lafucina.it
Medicina

Il Decreto Lorenzin e il disprezzo della dignità del medico

Impone scelte diagnostiche autoritarie e arbitrarie penalizzando con gravi sanzioni il medico insubordinato

Pubblicato il 25/09/2015 da Giuseppe Di Bella

La classe medica non ha gradito l’ultimo Diktat dei politici, che col consueto disprezzo della dignità e libertà del medico, stanno imponendo scelte diagnostiche autoritarie e arbitrarie penalizzando con gravi sanzioni il medico insubordinato. Da decenni i burattini politici delle multinazionali si sono arbitrariamente interposti tra medico e paziente gestendo interamente tutti i settori della sanità, con criteri clientelari e nel rispettoso e zelante ossequio solo degli interessi delle multinazionali del farmaco, mai dei disprezzati sudditi italiani.

Già nel 1996, questi onesti e disinteressati servitori del popolo italiano, avevano realizzato una dittatura terapeutica eliminando completamente la libertà del medico di prescrivere secondo scienza e coscienza, applicando in ogni singolo caso le relative evidenze scientifiche reperibili in letteratura, ricercando il miglior rapporto tra efficacia e tollerabilità di ogni farmaco, impiegato in base all’esperienza professionale propria e dei colleghi.

Solo ed unicamente grazie alle ricerche e ai documentati risultati clinici del Prof Luigi di Bella, nel 1997, l’opinione pubblica prese coscienza della gravità e del pericolo per la salute e la vita, di una sanità autoritaria tirannicamente gestita da una classe politica corrotta. Grazie al movimento di opinione creato dal Prof Di Bella, sotto la pressione dell'opinione pubblica, nel 1998 fu formulata e applicata la disposizione di legge, la cosiddetta “legge Di Bella” (articolo 3, comma 2 D.L. n. 17 del 23 febbraio 98, conv. con modificazioni, dalla legge 8 aprile 1998, n. 94), che ridava dignità e libertà al medico consentendogli di prescrivere al di fuori dei vincoli burocratici ministeriali secondo scienza e coscienza, in base alle evidenze scientifiche, allora, come oggi, in gran parte disattese dal prontuario Ministeriale.

Dopo aver grossolanamente falsificato la sperimentazione del 98 sul Metodo Di Bella, come ampiamente documentato, e aver fatto instancabile e continua opera di disinformazione sul Metodo Di Bella, solo nel 2007, nella completa indifferenza della classe medica, restaurarono la dittatura terapeutica. Prodi, con la Finanziaria 2007 (al comma 796, lettera Z), abrogò la disposizione di legge introdotta sotto la pressione dell'opinione pubblica nel 1998, la cosiddetta “legge Di Bella” (articolo 3, comma 2 D.L. n. 17 del 23 febbraio 98, conv. con modificazioni, dalla legge 8 aprile 1998, n. 94), che aveva consentito ai medici di prescrivere al di fuori dei vincoli burocratici ministeriali secondo scienza e coscienza.

Vi fu un precedente significativo: nel 1996 la CUF (commissione unica del farmaco, oggi AIFA) presieduta pro tempore dal Prof Silvio Garattini, bloccò la distribuzione in farmacia della melatonina. Il governo di allora, accogliendo la richiesta del farmacologo, con il decreto 161 del 25 marzo, stabilì condanne penali per i medici che l’avessero prescritta. Il prodotto è sempre stato da banco, venduto sugli scaffali dei supermercati, conosciuto in passato perché permetteva di risolvere i problemi da jet lag. La Corte Costituzionale, accogliendo il ricorso dei pazienti, dichiarò poi incostituzionale il decreto. Oggi sulla Melatonina, nel massimo motore di ricerca scientifico, il National Library of Medicine, www.pubmed.gov si reperiscono oltre 21.000 pubblicazioni e la documentazione del suo ruolo rilevante, fondamentale, in assenza totale di tossicità, sia nel cancro, che nelle malattie degenerative, e sulle maggiori reazioni e funzioni vitali. Il Prof Di Bella malgrado il decreto ministeriale non solo continuò a prescrivere la Melatonina, ma in calce alla ricetta siglava che il Ministero con decreto ne vietava l’uso, esempio e monito ad una classe medica che ha aspettato di perdere l’ultima traccia di indipendenza libertà e dignità prima di reagire.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI

Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Smettere di fumare diminuisce anche l’assunzione di alcol

Studio sfata mito che rinunciare a sigarette porti a bere di più

Alcolici causano 7 diversi tumori, più si beve più rischio sale

Non ci sono consumi 'sicuri', mezzo mln morti anno mondo

Colesterolo alto: cosa mangiare in estate per abbassarlo

Ecco i cibi da mangiare e quelli da evitare

Ospedali italiani nel mirino dei pirati informatici

Un software infetta i sistemi informatici e cripta i dati della vittima

Lorenzin: «Vaccini? Non esiste il diritto di dire no»

Si mette a rischio la salute degli altri

Zibido, scooter contro ambulanza

Vespe e api pungono 5 mln italiani l’anno, rischio allergie

8 su 10 sviluppa reazione allergica, in alcuni casi grave

Allarme Tbc, esperti: “E’ un’emergenza sanitaria trascurata, che va arginata”

Casi in aumento, da Fondazione Gimbe linee guida in italiano

Gran Sasso, escursionisti precipitano dal monte Camicia: due morti

Caldo: bere poco e pressione troppo bassa i nemici del cuore

In guardia gli anziani:no sport eccessivi e montagna se ipertesi

Pappe fatte in casa per il bebè? Poco sane

Troppo grasse e meno sane di quelle industriali

Sla: morto a Senigallia Max Fanelli

Da anni l'uomo si batteva per una legge sul fine vita

Vaccini: fino alla radiazione per i medici che li sconsigliano

Ad affermarlo è la Federazione degli Ordini dei Medici in un documento sul tema

Tumori: metà studenti italiani bocciati in prevenzione

Da sigarette innocue a lampade che fanno bene, molti errori

Intossicazione per insalata di riso

Un centinaio di persone sono finite all'ospedale