafucina.it
Medicina

Una paziente guarita grazie al Metodo Di Bella

La storia di Barbara che ha sconfitto un linfoma grazie alla terapia, dopo il fallimento di quella ufficiale

Pubblicato il 01/06/2015 da Giuseppe Di Bella
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Di Bella: La signora si chiama Barbara. Era stata chemiotrattata per un linfoma, era andata in remissione, dopo alcuni mesi ha avuto una recidiva, è stata trattata per queste recidiva senza successo, finché a un certo punto le hanno proposto chemio ad alte dosi, trapianto di midollo con sicuramente sterilità, ma anche rischio della vita senza nessuna certezza che questo tipo di trattamento potesse risolvere il problema.

Paziente: Ho scoperto di avere un cancro, un linfoma di Hodgkin, dopo la nascita della mia seconda figlia. Mi sono recata ovviamente dal mio medico, mi ci è voluto un po' di tempo, e poi mi è stato diagnosticato questo linfoma. Mi sono ovviamente sottoposta alle operazioni e agli interventi, quelli che erano necessari, e dopo, la proposta che mi hanno fatto era quella di sottopormi alla chemioterapia. Questa terapia che è durata quattro cicli è risultata inefficace perché io dopo tre mesi dalla fine di fine di quel protocollo ero in recidiva, però più grave: praticamente da un secondo stadio iniziale ero passata direttamente al terzo stadio. Mi sono sottoposta comunque a un secondo intervento per decidere lo stadio, dopo di che mi sono sentita perduta avendo compreso che  quello che avevo fatto fino a quel momento non era stato comunque efficace, ho preso una grossa decisione. Già all'epoca volevo rivolgermi a qualcuno che applicasse il metodo Di Bella, quindi mi sono sottoposta a questo protocollo.

Di Bella: Per curarla ho dovuto darle delle dosi molto alte degli inibitori della crescita: praticamente lei ha fatto la somatostatina, sia a lento rilascio, più tutte le sere 3 mg di somatostatina, più i retinoidi tre volte al giorno.

AIUTA LA FONDAZIONE DI BELLA ONLUS DONANDO QUI

banner-di-bella

Paziente: Questa è una cura non riconosciuta, quindi te la devi sobbarcare tu. A seconda del protocollo la cura ha diversi prezzi e il mio era molto alto. Considerando che avevo partorito la mia seconda bambina, ero a casa dal lavoro, lavorava solo il padre delle mie figlie, per noi il costo era molto alto. Ho cominciato la cura e dopo tre mesi ho fatto i controlli e la malattia era regredita, come se non avessi più niente.

Di Bella: La paziente è andata in remissione con una certa rapidità, l'impegno economico è stato importante perché in quei casi, dopo tanta chemio che produce mutazioni e immunodepressione, è molto più difficile curare il paziente.

Paziente: Dopo qualche tempo mi sono rivolta al tribunale del malato, provando a ottenere dal giudice un provvedimento, che sia chiama 700 provvedimento d'urgenza, spiegando che le terapie ufficiali si erano dimostrate fallimentari mentre la terapia che stavo seguendo mi aveva riportato in salute, per ottenere le cure gratuitamente. Il giudice ordinò all'ASL di passarmi i farmaci gratuitamente - io non ero nelle condizioni di pagarmela da sola - e ho continuato la cura per 2 anni circa a regime pieno, poi gradualmente il protocollo si dimezza ampiamente e tu fai praticamente una sorta di cura preventiva. Dopo un anno e mezzo circa ti devi presentare davanti a un altro giudice, il quale si avvale della consulenza di un commissario tecnico (CTU). Quest'ultimo per conto del giudice vuole assicurarsi che tu continui a essere in una buona salute e vuole vedere gli esami recenti che dimostrino l'efficacia della cura. L'ASL non ha accettato lo stesso, si appellata e dopo 4 anni altri giudici hanno deciso che quello che avevano detto gli altri due giudici precedenti non valeva niente.

Di Bella: Con le sentenze del tribunale prima le hanno dato la cura, po gliel'hanno tolta sostenendo che la terapia Di Bella non funzione in base alle sperimentazioni per cui il dato di fatto non conto, la verità documentata non conta, la certificazione non conta. Per cui in base agli esiti della sperimentazione, le hanno tolto la terapia condannandola a restituire quello che aveva avuto per curarsi.

Paziente: Mi hanno condannato a restituire 41 mila euro, per essere guarita e per aver fatto risparmiare lo Stato, beffata due volte. Perché questi 41 mila euro da dove sono saltati fuori? 41 mila euro se me li fossi pagati io, cioè con il prezzo al pubblico; ma l'ASL non spende la stessa cifra che spende il cittadino se se le paga da solo. Perché questo conto? Attendo ancora una risposta.

Potrebbe interessati anche questo video: La ricetta e i costi del metodo Di Bella



Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Farmaco aumenta rischio difetti alla nascita

Puo' essere collegato a un aumento del rischio di difetti alla nascita

Lasciano il figlio con la baby sitter, tornano e lo trovano con un grosso livido sul viso

Il piccolo era pieno di graffi e lividi, compreso uno sulla faccia, come se qualcuno gli avesse dato uno schiaffo

Il cliente era allergico, ristoratore condannato a 6 anni per omicidio

L'uomo è morto per choc anafilattico. E' successo a Londra

La curcuma nuovo alleato contro Alzheimer e ictus

Protegge il cervello contro l'alzheimer e l'ictus

Addio dieta, ecco il piatto che assorbe le calorie di troppo

L'idea, rivoluzionaria, arriva dalla Thailandia: grazie a dei piccoli fori che asciugano lʼolio dalle pietanze si riducono le calorie di ogni pasto del 30 per cento

Bimba mangia le fragole: rischia di soffocare per choc anafilattico

E' successo a Castelfidardo, in provincia di Ancona. L'allarme dei genitori e i soccorsi tempestivi hanno evitato il peggio

Acqua detox con fragole e limone: il trucco per dimagrire

Attenti alla pianta velenosa: “Si trova anche nei parchi italiani”

Di origine caucasica, la "Panace gigante o di Mantegazza" provoca ustioni e persino la cecità

Come pulire la lavatrice con rimedi naturali

Allarme farmaci, a rischio rimborsabilità di 1.500 medicinali

Si tratta di 1.500 medicinali innovativi e per malati cronici

Ha un tumore” e le asportano un polmone, ma aveva solo una bronchite

Protagonista dell'assurda vicenda un'insegnante di Cervia in pensione

‘Sugar face’, quando nella dieta c’e’ troppo zucchero

Acne, borse sotto gli occhi e pallore, il viso sembra più vecchio

Venezuela, stop alla produzione di Coca Cola: “Manca lo zucchero”

La decisione di sospendere la produzione della sua celebre bevanda a causa della mancanza di zucchero

Dna virus Hiv rimosso per la prima volta da un tessuto vivente

Potrebbe essere in grado di sradicare il Dna dell'Hiv-1 dai pazienti

L’allarme degli esperti: nel 2050 i superbatteri uccideranno in 3 secondi

Nel 2050 dieci milioni di persone potrebbero morire per una semplice infezione ogni anno