lafucina.it
Medicina

Vi spiego perché le persone alte sono più a rischio di tumore

Già nel 1979 Luigi Di Bella aveva individuato le cause di questa correlazione

Pubblicato il 03/10/2015 da Giuseppe Di Bella

Voglio dire la mia in merito ai risultati di una ricerca usciti qualche giorno fa secondo cui Le persone alte rischiano il cancro più delle basse, ma non se ne riesce a capire il motivo.

I geni della ricerca, luminari, lampioni, e lampadari vari, si sono accorti finalmente che le persone alte presentano statisticamente  un maggior rischio di sviluppare un tumore ,ma non riescono a capirne il motivo. Se considerassero la biologia, la biochimica, la fisiologia e l’endocrinologia, avrebbero già facilmente individuato le ovvie cause e il consequenziale  rapporto tra  crescita superiore alla media e maggiore  incidenza di neoplasie. Non esiste infatti crescita sia fisiologica che tumorale, senza  sintesi proteica, la quale secondo dati scientifici definitivamente acquisiti e incontestabili, è totalmente GH (ormone della crescita) – PRL (Prolattina) dipendente. Questi due ormoni  regolano la crescita  fisiologica e hanno recettori di membrana coespressi e interattivi che dimerizzano attivando vie di segnalazione amplificate nelle cellule tumorali, che hanno un’espressione recettoriale moltiplicata rispetto alle cellule sane, hanno cioè la capacità di utilizzare quantità ampiamente superiori di questi ormoni . Non solo, ma esiste già un’ampia e autorevole letteratura, per cui GH-PRL hanno un’influenza sulla moltiplicazione dei cloni neoplastici, la loro espansione, aggressività e capacità di dare metastasi dose-dipendente.

E’ stata documentata  pertanto non solo  l’alta  potenzialità oncogena dell’asse GH-PR, ma il  rapporto dose-dipendente, tra aggressività di cloni neoplastici e la loro espressione recettoriale del GH:

David T. Lincolnet Al-  Histochem Cell Biol (1998) 109:141–159 © Springer-Verlag 1998.” Growth hormone receptor expression in the nucleus and cytoplasm of normal and neoplastic cells”

Maria Gebre-Medhin, et Al -American Journal of Pathology, Vol. 158, No. 4, April 2001- American Society for Investigative Pathology :Growth Hormone Receptor Is Expressed in Human Breast Cancer

Le persone più alte sono cresciute di più per il semplice fatto che secernono maggiori quantità di GH, che svolge un ruolo determinante e primario anche nella proliferazione tumorale, di cui rappresenta la massima causa, sia direttamente , sui rispettivi recettori , che indirettamente, attraverso l’induzione di decine di altri potenti induttori tumorali, i Fattori di Crescita, tutti GH dipendenti. Alla fine potrebbero anche accorgersi  che  l’antidoto specifico e rimedio primario è l’inibitore  fisiologico del GH e conseguentemente dei fattori di crescita correlati: la Somatostatina, in sinergismo con l’inibizione prolattinica attraverso agonisti dei recettori di membrana D2 ( Cabergolina e/o Bromocriptina).

Il Prof Di Bella pubblicò questi dati nel 1979  in  Prog Brain Res. 1979;52:475-8.”Perspectives in pineal functions.”Di Bella Let.al.e all’ International Symposium of Somatostatin – Athens 1-3 June 1981- Somatostatin in cancer therapy  Di Bella L et Al-

Dopo 20 anni il  premio Nobel Schally  ha pienamente confermato questo dato, pubblicando su  Proc Soc Exp Biol Med. “Mechanisms of antineoplastic action of somatostatin analogs. ” Pollak MN1Schally AV.1998 Feb;217(2):143-52. Tra le numerose conferme, il carcinoma della mammella definito triplo negative, è il più aggressive per la capacità di utilizzare elevatissime dosi di ormone della crescita, di cui  esprime un’alta densità recettoriale, come documentato dal Premio Nobel Schally nella pubblicazione Triple-negative breast cancers express receptors for growth hormone-releasing hormone (GHRH) and respond to GHRH antagonists with growth inhibition.:Köster F, , Schally AV, et AL

Breast Cancer Res Treat. 2009 Jul;116(2):273-9

Ma gli illuminati geni della ricerca  non se ne sono accorti, si chiedono ancora angosciosamente perché  mai le persone più alte  sono più esposte al tumore.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI

Giuseppe Di Bella

Giuseppe Di Bella
Medico

Laureato in medicina e chirurgia, specialista ORL - terapia biologica dei tumori -, Presidente della Fondazione Di Bella per lo studio e il trattamento delle patologie neoplastiche e degenerative, Member of Editorial Board of “Neuroendocrinology Letters” Member of Editorial Board of “Activitas Nervosa Superiore Rediviva”, Member of ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Gastrite: come alleviarla con 3 rimedi naturali

Il carciofo per disintossicare il fegato e depurarsi

Infuso di banana contro l’insonnia

Rumore nemico del cuore

Più rischi per chi vive vicino ad aeroporto

Come depurare il colon dalle tossine

Ecco quali alimenti ci aiutano a mantenere l'intestino pulito e depurato

Morto a 17 anni per un succhiotto sul collo

Un ictus provocato dal coagulo di sangue

Ogni anno 5mila casi di Salmonella, d’estate aumenta rischio

Attenzione a cibi comprati in strada

Le noci riducono colesterolo e grasso fegato

Mangiare noci migliora metabolismo, riduce impatto junk food

Dieta mediterranea scudo ‘salvacuore’, riduce rischio mortalità in malati

Non solo per i sani, ma anche per chi ha una storia di malattia cardiovascolare alle spalle

Birmania, oltre 30 morti nel nord-ovest per una malattia sconosciuta

Colpiti in gran parte bambini; decessi raddoppiati in pochi giorni

Aperitivi ‘batterici’, occhio a inzuppare più volte gli snack nelle salse

Intingere gli alimenti già 'assaggiati' più e più volte nel condimento contribuisce a diffondere germi in abbondanza

Salmonella nel tiramisù: disavventura al campo scuola

Disavventura con coda in ospedale per un gruppo di ragazzini

Il cervello di un obeso? E’ più vecchio di 10 anni

L'obesità può influenzare anche l'insorgenza e la progressione dell'invecchiamento cerebrale

Via libera del governo ai nuovi Livelli di assistenza

Le nuove prestazioni dovranno essere garantite su tutto il territorio italiano.

Mangiare più proteine ‘veg’ riduce rischi di morte

Studio promuove scelte green