lafucina.it
Cibo e Salute

La birra protegge il cuore dall’infarto

Il rischio di attacchi cardiaci viene ridotto del 30% rispetto a chi non consuma neanche una pinta di birra

Pubblicato il 30/09/2015 da La Fucina
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Chi beve birra campa cent'anni, recitava un celebre slogan pubblicitario degli anni 30. Una verità che sembra essere confermata, per quanto riguarda le donne, da una ricerca dell'università svedese di Gothenburg: bere una o due birre a settimana riduce del 30% il rischio di infarto. Lo studio, pubblicato sulla rivista Scandinavian Journal of Primary Health Care, è stato condotto su un campione di 1.500 donne.

Bere sì, ma con moderazione - La prima raccomandazione dei ricercatori è, ovviamente, quella di bere con moderazione. Lo studio, pianificato per durare mezzo secolo, ha finora analizzato i dati raccolti nei primi 32 anni, dal 1968 al 2000. Le donne selezionate sono state invitate a rispondere a un questionario relativo alla frequenza del consumo di birra, vino o liquori e a vari sintomi fisici. Dai risultati è emerso che 185 donne hanno avuto un infarto162 un ictus160 hanno sviluppato il diabete e 345 un cancro.

Alcol e malattie - L'obiettivo dei ricercatori era quello di capire in che modo le diverse quantità di alcol ingerite influiscono su una serie di patologie: infarto, ictus, diabete e cancro. I risultati hanno mostrato una connessione statisticamente significativa tra un elevato consumo di alcolici e un rischio di quasi il 50% più alto di morte per cancro rispetto ai bevitori meno assidui. Al tempo stesso, però, le donne che bevono birra in modo moderato sarebbero più protette dal rischio di attacchi cardiaci rispetto alle bevitrici "forti" o a chi non consuma neanche una pinta.

"Precedenti ricerche suggerivano che l'alcol in quantità moderata può avere un effetto protettivo", spiega Dominique Hange, coautore dello studio. "I nostri risultati tengono conto - aggiunge - di altri fattori di rischio cardiovascolare, ma allo stesso tempo non possiamo confermare che il consumo moderato di vino abbia lo stesso effetto".

Non perderti tutti gli aggiornamenti sulla pagina Facebook della Fucina





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Bibite zuccherate e diet fanno invecchiare il cervello

Aumenta rischio demenza e ictus

Mette il sale nella caffettiera: quello che succede è sorprendente

Succo di barbabietola migliora prestazioni cervello

Maggiore connettività in regioni associate alla funzione motoria

Salgono a 1600 casi di morbillo nel 2017, 4 su 10 ricoverati

Monitoraggio Ministero della Salute, età media 27 anni

Caffè ha doppio aromi vino ma solo nonni sanno riconoscerli

Nel dopoguerra tostatura a casa, ora sparite torrefazioni locali

Tribunale, uso scorretto cellulare causa tumore

Sentenza a Ivrea. Legali, Inail condannata a risarcire dipendente azienda

Grassi trans, eliminarli dalla dieta riduce rischio di infarto e ictus

Presenti in diversi alimenti ritenuti “sfiziosi”, come patatine, cibi fritti e prodotti da forno

Da cannabis possibili farmaci per dermatiti e psoriasi

Revisione studi, benefici dovuti a proprietà anti-infiammatorie

Infermiera fingeva di vaccinare bimbi e gettava le fiale

Asl, 'grave violazione doveri', campagna richiamo 500 pazienti

Lorenzin: “Pillola abortiva in consultorio? La 194 non lo prevede”

Lo ha affermato il ministro della Salute rispondendo a un'interrogazione al Question time in Aula alla Camera

È giusto il carcere per i genitori vegani?

È una notizia di qualche tempo fa, ma i giornali la stanno rilanciando in questi giorni

Il Papillomavirus innesca il cancro, causa mille morti l’anno

Vaccino anti-hpv al centro delle polemiche su Report introdotto 11 anni fa

L’inquinamento delle acque, un pericolo per la salute dell’essere umano

Ogni giorno quasi due miliardi di persone sono costrette a bere acqua contaminata

Facebook fa male alla salute mentale

Lo dice uno studio pubblicato ad Harvard

Latte, obbligo etichetta con origine della materia prima

Da domani in Italia su tutte le confezioni di prodotti lattiero-caseari ci sarà un'etichetta che indica l'origine della materia prima