lafucina.it
Medicina

Il Decreto Lorenzin e il disprezzo della dignità del medico

Impone scelte diagnostiche autoritarie e arbitrarie penalizzando con gravi sanzioni il medico insubordinato

Pubblicato il 25/09/2015 da Giuseppe Di Bella

La classe medica non ha gradito l’ultimo Diktat dei politici, che col consueto disprezzo della dignità e libertà del medico, stanno imponendo scelte diagnostiche autoritarie e arbitrarie penalizzando con gravi sanzioni il medico insubordinato. Da decenni i burattini politici delle multinazionali si sono arbitrariamente interposti tra medico e paziente gestendo interamente tutti i settori della sanità, con criteri clientelari e nel rispettoso e zelante ossequio solo degli interessi delle multinazionali del farmaco, mai dei disprezzati sudditi italiani.

Già nel 1996, questi onesti e disinteressati servitori del popolo italiano, avevano realizzato una dittatura terapeutica eliminando completamente la libertà del medico di prescrivere secondo scienza e coscienza, applicando in ogni singolo caso le relative evidenze scientifiche reperibili in letteratura, ricercando il miglior rapporto tra efficacia e tollerabilità di ogni farmaco, impiegato in base all’esperienza professionale propria e dei colleghi.

Solo ed unicamente grazie alle ricerche e ai documentati risultati clinici del Prof Luigi di Bella, nel 1997, l’opinione pubblica prese coscienza della gravità e del pericolo per la salute e la vita, di una sanità autoritaria tirannicamente gestita da una classe politica corrotta. Grazie al movimento di opinione creato dal Prof Di Bella, sotto la pressione dell'opinione pubblica, nel 1998 fu formulata e applicata la disposizione di legge, la cosiddetta “legge Di Bella” (articolo 3, comma 2 D.L. n. 17 del 23 febbraio 98, conv. con modificazioni, dalla legge 8 aprile 1998, n. 94), che ridava dignità e libertà al medico consentendogli di prescrivere al di fuori dei vincoli burocratici ministeriali secondo scienza e coscienza, in base alle evidenze scientifiche, allora, come oggi, in gran parte disattese dal prontuario Ministeriale.

Dopo aver grossolanamente falsificato la sperimentazione del 98 sul Metodo Di Bella, come ampiamente documentato, e aver fatto instancabile e continua opera di disinformazione sul Metodo Di Bella, solo nel 2007, nella completa indifferenza della classe medica, restaurarono la dittatura terapeutica. Prodi, con la Finanziaria 2007 (al comma 796, lettera Z), abrogò la disposizione di legge introdotta sotto la pressione dell'opinione pubblica nel 1998, la cosiddetta “legge Di Bella” (articolo 3, comma 2 D.L. n. 17 del 23 febbraio 98, conv. con modificazioni, dalla legge 8 aprile 1998, n. 94), che aveva consentito ai medici di prescrivere al di fuori dei vincoli burocratici ministeriali secondo scienza e coscienza.

Vi fu un precedente significativo: nel 1996 la CUF (commissione unica del farmaco, oggi AIFA) presieduta pro tempore dal Prof Silvio Garattini, bloccò la distribuzione in farmacia della melatonina. Il governo di allora, accogliendo la richiesta del farmacologo, con il decreto 161 del 25 marzo, stabilì condanne penali per i medici che l’avessero prescritta. Il prodotto è sempre stato da banco, venduto sugli scaffali dei supermercati, conosciuto in passato perché permetteva di risolvere i problemi da jet lag. La Corte Costituzionale, accogliendo il ricorso dei pazienti, dichiarò poi incostituzionale il decreto. Oggi sulla Melatonina, nel massimo motore di ricerca scientifico, il National Library of Medicine, www.pubmed.gov si reperiscono oltre 21.000 pubblicazioni e la documentazione del suo ruolo rilevante, fondamentale, in assenza totale di tossicità, sia nel cancro, che nelle malattie degenerative, e sulle maggiori reazioni e funzioni vitali. Il Prof Di Bella malgrado il decreto ministeriale non solo continuò a prescrivere la Melatonina, ma in calce alla ricetta siglava che il Ministero con decreto ne vietava l’uso, esempio e monito ad una classe medica che ha aspettato di perdere l’ultima traccia di indipendenza libertà e dignità prima di reagire.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI
Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Chirurgia, “troppi esami inutili prima degli interventi”

Indagini che fanno crescere i costi e rischi inutilmente

Nuovo magazzino per le albicocche tra più grandi Europa

Nuovo stabilimento Albisole (Forlì-Cesena)

Le ciliegie elisir per sportivi e contro le patologie infiammatorie

Ricche in polifenoli e antociani, sostanze antiossidanti e antinfiammatorie

Trasformatori carne Ue, no a “mortadella vegan”

Organizzazione Clitravi a Commissione Ue, fare chiarezza su nomi

Addio flop a letto, arriva in farmacia il ‘francobollo dell’amore’

Da mettere sotto la lingua in grado di evitare le brutte figure sotto le lenzuola

Contro cellulite depurarsi per restituire ossigeno a cellule

L'80% delle donne con cellulite farebbe qualsiasi cosa per eliminarla

Malattie della tiroide, identificato bersaglio per terapie innovative

Uno studio pubblicato su EMBO Molecular Medicine

Ritirate le crostatine al cacao e albicocca per rischio microbiologico

Contaminazione non omogenea da miceti

Vaccini, via libera a decreto su obbligo a scuola

Introduce l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’accesso alla scuola

Consumo di yogurt e migliore salute delle ossa in età avanzata

Lo sostengono i ricercatori irlandesi del Trinity College di Dublino

Sembra mal di schiena ma non lo è, 18.000 italiani colpiti

Per Spondilite anchilosante spesso diagnosi arriva dopo anni

Sos grano duro: in Italia calo delle semine dell’8,3%

In Canada atteso un calo produzione (-29%) ma export a +6,7%

Caffè e cuore, è nato un amore: la tazzina che fa bene

Studio, un consumo moderato aiuta le persone sane e anche chi ha problemi cardiaci

Carni rosse aumentano il rischio di morte per 9 malattie

Rischio di morire di cancro, problemi cardiaci, malattie respiratorie, ictus, diabete, infezioni, Alzheimer, malattie di reni e di fegato

Trombosi ed embolia sono i big killer degli italiani

Alt, colpiscono il doppio rispetto ai tumori, ma meno temute