lafucina.it
Medicina

Utilità farmacologica delle molecole naturali nella lotta contro il cancro

Le università e le aziende farmaceutiche stanno riscoprendo e ristudiando i principi delle molecole naturali

Pubblicato il 20/07/2015 da Mariano Bizzarri
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Nel corso degli ultimi anni la ricerca scientifica è tornata a occuparsi di molecole naturali dotate di azione farmacologica. Questo di per sé non è strano perché da tempo l'80% circa dei farmaci che oggi utilizziamo deriva, in un modo o nell'altro, da sostanze farmacologicamente attive presenti nei cibi, nelle piante e in qualche modo diffusa nel mondo naturale.

L'elemento di novità è dato dal fatto che, nel corso degli ultimi 30 anni, la nuova impostazione quella basata cioè sulla ricerca di farmaci studiati al computer, non ha dato i risultati sperati; soprattutto in ambito oncologico dove le cosiddette nuove terapie, quelle che vanno a colpire dei bersagli selettivi rappresentati da un gene e dai suoi prodotti, non hanno dato quei risultati sperati.

In termini bruti possiamo dire che nel corso degli ultimi 30 anni l'aspettativa di vita dei malati di cancro non si è modificata significativamente grazie all'introduzione di nuove terapie. E questo ha dato impulso, prima nelle università e ora anche nelle aziende farmaceutiche, a riscoprire e a ristudiare farmaci antichi, principi naturali che permettono di offrirci, anche a breve scadenza, delle soluzioni estremamente importanti.  Essenzialmente perché questi farmaci non vanno a colpire un singolo target della cellula o del tessuto, ma coinvolgono più percorsi, più bersagli e hanno già dato sia a livello della ricerca in vitro sulle cellule sia a livello degli studi sugli animali e grazie ai primi trials clinici, dei risultati estremamente sorprendenti e promettenti.

Tra queste molecole ce ne sono alcune di particolare rilevanza come la melatonina, che è un neurormone dell'uomo, ma anche prodotti dei cereali, come l'inositolo e i suoi derivati esafosfati, estremamente utile sia nella prevenzione che nella cura di molti tumori. Poi abbiamo la famiglia delle sostanze che vengono rinvenute sia nel vino rosso, sia nel te verde: i polifenoli, gli isoflavoni, i bioflavonoidi, il resveratrolo, l'acido gallico ed ellagico e tanti altri ancora. Abbiamo poi gli estratti ottenuti dalla purificazione di molte piante della famiglie delle brassicaceae (i broccoli) e molte altre ancora.

La lista è straordinariamente lunga e ogni giorno si arricchisce di nuovi protagonisti che lasciano ben sperare.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI
Mariano Bizzarri

Mariano Bizzarri
Professore e Ricercatore sperimentale

Mariano Bizzarri è nato a Roma il 12/10/1957. Ha studiato in Marocco, Spagna, Francia e Italia. Laurea nel 1981 in Medicina e Chirurgia 110/110 e lode con tesi sperimentale. Nel 2000 ha conseguito il dottorato di ricerca in Chirurgia sperimentale. È stato nominato membro del Consiglio di Amministrazione dell’Università La Sapienza per il ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Bibite zuccherate e diet fanno invecchiare il cervello

Aumenta rischio demenza e ictus

Mette il sale nella caffettiera: quello che succede è sorprendente

Succo di barbabietola migliora prestazioni cervello

Maggiore connettività in regioni associate alla funzione motoria

Salgono a 1600 casi di morbillo nel 2017, 4 su 10 ricoverati

Monitoraggio Ministero della Salute, età media 27 anni

Caffè ha doppio aromi vino ma solo nonni sanno riconoscerli

Nel dopoguerra tostatura a casa, ora sparite torrefazioni locali

Tribunale, uso scorretto cellulare causa tumore

Sentenza a Ivrea. Legali, Inail condannata a risarcire dipendente azienda

Grassi trans, eliminarli dalla dieta riduce rischio di infarto e ictus

Presenti in diversi alimenti ritenuti “sfiziosi”, come patatine, cibi fritti e prodotti da forno

Da cannabis possibili farmaci per dermatiti e psoriasi

Revisione studi, benefici dovuti a proprietà anti-infiammatorie

Infermiera fingeva di vaccinare bimbi e gettava le fiale

Asl, 'grave violazione doveri', campagna richiamo 500 pazienti

Lorenzin: “Pillola abortiva in consultorio? La 194 non lo prevede”

Lo ha affermato il ministro della Salute rispondendo a un'interrogazione al Question time in Aula alla Camera

È giusto il carcere per i genitori vegani?

È una notizia di qualche tempo fa, ma i giornali la stanno rilanciando in questi giorni

Il Papillomavirus innesca il cancro, causa mille morti l’anno

Vaccino anti-hpv al centro delle polemiche su Report introdotto 11 anni fa

L’inquinamento delle acque, un pericolo per la salute dell’essere umano

Ogni giorno quasi due miliardi di persone sono costrette a bere acqua contaminata

Facebook fa male alla salute mentale

Lo dice uno studio pubblicato ad Harvard

Latte, obbligo etichetta con origine della materia prima

Da domani in Italia su tutte le confezioni di prodotti lattiero-caseari ci sarà un'etichetta che indica l'origine della materia prima