lafucina.it
Cibo e Salute

Sì alla carne rossa: entro i limiti non fa male al cuore

Un consumo adeguato non espone la salute cardiovascolare a rischi immediati. L'analisi

Pubblicato il 21/12/2016 da La Fucina

Anche la carne rossa può trovare spazio all’interno di un’alimentazione salutare che non metta in pericolo cuore e arterie. A sostenerlo è Wayne Campbell, esperto della Purdue University di West Lafayette (Stati Uniti), che insieme ai suoi collaboratori ha analizzato gli studi clinici condotti sul tema giungendo alla conclusione che un consumo che si mantenga al di sotto di mezza porzione al giorno (per un totale di 3 porzioni a settimana) non aumenta, almeno nel breve termine, il rischio cardiovascolare.

Le più recenti raccomandazioni dell’International Foundation of Mediterranean Diet (Ifmed) raccomandano di limitare il consumo di carne rossa a meno di 2 porzioni alla settimana e a mangiare al massimo una porzione di carni processate ogni 7 giorni. La raccomandazione è basata su studi secondo cui un consumo eccessivo di questi alimenti potrebbe danneggiare la salute; i dibattiti più recenti sugli effetti dell’inclusione della carne nell’alimentazione hanno riguardato l’associazione con il rischio di sviluppare dei tumori (in particolare all’intestino), ma non mancano nemmeno le discussioni sugli effetti del suo consumo a livello cardiovascolare. Campbell e collaboratori si sono concentrati proprio su questo aspetto; i risultati delle loro analisi, pubblicati sull’American Journal of Clinical Nutrition, li hanno portati a concludere che mantenendolo al di sotto dei limiti raccomandati è possibile includere all’interno di un’alimentazione sana anche la carne rossa. “Abbiamo scoperto - spiega infatti Lauren O’Connor, primo nome dello studio - che consumare più di mezza porzione al giorno di carne rossa non ha peggiorato la pressione sanguigna e il colesterolo totale nel sangue, le concentrazioni di HDL [il colesterolo buono, ndr], LDL [il colesterolo cattivo, ndr] e trigliceridi”.

Gli studi clinici presi in considerazione dai ricercatori riguardavano soprattutto le carni non processate, principalmente bovine e suine. Il fatto di poterle includere nell’alimentazione senza rischi per la salute mette a disposizione un cibo che, come ricorda Campbell, “è ricco di nutrienti, non solo in quanto fonte di proteine ma anche di ferro biodisponibile”. Tuttavia, le analisi condotte presentano delle limitazioni, prima fra tutti la durata degli studi inclusi (da poche settimane a pochi mesi), nettamente inferiore rispetto agli anni o ai decenni necessari per sviluppare un problema cardiovascolare. “E’ anche importante ammettere che i nostri risultati sono specifici per indicatori del rischio cardiovascolare selezionati”, aggiunge Campbell, secondo cui saranno necessarie ulteriori ricerche per valutare altri fattori di rischio per la salute di cuore e arterie, come l’infiammazione e la capacità di tenere sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: a NATALE regalati il Corso online di "Prevenzione a tavola" (SCONTO di 20 euro fino al 25/12)

banner-basso-post-fucina

Vuoi ricevere una ricetta gratis al mese? LASCIA LA TUA MAIL QUI e preparati ad assaporare una ricetta buona e salutare!





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Ritirati lotti di Salsiccia Sarda Campidanese

Il Gruppo Auchan l'ha richiamata a titolo precauzionale e volontario

Oms, misure contro tabacco per 63% popolazione mondiale

Numeri in crescita, ma industria interferisce con politiche

Vaccini, Senato approva decreto

Con 171 sì, 63 no e 19 astenuti

Via libera Ue a riduzione sostanza cancerogena acrilammide in fritture

Ma no limiti vincolanti. Si trova in patatine, caffè e prodotti forno

I 10 benefici dell’anguria

Scopri quanti effetti benefici ha l'anguria, il frutto dell'estate

Il sonnellino dura più di un’ora? Rischi il diabete di tipo 2

Studio giapponese presentato a Monaco, ma esperti Gb lo confutano

Da nuova classe farmaci speranze anche per Diabete tipo 1

Purrello (Sid), bloccare glucagone può avere un impatto clinico

Charlie, Parlamento Usa gli concede cittadinanza così potrà essere curato in America

L'incontro di ieri con gli esperti non aveva convinto i medici inglesi

Spossatezza, crampi fino al collasso tra gli effetti del troppo caldo

Esperti, importanti alimentazione 'multicolor' e idratazione

I cibi anti-età che fanno sparire le rughe

Il mal di testa si può curare anche con gli impulsi elettrici

Studio italiano dimostra efficacia neurostimolazione

Tumore vescica, fumo principale fattore rischio

78% italiani non sa che si può prevenire, 37% non ne ha mai sentito parlare

Dieta mediterranea, alleato nei pazienti oncologici

Libro consiglia alimenti e ricette di supporto alle cure

Istamina nel tonno, ritirato il tonno in scatola all’olio di girasole Algarve

Potrebbe provocare la sindrome sgombroide

Ministero Salute, anomalie su 1% cibi e bevande controllate

Dati 2016, infrazioni sul 25% di impianti e mezzi di trasporto