lafucina.it
Medicina

La melatonina attiva i processi di suicidio della cellula tumorale

Consente un aumento della morte delle cellule tumorali fino all'80-90%

Pubblicato il 29/07/2015 da Mariano Bizzarri
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

L’80% circa dei farmaci che oggi utilizziamo deriva, in un modo o nell’altro, da sostanze farmacologicamente attive presenti nei cibi, nelle piante e in qualche modo diffusa nel mondo naturale.

Molte di queste sostanze vengono studiate nel mio laboratorio di Systems Biology, cioè di Biologia dei Sistemi complessi, dell'Università La Sapienza di Roma, dove le ricerche vengono condotte in aderenza ai più rigorosi di sperimentazione scientifica e i cui risultati sono regolarmente pubblicati su riviste internazionali peer reviewed ad alto valore d'impatto scientifico.

In particolare il mio laboratorio si è da sempre caratterizzato, ed è attualmente il laboratorio leader, nel campo degli studi della melatonina in Italia. Siamo inoltre in stretto rapporto con il primo grande padre degli studi in questo settore, il professor Reiter dell'Università di San Antonio in Texas, e abbiamo evidenziato come la melatonina come principio farmacologico intervenga su diversi percorsi della cellula tumorale, sia della mammella che del colon, attivando quei processi che facilitano il suicidio della cellula stessa.

La melatonina riesce a superare le barriere che il tumore della mammella frappone cercando di evitare di morire. Di fatto associando la melatonina alle terapie convenzionali o anche dandola in associazione ad altri principi naturali, come per esempio la vitamina D, si riesce ad avere un aumento della morte delle cellule tumorali fino all'80-90%.

Questo è importante perché la melatonina è un farmaco pressoché privo di effetti collaterali e può essere associato con assoluta tranquillità ai trattamenti potenziandoli fino a livelli fino a ieri impensabili.

Potrebbe interessarti questo video del dottor. Bizzarri: Utilità farmacologica delle molecole naturali nella lotta contro il cancro





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI

Mariano Bizzarri

Mariano Bizzarri
Professore e Ricercatore sperimentale

Mariano Bizzarri è nato a Roma il 12/10/1957. Ha studiato in Marocco, Spagna, Francia e Italia. Laurea nel 1981 in Medicina e Chirurgia 110/110 e lode con tesi sperimentale. Nel 2000 ha conseguito il dottorato di ricerca in Chirurgia sperimentale. È stato nominato membro del Consiglio di Amministrazione dell’Università La Sapienza per il ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Profugo contagioso. Ricovero immediato, parte la disinfestazione

Un contagio di Chikungunya in provincia di Rovigo

Nell’olio extravergine ‘armi’ su misura contro i tumori

Università Bari, ogni varieta' ha geni con azioni diverse

Come sbiancare le unghie gialle?

Le unghie ingiallite sono un inestetismo che possiamo risolvere utilizzando dei rimedi casalinghi

Epatite, 10 milioni infetti in Ue ma maggior parte non lo sa

28 luglio Giornata Mondiale; solo 1 paziente su 100 riceve terapia

Fino a 670mila malati rari in Italia, triplica numero farmaci

Nuovo rapporto MonitoRare,solo 10 regioni hanno recepito Piano

Rosmarino, melograno e semi vite contro le radiazioni

Ricerca, estratti naturali potenti antiossidanti

Zika, colpita anche l’Italia: già 52 casi

Sono 1048 in 18 paesi i casi di Zika documentati nell'Unione Europea nel 2016

Pensionato strangola la moglie durante un litigio

Nuova arma contro i batteri «cattivi» che vivono nel nostro intestino

Messo a punto un vaccino in grado di ridurre gli stati infiammatori: potrebbe essere utile per prevenire malattie metaboliche, come l’aterosclerosi e il diabete di tipo 2

Zika in Europa, nato in Spagna primo bimbo con microcefalia

Nato il primo bambino con microcefalia provocata da lvirus Zika in Europa

Stare seduti aumenta rischio cuore, ma solo oltre 10 ore

Esperti, sotto questa media non sembrano esserci effetti

Rischio salmonella, uova crude vietate a Riccione

Ordinanza del sindaco rivolta agli esercizi pubblici e alle mense

Occhiali e dentiere gratis a indigenti

Progetto medicina sociale fino ottobre, 40% assistiti italiano

Smettere di fumare diminuisce anche l’assunzione di alcol

Studio sfata mito che rinunciare a sigarette porti a bere di più

Alcolici causano 7 diversi tumori, più si beve più rischio sale

Non ci sono consumi 'sicuri', mezzo mln morti anno mondo