lafucina.it
Cibo e Salute

Cosa mangiare in presenza di colesterolo alto

Ecco quali sono i grassi che si possono mangiare in presenza di colesterolo alto

Pubblicato il 04/02/2016 da La Fucina

Quali sono i grassi che posso mangiare se ho il colesterolo alto? Facciamo un po' di chiarezza per una corretta alimentazione!

Grassi saturi e rischio cardiovascolare

La quantità di grassi saturi (solidi a temperatura ambiente, come i grassi del latte, del burro, dei formaggi, i grassi delle carni), secondo uno studio pubblicato a metà agosto da un’autorevole rivista medica inglese1 (che riassume i risultati di tutti gli studi epidemiologici pubblicati sull’argomento) non influenzerebbe in alcun modo il rischio di infarto o di morte per qualunque causa. Consumarne pochi o tanti, in altre parole, lascia del tutto invariato il rischio di questi eventi. Attenzione: lo studio non dice che questi grassi non “alzano il colesterolo”, se consumati in quantità elevate, dice piuttosto che non aumentano il rischio di infarto o di morte, nonostante l’effetto sul colesterolo sia ben documentato.

Potrebbe interessarti anche Come ridurre naturalmente il colesterolo e i trigliceridi nel sangue

Forse l’assenza di effetti sul rischio di infarto è dovuta al contemporaneo aumento, che questi grassi cono capaci di indurre, del colesterolo “buono” HDL: ma su questo aspetto i pareri degli esperti sono divisi. Il rischio di morte o di infarto aumenta invece in maniera significativa per chi consuma quantità elevate di particolari grassi insaturi, denominati “trans”. Questi grassi, presenti nelle vecchie margarine dure in panetto (ma non nelle più moderne, morbide e spalmabili, in genere presentate in vaschetta sugli scaffali dei supermercati), sono peraltro poco utilizzati nel nostro Paese, dove storicamente è sempre prevalsa la cultura dell’olio di oliva al centro sud, e del burro al nord. Sono tuttora reperibili soprattutto in alcuni prodotti da forno di non alta qualità (appaiono nelle etichette come “grassi vegetali parzialmente idrogenati”).

Grassi saturi e oli vegetali

Se sostituite in parte questi grassi (sia i saturi, e sia soprattutto i “trans”), con oli di origine vegetale (sia di oliva e sia di semi) fate qualcosa di ancora più utile per le vostre coronarie. Su una delle più importanti riviste cardiologiche americane (Li J et al, J Am Coll Cardiol 2015, 66:1538) esce infatti un articolo che mostra come la sostituzione dei saturi con monoinsaturi, e polinsaturi (ne sono ricchi, rispettivamente, l’olio di oliva e gli oli di semi) riduca il rischio di infarto del 15% e del 25%, sempre rispettivamente.

Cosa possiamo mangiare?

Potete mangiare un po’ più liberamente i grassi saturi (e specie quelli dei prodotti della filiera del latte, come latte, formaggi e burro): di per se’ non aumentano il rischio di infarto o di morte. Nel Paese del Parmigiano, del Gorgonzola, dell’Asiago, del Bitto e di mille formaggi eccezionali questa notizia non può che farci piacere! Ma se sostituite una parte dei saturi della vostra dieta con gli oli (sia di oliva e sia di semi) fate qualcosa di più: riducete il vostro rischio di incorrere in questi eventi. Potete decidere voi, con equilibrio e buon senso (e tenendo conto delle vostre preferenze). State invece “alla larga” dagli insaturi trans (ricordate: in etichetta sono indicati come “grassi vegetali parzialmente idrogenati”). (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

L’alimentazione contro il freddo: ecco come passare l’inverno senza ammalarsi

L’alimentazione gioca un ruolo fondamentale, insieme ad un buon riposo

Tumore al pancreas, dal 2002 casi in aumento di quasi il 60%

L'annuncio dell'Associazione italiana di Oncologia medica

Micotossine nella farina della polenta di Arcene: non consumatela

Lotto ritirato dal commercio

Ecco perché mangiare aglio (più un trucco per non puzzare)

L'aglio apporta benefici importantissimi per la nostra salute

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

I funghi rallentano l’invecchiamento grazie agli antiossidanti

Soprattutto i funghi porcini

6 ottimi motivi per mangiare lenticchie

Risultano essere ricche di fibre sali minerali e vitamine

La patata d’oro, ricca di vitamina A, E e prevenire molte malattie

Dall'Italia la 'patata d'oro', ha 3 geni di un batterio

Cosa mangiare quando si soffre di afte

I cibi che prevengono e curano le afte, più una giornata alimentare tipo

Con cibo piccante si consuma meno sale e la pressione scende

E' un modo per 'ingannare' il cervello

L’alimentazione che cura il diabete

Antiossidanti protettivi,dieta stretta curativa

I dolcificanti artificiali aumentano il rischio di diabete

A puntare il dito contro le alternative allo zucchero è uno studio pubblicato sulla rivista 'Nature'

L’olio di oliva previene il cancro al colon

Svelati i meccanismi genetici con cui l'olio extravergine d'oliva previene il cancro al colon

Papa: stop vendita sigarette in Vaticano

Burke, non vuole profitti che mettono a rischio salute