lafucina.it
Cibo e Salute

Cosa mangiare in presenza di colesterolo alto

Ecco quali sono i grassi che si possono mangiare in presenza di colesterolo alto

Pubblicato il 04/02/2016 da La Fucina

Quali sono i grassi che posso mangiare se ho il colesterolo alto? Facciamo un po' di chiarezza per una corretta alimentazione!

Grassi saturi e rischio cardiovascolare

La quantità di grassi saturi (solidi a temperatura ambiente, come i grassi del latte, del burro, dei formaggi, i grassi delle carni), secondo uno studio pubblicato a metà agosto da un’autorevole rivista medica inglese1 (che riassume i risultati di tutti gli studi epidemiologici pubblicati sull’argomento) non influenzerebbe in alcun modo il rischio di infarto o di morte per qualunque causa. Consumarne pochi o tanti, in altre parole, lascia del tutto invariato il rischio di questi eventi. Attenzione: lo studio non dice che questi grassi non “alzano il colesterolo”, se consumati in quantità elevate, dice piuttosto che non aumentano il rischio di infarto o di morte, nonostante l’effetto sul colesterolo sia ben documentato.

Potrebbe interessarti anche Come ridurre naturalmente il colesterolo e i trigliceridi nel sangue

Forse l’assenza di effetti sul rischio di infarto è dovuta al contemporaneo aumento, che questi grassi cono capaci di indurre, del colesterolo “buono” HDL: ma su questo aspetto i pareri degli esperti sono divisi. Il rischio di morte o di infarto aumenta invece in maniera significativa per chi consuma quantità elevate di particolari grassi insaturi, denominati “trans”. Questi grassi, presenti nelle vecchie margarine dure in panetto (ma non nelle più moderne, morbide e spalmabili, in genere presentate in vaschetta sugli scaffali dei supermercati), sono peraltro poco utilizzati nel nostro Paese, dove storicamente è sempre prevalsa la cultura dell’olio di oliva al centro sud, e del burro al nord. Sono tuttora reperibili soprattutto in alcuni prodotti da forno di non alta qualità (appaiono nelle etichette come “grassi vegetali parzialmente idrogenati”).

Grassi saturi e oli vegetali

Se sostituite in parte questi grassi (sia i saturi, e sia soprattutto i “trans”), con oli di origine vegetale (sia di oliva e sia di semi) fate qualcosa di ancora più utile per le vostre coronarie. Su una delle più importanti riviste cardiologiche americane (Li J et al, J Am Coll Cardiol 2015, 66:1538) esce infatti un articolo che mostra come la sostituzione dei saturi con monoinsaturi, e polinsaturi (ne sono ricchi, rispettivamente, l’olio di oliva e gli oli di semi) riduca il rischio di infarto del 15% e del 25%, sempre rispettivamente.

Cosa possiamo mangiare?

Potete mangiare un po’ più liberamente i grassi saturi (e specie quelli dei prodotti della filiera del latte, come latte, formaggi e burro): di per se’ non aumentano il rischio di infarto o di morte. Nel Paese del Parmigiano, del Gorgonzola, dell’Asiago, del Bitto e di mille formaggi eccezionali questa notizia non può che farci piacere! Ma se sostituite una parte dei saturi della vostra dieta con gli oli (sia di oliva e sia di semi) fate qualcosa di più: riducete il vostro rischio di incorrere in questi eventi. Potete decidere voi, con equilibrio e buon senso (e tenendo conto delle vostre preferenze). State invece “alla larga” dagli insaturi trans (ricordate: in etichetta sono indicati come “grassi vegetali parzialmente idrogenati”). (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

I grani antichi sono davvero più sani di quelli moderni?

E' vero che sono più nutrienti e contengono meno glutine?

Come sbucciare la melagrana in 1 minuto

Ecco un trucchetto per aprire la melagrana facilmente

Mele e pomodori riparano i polmoni degli ex-fumatori

Rallentano il declino della funzione respiratoria anche per chi non fuma

La colazione per non sentire fame fino a pranzo

Sazia a spegne la fame nervosa, è una colazione talmente completa che possiamo evitare lo spuntino

Quante calorie contiene una fetta di panettone o di pandoro?

In ogni fetta sono contenuti 5 cucchiaini di zucchero che ci fa superare la soglia fissata dal OMS

Perché i broccoletti sono così buoni per la salute

Tutte i benefici dei broccoletti e qualche ricetta sfiziosa per cucinarli

10 valide ragioni per consumare i porri

I porri rappresentano un alimento che racchiude sorprendenti proprietà curative e nutrizionali.

Il brodo di pollo in inverno è una vera medicina

Ha un effetto antinfiammatorio con benefici alle vie respiratorie, ecco la ricetta

Listeria nella provola, ritirato un lotto

Il Ministero della Salute ha provveduto al ritiro di un lotto di provola

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Ecco perché mangiare tanto cavolo nero

Ingrediente principale della ribollita toscana, un toccasana contro il freddo

Albero vero o finto: qual è la scelta migliore per l’ambiente?

La vita dei nostri alberi di Natale: prima e dopo

La dieta per arrivare a Natale con la coscienza a posto

La dieta consigliata dal nutrizionista

Arriva la Dieta vegana in versione Mediterranea

Da cereali a olio di oliva,alimenti tutti derivati da tradizione

4 cose sui pompelmi che non sapevi

Per esempio che l'estratto dei semi hanno potere battericida e antimicotico