lafucina.it
Cibo e Salute

Il caffè sembra non creare scompensi cardiaci

Uno studio dimostra che anche chi soffre di aritmia cardiaca non risente negativamente del consumo di caffeina

Pubblicato il 19/10/2016 da La Fucina

Anche chi soffre di insufficienza cardiaca può bere il caffè senza timore di esacerbare le aritmie. Un piccolo studio condotto dalla Universidad Federal do Rio grande do Sul, a Porto Alegre (Brasile) e pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine ha evidenziato come il consumo di caffè o bevande contenenti caffeina è sicuro e possibile anche per i pazienti con insufficienza cardiaca senza che tale abitudine determini la comparsa di battiti irregolari. Un elemento in più nella ricca letteratura scientifica sulle conseguenze del consumo di caffè.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

LA RICERCA Lo studio ha visto il monitoraggio di 51 pazienti con insufficienza cardiaca: i partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi. Quelli del gruppo 1 hanno bevuto lungo un intervallo di cinque ore, caffè decaffeinato con 100 mg di polvere di caffè, in modo da assumerne in totale 500 mg, quelli del gruppo 2, invece, hanno ricevuto caffè decaffeinato con polvere di latte. Alla fine i ricercatori hanno controllato attraverso un test quanto il cuore fosse stato sollecitato dopo l’assunzione di caffè.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

I RISULTATI Il caffè rappresenta una delle bevande più ricche di caffeina; una tazza di caffè può contenerne dai 40 ai 220 mg a seconda di quanto sia lungo o ristretto, mentre una tazza di te contiene, di solito, una quantità di caffeina compresa fra i 20 e i 110 mg. Il team medico non ha riscontrato alcuna particolare irregolarità nel battito cardiaco nei pazienti che avevano assunto caffeina rispetto a quelli che non l’avevano assunta. Luis Rohde uno degli autori dello studio, in merito ha precisato: “Anche se di piccole dimensioni il nostro lavoro di ricerca sfata uno dei principali miti dei pazienti con problemi cardiovascolari e a rischio aritmia cardiaca, ovvero che non devono assumere o devono comunque limitare il loro consumo di caffeina”. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Fumo, la nostalgia può dare una spinta in più per smettere

Studio, campagne no basate su paura, ma che tocchino corde cuore

Meningite, donna in prognosi riservata a Catania

Diagnosticata una meningite da meningococco C

Aifa, prezzi etici o produrremo farmaci anti epatite C in proprio

gi al via trattativa con aziende; Melazzini, cureremo tutti

Infarto e cure, 1 struttura su 2 sotto la soglia di sicurezza di 100 casi l’anno

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute

Lorenzin: “Chiusura definitiva ospedali psichiatrici giudiziari, giornata storica”

Beatrice Lorenzin, ministra della Salute, si dichiara "estremamente soddisfatta"

Farmaci, stop precauzionale ad anticancro seno dopo decessi

Noto anticancro docetaxel nei tumori al seno

Correre frena l’invecchiamento del cuore,difende Dna cellule

Bastano 30 minuti al giorno

Meningite, 14enne in Rianimazione a Milano

Regione convoca esperti

Meningite, muore una donna a Milano

Grave bimba di 7 mesi

Il rimedio naturale per ripulire i reni dalle tossine

Molte erbe naturali ci permettono di purificare i reni dalle tossine

Influenza, decessi salgono a 35 ma contagi in calo

Quasi 4,5 milioni da inizio stagione, si va verso fine epidemia

Cosa succede se mangiamo le carote crude

È meglio mangiare verdure cotte o crude?

Cosa succede al nostro cervello quando beviamo caffè

Un professore ha analizzato il proprio cervello per 18 mesi sottoponendosi a risonanza magnetica funzionale per due giorni a settimana

Metodo naturale per avere capelli morbidi e voluminosi

La calvizie in 287 geni ereditati dalle mamme

Messa a punto formula indicativa perdita capelli