lafucina.it
Cibo e Salute

Il caffè sembra non creare scompensi cardiaci

Uno studio dimostra che anche chi soffre di aritmia cardiaca non risente negativamente del consumo di caffeina

Pubblicato il 19/10/2016 da La Fucina

Anche chi soffre di insufficienza cardiaca può bere il caffè senza timore di esacerbare le aritmie. Un piccolo studio condotto dalla Universidad Federal do Rio grande do Sul, a Porto Alegre (Brasile) e pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine ha evidenziato come il consumo di caffè o bevande contenenti caffeina è sicuro e possibile anche per i pazienti con insufficienza cardiaca senza che tale abitudine determini la comparsa di battiti irregolari. Un elemento in più nella ricca letteratura scientifica sulle conseguenze del consumo di caffè.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

LA RICERCA Lo studio ha visto il monitoraggio di 51 pazienti con insufficienza cardiaca: i partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi. Quelli del gruppo 1 hanno bevuto lungo un intervallo di cinque ore, caffè decaffeinato con 100 mg di polvere di caffè, in modo da assumerne in totale 500 mg, quelli del gruppo 2, invece, hanno ricevuto caffè decaffeinato con polvere di latte. Alla fine i ricercatori hanno controllato attraverso un test quanto il cuore fosse stato sollecitato dopo l’assunzione di caffè.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

I RISULTATI Il caffè rappresenta una delle bevande più ricche di caffeina; una tazza di caffè può contenerne dai 40 ai 220 mg a seconda di quanto sia lungo o ristretto, mentre una tazza di te contiene, di solito, una quantità di caffeina compresa fra i 20 e i 110 mg. Il team medico non ha riscontrato alcuna particolare irregolarità nel battito cardiaco nei pazienti che avevano assunto caffeina rispetto a quelli che non l’avevano assunta. Luis Rohde uno degli autori dello studio, in merito ha precisato: “Anche se di piccole dimensioni il nostro lavoro di ricerca sfata uno dei principali miti dei pazienti con problemi cardiovascolari e a rischio aritmia cardiaca, ovvero che non devono assumere o devono comunque limitare il loro consumo di caffeina”. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Ue, stop all’aranciata senza arancia

La Commissione Ue innalza la quantità di succo al 20%. Italia in regola dal marzo 2018

Basta mezz’ora al telefonino per rischiare mal di testa

no studio del gruppo di ricercatori diretti dall'ex presidente della Società italiana di neurologia, Aldo Quattrone

Tumori, 5 caffè al giorno dimezzano rischio cancro fegato

Secondo una ricerca diretta da Oliver Kennedy, dell'University of Southampton

Infarto, nel 30% dei casi c’è lo zampino del sistema immunitario

Studio Gemelli, al via cure su misura per i diversi tipi arresto cuore

Tumore al polmone, dopo 40 anni cambia la cura d’attacco

Sì di Aifa a immuno-oncologia, 70% pazienti vivo a un anno

Riabilitato il sugo con soffritto di cipolla e aglio, fa bene al cuore

Studio, la cottura lunga sprigiona molecole benefiche per la salute

Cassazione conferma maxisequestro spaghetti ‘made in Turkey’

'Indicazioni fallaci'. Respinto ricorso ad pasta 'Garofalo'

Penne rigate Combino richiamate da Lidl e dal produttore

“Pasta Zara”, per possibile presenza di tracce di soia. Rischio per gli allergici

Pediatri Usa, stop ai succhi di frutta sotto l’anno età

Non sono un buon sostituto della frutta fresca e servono solo a consumare più zucchero e calorie

Torna la pasta da grani antichi, +250 volte in 20 anni

Nel 2017 record 2,5 mln di kg per lo storico 'senatore' Cappelli

Scagionato il Viagra, assumere la pillola blu non provoca melanoma

Studio dei ricercatori della New York University, l'aumento dei casi dipende da un maggior numero di diagnosi

Le sigarette light? Sono più pericolose di quelle normali

Associate all’aumento di adenocarcinoma, comune tumore al polmone

L’esercizio fisico è un’arma contro 22 malattie, dal diabete 2 all’Alzheimer

Studio finlandese, sicuro anche per chi soffre di malattie croniche

Chirurgia, “troppi esami inutili prima degli interventi”

Indagini che fanno crescere i costi e rischi inutilmente

Nuovo magazzino per le albicocche tra più grandi Europa

Nuovo stabilimento Albisole (Forlì-Cesena)