lafucina.it
Cibo e Salute

L’olio extravergine d’oliva made in Italy di qualità

Il produttore Giulio Di Gropello ci parla dell'olio extravergine d'oliva Made in Italy di qualità

Pubblicato il 08/02/2016 da La Fucina
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

La definizione di extravergine è una definizione di un parametro di legge che ti dice che l’olio extra vergine ha un’acidità inferiore a 0,80, ma non ti dice quanto deve essere vecchia o giovane l’oliva, non ti dice se tu devi fare questo in fretta o meno, per cui non c’è nessuna correlazione con la produzione, non ti dice neanche che devi avere le piante.

Da due anni quando tu fai uscire una bottiglia dal frantoio devi fare la comunicazione online al Ministero dell’agricoltura attraverso un software che siamo stati obbligati a comprare, che questa bottiglia è uscita dal frantoio, quindi in linea di principio dovrebbe essere una filiera controllata. Il problema è che il prodotto considerato extravergine venduto come Made in Italy negli scaffali della grande distribuzione viene venduto sulla base di leggi esistenti che permettono di fare un prodotto che non è di gamma, non è interessante, non è neanche curativo l’olio d’oliva, perché forse l’olio d’oliva è il più grande medicina che esiste in natura, però è legalissimo farlo. Noi abbiamo dei parametri che usiamo noi come minimi obiettivi di produzione, per cui noi consideriamo che un olio è plausibile se l’acidità è inferiore allo 0,3, se i polifenoli sono superiori a 300. Questi parametri sono parametri che ottieni soltanto se hai un processo controllato dall’inizio, estremamente veloce, raccogliere quando l’oliva è pronta, quando la polpa è bianca e hanno delle rese molto diverse. Arrivare a fare questo ti permette di fare l’alta qualità se tu lo porti in frantoio entro 6 ore e se fa caldo deve essere refrigerato prima perché non può andare a temperatura sopra perché altrimenti comincia il processo di decomposizione, di ossidazione dell’oliva.

Quindi tutto questo processo è molto dispendioso perché devi fare tutto molto bene, molto preciso e molto veloce e questo non è quello che ti richiedono i parametri per cui un olio è considerato extravergine d’oliva perché tra 0,2 o 0,3 di acidità e 0,8 c’è il mondo, 0,8 lo puoi fare anche frangendo le olive 3 o 4 giorni dopo è tutto un altro mondo e non ottieni quei polifenoli, non ottieni tutto quello che ottieni con l’alto di gamma.





  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

La tisana per dimagrire e depurare

Cosa succede se ingoiamo una gomma da masticare?

Errore nella circoncisione”: bimbo di sei anni resta quasi evirato

L'errore medico potrebbe avere compromesso la futura vita sessuale del bambino

In Italia il 33% delle morti evitabili con le giuste cure

Rapporto Eurostat 2013, Romania maglia nera dell'Ue con il 49,4%

Antitrust: “Vaccini mercato da 300 milioni, intervenire sui monopoli”

Una spesa annua di 300 milioni di euro a carico del Sistema sanitario nazionale

Anche poco sale fa male,aumenterebbe rischio infarto e ictus

Lancet, l'ideale 4-5 gr al dì; solo ipertesi devono controllarsi

Morso di un ragno sul braccio: quando preme quello che fuoriesce è disgustoso

Maltrattata nella casa di riposo: pubblica la foto della mamma prima della morte

E' una foto drammatica quella pubblicata da una donna inglese che ha voluto mostrare al mondo "come hanno ridotto mia madre

Il metodo ABCDE: per tenere sotto controllo i nei

E' importante conoscere le regole dell'ABCDE di autovalutazione dei nei

Farmaco aumenta rischio difetti alla nascita

Puo' essere collegato a un aumento del rischio di difetti alla nascita

Lasciano il figlio con la baby sitter, tornano e lo trovano con un grosso livido sul viso

Il piccolo era pieno di graffi e lividi, compreso uno sulla faccia, come se qualcuno gli avesse dato uno schiaffo

Il cliente era allergico, ristoratore condannato a 6 anni per omicidio

L'uomo è morto per choc anafilattico. E' successo a Londra

La curcuma nuovo alleato contro Alzheimer e ictus

Protegge il cervello contro l'alzheimer e l'ictus

Addio dieta, ecco il piatto che assorbe le calorie di troppo

L'idea, rivoluzionaria, arriva dalla Thailandia: grazie a dei piccoli fori che asciugano lʼolio dalle pietanze si riducono le calorie di ogni pasto del 30 per cento

Bimba mangia le fragole: rischia di soffocare per choc anafilattico

E' successo a Castelfidardo, in provincia di Ancona. L'allarme dei genitori e i soccorsi tempestivi hanno evitato il peggio