lafucina.it
Medicina

Il virus Zika si può diffondere anche attraverso lacrime e sudore

La vittima era un uomo di 73 anni

Pubblicato il 04/10/2016 da La Fucina

Lacrime e sudore possibili veicoli del virus Zika. A puntare il dito su queste nuove possibili vie di trasmissione per il virus che dal Sudamerica si sta diffondendo nel mondo sono i ricercatori statunitensi che, in una lettera sul 'Nejm', analizzano il raro caso di un decesso negli Usa di un paziente con virus Zika. Un altro paziente, entrato in contatto con l'uomo in ospedale, potrebbe aver contratto il virus proprio attraverso il sudore o le lacrime del primo malato.

La vittima era un uomo di 73 anni, morto quest'anno nell'ospedale dell'University of Utah a Salt Lake City. Il paziente ha sperimentato i primi sintomi 8 giorni dopo essere rientrato da un viaggio in Messico: febbre e dolore addominale, cui si sono aggiunti occhi infiammati, ipotensione e battito accelerato. L'uomo ha sviluppato quindi uno shock settico, che lo ha portato alla morte. Il secondo paziente, un giovane di 38 anni precedentemente sano, aveva visitato l'anziano in ospedale, asciugandogli le lacrime e aiutando le infermiere a sistemarlo nel letto. Uno dei medici ha notato gli occhi rossi dell'uomo, congestionati e pieni di lacrime, sintomo comune di Zika. In breve tempo un test ha confermato l'infezione, ma in questo caso i sintomi erano lievi e si sono risolti in pochi giorni.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner-basso-post-fucina

Due aspetti arrovellano i medici: perché l'anziano è morto? Finora sono rarissimi i decessi da virus Zika. In che modo poi il secondo paziente ha contratto il virus? Non ha fatto nulla per esporsi al rischio. I medici dell'University of Utah e degli Arup Laboratories suggeriscono che livelli del virus insolitamente elevati nell'anziano siano stati causa della sua morte. Questo elemento inoltre potrebbe spiegare perché il secondo uomo si sia infettato, semplicemente toccando lacrime o sudore del primo malato.

"Questo raro caso ci sta aiutando a comprendere lo spettro completo della malattia e le misure che dobbiamo adottare per evitare il passaggio del virus da una persona all'altra in situazioni specifiche", spiega Sanker Swaminathan dell'University of Utah, fra gli autori dello studio. "La carica virale" del primo paziente "era 100 mila volte più elevata di quella riportata in altri casi di Zika", conclude infatti il ricercatore. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

I grani antichi sono davvero più sani di quelli moderni?

E' vero che sono più nutrienti e contengono meno glutine?

Come sbucciare la melagrana in 1 minuto

Ecco un trucchetto per aprire la melagrana facilmente

Mele e pomodori riparano i polmoni degli ex-fumatori

Rallentano il declino della funzione respiratoria anche per chi non fuma

La colazione per non sentire fame fino a pranzo

Sazia a spegne la fame nervosa, è una colazione talmente completa che possiamo evitare lo spuntino

Quante calorie contiene una fetta di panettone o di pandoro?

In ogni fetta sono contenuti 5 cucchiaini di zucchero che ci fa superare la soglia fissata dal OMS

Perché i broccoletti sono così buoni per la salute

Tutte i benefici dei broccoletti e qualche ricetta sfiziosa per cucinarli

10 valide ragioni per consumare i porri

I porri rappresentano un alimento che racchiude sorprendenti proprietà curative e nutrizionali.

Il brodo di pollo in inverno è una vera medicina

Ha un effetto antinfiammatorio con benefici alle vie respiratorie, ecco la ricetta

Listeria nella provola, ritirato un lotto

Il Ministero della Salute ha provveduto al ritiro di un lotto di provola

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Ecco perché mangiare tanto cavolo nero

Ingrediente principale della ribollita toscana, un toccasana contro il freddo

Albero vero o finto: qual è la scelta migliore per l’ambiente?

La vita dei nostri alberi di Natale: prima e dopo

La dieta per arrivare a Natale con la coscienza a posto

La dieta consigliata dal nutrizionista

Arriva la Dieta vegana in versione Mediterranea

Da cereali a olio di oliva,alimenti tutti derivati da tradizione

4 cose sui pompelmi che non sapevi

Per esempio che l'estratto dei semi hanno potere battericida e antimicotico