lafucina.it
Cibo e Salute

L’olio extravergine d’oliva made in Italy di qualità

Il produttore Giulio Di Gropello ci parla dell'olio extravergine d'oliva Made in Italy di qualità

Pubblicato il 08/02/2016 da La Fucina
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

La definizione di extravergine è una definizione di un parametro di legge che ti dice che l’olio extra vergine ha un’acidità inferiore a 0,80, ma non ti dice quanto deve essere vecchia o giovane l’oliva, non ti dice se tu devi fare questo in fretta o meno, per cui non c’è nessuna correlazione con la produzione, non ti dice neanche che devi avere le piante.

Da due anni quando tu fai uscire una bottiglia dal frantoio devi fare la comunicazione online al Ministero dell’agricoltura attraverso un software che siamo stati obbligati a comprare, che questa bottiglia è uscita dal frantoio, quindi in linea di principio dovrebbe essere una filiera controllata. Il problema è che il prodotto considerato extravergine venduto come Made in Italy negli scaffali della grande distribuzione viene venduto sulla base di leggi esistenti che permettono di fare un prodotto che non è di gamma, non è interessante, non è neanche curativo l’olio d’oliva, perché forse l’olio d’oliva è il più grande medicina che esiste in natura, però è legalissimo farlo. Noi abbiamo dei parametri che usiamo noi come minimi obiettivi di produzione, per cui noi consideriamo che un olio è plausibile se l’acidità è inferiore allo 0,3, se i polifenoli sono superiori a 300. Questi parametri sono parametri che ottieni soltanto se hai un processo controllato dall’inizio, estremamente veloce, raccogliere quando l’oliva è pronta, quando la polpa è bianca e hanno delle rese molto diverse. Arrivare a fare questo ti permette di fare l’alta qualità se tu lo porti in frantoio entro 6 ore e se fa caldo deve essere refrigerato prima perché non può andare a temperatura sopra perché altrimenti comincia il processo di decomposizione, di ossidazione dell’oliva.

Quindi tutto questo processo è molto dispendioso perché devi fare tutto molto bene, molto preciso e molto veloce e questo non è quello che ti richiedono i parametri per cui un olio è considerato extravergine d’oliva perché tra 0,2 o 0,3 di acidità e 0,8 c’è il mondo, 0,8 lo puoi fare anche frangendo le olive 3 o 4 giorni dopo è tutto un altro mondo e non ottieni quei polifenoli, non ottieni tutto quello che ottieni con l’alto di gamma.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI



  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Il 30% dei tumori al seno colpisce under 50

Ma per questa fascia età non esisto programmi screening del Ssn

Un italiano su 4 con dolore cronico, 4mln non hanno cure

Il primo ottobre la giornata 'Cento città contro il dolore'

Come preparare il frullato dimagrante

Checco Zalone: Mi aiutate ad aiutare le famiglie SMA?

Come alleviare la cervicale da ufficio in un minuto

Formaggio ‘assolto’, farebbe salire il colesterolo buono

Il formaggio grasso e stagionato, il migliore per livelli'HDL'

Rapa rossa effetto molto simile a Viagra

Cresce nell'orto la nuova arma segreta degli sportivi

Vicino l’addio a ricette rosse,in Italia l’80% è digitale

Almeno 250mln risparmi annui per il Ssn e vantaggi per cittadini

Salmonella in salsiccia italiana, parassiti nello sgombro

45 prodotti ritirati in Ue

Dott Berrino: Ecco come depurare stomaco e intestino

Come preparare la vellutata di lenticchie rosse

Oggi prepariamo una gustosissima velluta di lenticchie rosse, ottime per il nostro organismo

Arriva il dispositivo che corregge le orecchie a sventola

Si tratta di una clip rivestita in oro biocompatibile a 24 carati

Emma, la bimba coraggio di 7 anni non ce l’ha fatta

Dott Mozzi: Il glutine piu’ nocivo del tabacco

I trucchi per risparmiare quando si fa la spesa

Fino a 4mila euro il risparmio all'anno per una famiglia