lafucina.it
Cibo e Salute

Siamo sicuri che l’olio extravergine d’oliva italiano provenga dall’Italia?

La dettagliata analisi del giornalista Marco Oreggia sulla situazione dell'olio in Italia

Pubblicato il 22/01/2016 da La Fucina
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Non può esserci olio extravergine a 3/4 Euro al litro. Dal punto di vista giudiziario, alcune aziende messe all’indice per dei controlli attraverso le dogane, che sono l’ente di certificazione di assaggio, hanno una classificazione merceologica diversa da quella che è scritta in etichetta, è olio extravergine di oliva in realtà viene vantato che siano oli vergini di oliva, quindi una classificazione merceologica diversa e una qualità ovviamente più inferiore.

Altra cosa è invece la seconda indagine che di recente è partita con dei forti rastrellamenti in Puglia, che peraltro è il nostro bacino di produzione più importante italiano perché rappresenta circa il 35% della produzione. E' è stato riscontrato un potenziale elemento di frode, visto che veniva etichettato come 100% italiano, olio che attraverso una nuova tecnica che è quella del Dna, che è una pratica che però purtroppo ancora deve passare legalmente in ottica giudiziaria, sono stati riscontrati all’interno della composizione del bland dell’olio una serie di oli provenienti da nazioni extra italiane. Quindi per capirci Siria, Tunisia, Marocco. Questo sviluppo di quest’ultimo indagine pugliese potrebbe veramente definire la tracciabilità soprattutto dei prodotti e quindi obbligare forse in etichetta, ora attualmente è facoltativa, la possibilità di sapere quindi come consumatore dall’etichetta qual è l’origine e il bland che viene poi proposto in queste bottiglie.

Siamo con la nostra produzione i secondi produttori mondiali dopo la Spagna, siamo sicuramente i più importanti esportatori di prodotto come made in Italy e come immagine nel mondo e sarebbe bene continuare a lavorare, migliorando normative e ovviamente controlli e repressioni, per sostenere questo made in Italy sano e questo olio extravergine che abbia veramente la giusta identità. Attualmente c’è molta confusione. Se venisse fatta passare, come spero, l’indagine attraverso il Dna potremo sicuramente avere un elemento di repressione molto efficace nei confronti di una grande massa di olio extravergine, secondo me piuttosto standard e di medio – basso livello, che sono molto spesso sugli scaffali dei nostri supermercati o nella grande distribuzione generale.

Potrebbe interessarti anche Tutti i benefici dell’Olio extra vergine d’oliva

Noi abbiamo una produzione nazionale, certificata quest’anno, di circa 300 mila tonnellate che purtroppo è anche in drastico abbassamento in questi ultimi anni perché ovviamente c’è anche fortissimo abbandono del settore della produzione, perché ovviamente non facendo reddito, avendo una concorrenza molto a ribasso, ovviamente molti produttori hanno abbandonato e questo è un dramma.

Mediamente oggi una produzione va dai 6/8 Euro al litro come produzione potenziale di inserimento al commercio, contro i 3/4/5 euro della grande distribuzione. Per darvi un’idea al 75/85% della produzione nazionale è fatta da medio – piccoli che ha meno di 3 ettari in produzione, quindi sono realtà piuttosto deboli che inseriscono sul mercato tendenzialmente un prodotto che è extravergine assai interessante che però è poco presente molto spesso nella grande distribuzione perché filiere molto piccole.

Il grosso della massa dei prodotti da scaffale vengono invece da imbottigliatori spesso molti marchi sono anche di proprietà internazionale, quindi con proprietà che sono extra italiane, che sono e rappresentano la grande quantità di vendita commerciale sui nostri scaffali. Molto spesso vantano marchi italiani ma non sempre ovviamente gestiscono soltanto masse di prodotto italiano. Per darvi un’idea noi abbiamo un consumo pro capite intorno ai 15 chili in Italia, in realtà ci riforniamo circa il 50/75% della massa dall’estero perché il nostro fabbisogno non è coperto dai nostri produttori. I fornitori primari sono la Spagna, la Tunisia, la Grecia, il portogallo e attualmente è stato anche messo in elenco, da alcuni dati Agea persino il Cile. Questi grossi rifornimento vengono blandati, questi oli, non olive, oli, c’è da dirlo perché spesso si fa questo errore e poi vengono messi a scaffale: sono oli praticamente molto scarichi di qualità organolettica e salutistica.

Potrebbe interessarti anche Come riconoscere un buon olio extravergine d’oliva?

Consiglio spesso di rivolgersi soprattutto accorciando la filiera ai produttori che ovviamente hanno una loro tracciabilità e quindi peraltro propongono una qualità organolettica molto più alta, qualità fenoliche e salutistiche e decisamente più ampia a un prezzo estremamente basso, pur essendo il doppio, il triplo di quello del supermercato.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Meningite, bimbo di 1 anno ricoverato a Cesena

Ricoverato dal 19 febbraio all'ospedale Bufalini di Cesena

Cosa succede al tuo corpo quando mangi un Big Mac?

Ti è mai capitato di mangiare un Big Mac e avere fame mezz’ora dopo?

Richiamati crostini per la presenza di fibra non alimentare

Pam Panorama richiama tre lotti di crostini dorati

Cibo spazzatura crea stessi danni diabete per reni

Una dieta a base di cibo spazzatura puo' causare danni ai reni del tutto simili a quelli causati dal diabete

Ue: in calo vittime di cancro, ma flessione è più lenta tra le donne

Evitati oltre 4 mln morti in 30 anni

Gastroenterologi, il 30% delle gastroscopie e colonscopie che si fanno è inutile

30 milioni bruciati per 500 mila procedure evitabili

Mille euro in busta paga a chi smette di fumare

L'iniziativa di un'agenzia di comunicazione di Sarezzo, in provincia di Brescia

Fumo, la nostalgia può dare una spinta in più per smettere

Studio, campagne no basate su paura, ma che tocchino corde cuore

Meningite, donna in prognosi riservata a Catania

Diagnosticata una meningite da meningococco C

Aifa, prezzi etici o produrremo farmaci anti epatite C in proprio

gi al via trattativa con aziende; Melazzini, cureremo tutti

Infarto e cure, 1 struttura su 2 sotto la soglia di sicurezza di 100 casi l’anno

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute

Lorenzin: “Chiusura definitiva ospedali psichiatrici giudiziari, giornata storica”

Beatrice Lorenzin, ministra della Salute, si dichiara "estremamente soddisfatta"

Farmaci, stop precauzionale ad anticancro seno dopo decessi

Noto anticancro docetaxel nei tumori al seno

Correre frena l’invecchiamento del cuore,difende Dna cellule

Bastano 30 minuti al giorno

Meningite, 14enne in Rianimazione a Milano

Regione convoca esperti