lafucina.it
Medicina

La truffa dei vaccini del papilloma virus

Se è presente una certa quantità del virus il vaccino attiva il tumore

Pubblicato il 30/07/2015 da Giuseppe Di Bella

La ministra  della salute protempore On. Livia Turco, prima di lasciare il  Ministero, ha inviato (ovviamente a carico   del contribuente) a  circa 250.000 ragazzine  italiane prossime ai  12 anni, l’accorato appello    a    scongiurare  l’imminente strage  ,e  il drammatico rischio del   tremendo   Papillomavirus  vaccinandosi. I  genitori sono stati informati  che questa vaccinazione è sicura ed efficace nel proteggere dal tumore del collo dell’utero, mentre la tossicità riscontrata in non pochi casi , i dubbi e le reazioni avverse di questo vaccino  lasciano quella parte  della  comunità scientifica non ancora asservita  alla logica del profitto, sempre più perplessa e con gravi  riserve. Il contribuente italiano ha il piacere di pagare foglietti illustrativi  distribuiti generosamente dalle ASL, che magnificano le virtù di questo miracoloso vaccino . Le spese pubblicitarie sono a carico del contribuente italiano , i profitti a vantaggio delle multinazionali.

Le critiche scientificamente, puntualmente  ed esaurientemente  documentate su  questo vaccino , le gravi riserve al suo impiego sono chiaramente  e dettagliatamente spiegate nel libro  di due noti ricercatori i Dottori Roberto Gava e Eugenio Serravalle : “Vaccinare contro il Papillomavirus? Quello che dobbiamo sapere prima di decidere”. Questi medici hanno scritto un libro  per dare un’informazione  scientificamente  corretta agli inconsapevoli  genitori disinformati dalla propaganda di regime  “Il Papilloma Virus umano (HPV: Human Papilloma Virus) oggigiorno costituisce la più comune infezione trasmessa sessualmente. (…)

Dal libro:“ Di certo c’è solo che non abbiamo alcuna dimostrazione che questo vaccino sia efficace nelle donne, perché le supposizioni della sua capacità protettiva verso il tumore del collo dell’utero è solo una estrapolazione di pochi dati desunti da pochissimi studi clinici ancora incompiuti. Inoltre, ancora più certo è che l’efficacia sulle dodicenni non è nient’altro che l’estrapolazione dei dati desunti da pochi studi condotti su donne adulte…Secondo i principi della Farmacologia, un farmaco come il vaccino anti-HPV non avrebbe mai dovuto essere commercializzato, almeno fintanto che non saranno disponibili dati concreti sul suo reale rapporto rischio/beneficio”. Una sintesi del libro e del pensiero scientifico dei due autori è reperibile attraverso questo link: http://www.disinform.it/HPV.htm . Sicuramente autorevoli per il livello scientifico , la competenza ed esperienza sull’argomento, le dichiarazioni del Prof Michele Grandolfo, l’epidemiologo dell’Istituto superiore di sanità (ora in pensione) che, nel 2006 – quando il governo italiano decise di promuovere la vaccinazione antipapilloma virus sulle bambine – sconsigliò il ministero dal comprare i costosi vaccini e dal promuovere la relativa campagna pubblicitaria . Dalle dichiarazioni del Prof Grandolfo:“La vaccinazione contro il papilloma virus non aveva senso nel 2006 e non ha senso oggi per svariati motivi. Primo: l’efficacia dei vaccini in commercio è stata testata solo considerando la riduzione delle displasie gravi e non del tumore del collo dell’utero”. Le displasie gravi sono le lesioni che possono portare al cancro ma in tempi molto lunghi. Spesso le displasie regrediscono da sole, per questo si preferisce aspettare a rimuoverle. Per sapere se questi vaccini prevengono veramente i tumori bisogna attendere 30 o 40 anni. L’efficacia di cui si parla è solo teorica. L’informazione sull’anti HPV e stata sempre ingannevole, le autorità competenti hanno la responsabilità e l’obbligo di intervenire”. Per accedere all’interessante intervista rilasciata dal Prof Grandolfo alla giornalista Gioia Locati.

AIUTA LA FONDAZIONE DI BELLA ONLUS DONANDO QUIbanner-di-bella

Allego alcune tra le tante pubblicazioni e studi  su vaccino HPV :

Il vaccino contro il papillomavirus umano: efficacia dichiarata ed efficacia dimostrata: SIMONA DI MARIO1, MARCELLO BERGAMINI2, DANIELA SPETTOLI1, VITTORIO BASEVI1, NICOLA MAGRINI1indirizzo per corrispondenza:s.dimario@ausl.mo.it

VACCINE AGAINST HUMAN PAPILLOMAVIRUSES: CLAIMED EFFICACY VERSUS ACTUAL EFFICACY .Key wordsHuman papillomavirus, Vaccine, Adolescent, Randomised controlled trial, Efficacy

Le responsabilità della classe politica che detiene il potere in Italia, sul vaccino HPV, sui milioni di euro dilapidati per inutili e tossici farmaci , sui  milioni di dosi  di vaccini  per  fantomatiche  epidemie ( aviaria) ,sulla grossolana e documentata truffa della pseudosperimentazione del Metodo Di Bella,  è esaurientemente documentata . I vaccini Gardasil della multinazionale Merck (responsabile  dei danni causati  dal  Vioxx) costano (per 3 iniezioni) oltre 564,45 euro, mentre Il Cervarix della britannica GlaxoSmithKline   470.37 euro. Questi luminosi esempi  dimostrano   quanto i  nostri politici si dimostrino competenti , colti , disinteressati , onesti, efficienti , dediti con totale abnegazione e commovente spirito di servizio e senso del dovere al servizio del popolo italiano, che così degnamente rappresentano. Questa amorevole  cura dei nostri stimati politici per la salute dei loro sudditi è commovente, malgrado tanto disinteressata sollecitudine,  qualche ingrato complottista, qualche  irrispettoso grillino, qualche bieco vaccinofobo, ha osato ipotizzare una stretta  connivenza tra istituzioni, potere economico e i circoli di potere che gestiscono la salute e relativi fatturati. Questi biechi  e irriverenti personaggi  antigovernativi  sono arrivati  a farneticare  che questi  accorati , affettuosi appelli  non nascono da motivazioni etiche , umanitarie, scientifiche, ma sono abilmente programmati  per generare paure e sensi di colpa  in quei genitori che ancora  resistono  al pensiero unico  e alla colonizzazione  delle coscienze.

Potrebbe interessarti anche questo video: Una paziente guarita: “Dopo 14 mesi non c’era più traccia di cancro”





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI
Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Sapone liquido batte mousse nell’eliminare i germi

Meno efficaci nell'eliminare batteri che possono causare infezioni

Stop import, torna la stagione delle cozze italiane

Da Cnr e coop produttori monitoraggio biologico e sensoriale

Tumori, la maggior parte è dovuta al caso

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore

L’ingrediente segreto dei wurstel

Il video che svela come vengono prodotti

Corsa e salto per rafforzare le ossa degli uomini

Con esercizi di carico benefici dopo 12 mesi 2 volte a settimana

Pomodoro salva-cuore, migliora pressione e riduce colesterolo

I suoi effetti potenziati dall'azione del licopene

“Liberalizzare farmaci fascia C”

Consegnate 170mila firme a istituzioni

Epidemia di occhi secchi, ‘dipendenza digitale’ sotto accusa

Boom di sindromi da tablet, smartphone e pc, al via campagna di prevenzione con visite gratis

Alcuni farmaci abbattono scompenso cardiaco e mortalità

Studio su 365mila pazienti che usavano inibitori dell'SGLT2i

Bere concentrato di mirtilli migliora memoria negli anziani

Bastano 30ml di concentrato al giorno per 12 settimane

Per la prima volta in Italia oltre mille morti in meno per cancro

1.134 morti in meno registrate nel 2013 (176.217) rispetto al 2012 (177.351)

Cosa contengono davvero i succhi di frutta commerciali?

Non è tutto oro quello che luccica: che differenza c’è tra un frutto e un succo di frutta?

Dormi più di 9 ore? Ecco cosa rischi

Un bisogno fisiologico può essere 'spia' di un rischio

I farmaci per abbassare il colesterolo aumentano rischio diabete

Alta probabilità nelle donne anziane che assumono farmaci a base di Statine

Pressione, con lo stile di vita la massima giù di 10 punti

Studio presentato durante il 66° Congresso annuale dell'American College of Cardiology