lafucina.it
Cibo e Salute

Cosa succede al nostro cervello quando beviamo caffè

Un professore ha analizzato il proprio cervello per 18 mesi sottoponendosi a risonanza magnetica funzionale per due giorni a settimana

Pubblicato il 16/02/2017 da La Fucina
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Come spesso accade durante uno studio scientifico, i ricercatori della Stanford University si sono trovati di fronte ad una scoperta imprevista. Sembrerebbe infatti che il nostro cervello sia in grado di “riorganizzarsi” quando non assume caffeina che in pratica riuscirebbe ad influenzarne la connettività. Lo studio, intitolato “Long-term neural and physiological phenotyping of a single human” e pubblicato su Nature Communications, è stato effettuato sul professor Poldrack il cui cervello ad oggi è considerato il più studiato della storia.

IN ALTO I BENEFICI DEL CAFFE' SUL NOSTRO CORPO

Per 18 mesi infatti il professore ha sottoposto il proprio cervello a risonanza magnetica funzionale (MRI) per 10 minuti due volte a settimana, il martedì e il giovedì. L'idea di base era riuscire a seguire l'attività di un unico cervello visto che fino a questo momento i dati raccolti che ci permettevano di conoscere il funzionamento di questo organi erano limitati all'unione di più radiografie effettuate su diversi soggetti. Per avere maggiori informazioni e per decifrare le connessioni tra la funzione cerebrale e l'espressione genetica, il professore ha deciso di digiunare e farsi analizzare il sangue il martedì. Questa scelta ha permesso ai ricercatori di notare che il cervello agiva diversamente quando era a corto di caffè, soprattutto sulle parti di cervello coinvolte nella visione e nel movimento.

E non è tutto. I ricercatori hanno notato una stretta correlazione anche tra l'attività del cervello e i diversi geni che si esprimevano, nello specifico hanno scoperto che quelli riguardanti le infiammazioni e la risposta del sistema immunitario corrispondevano all'insorgere degli episodi di psoriasi di cui soffriva il professore.

Secondo Poldrack il funzionamento del suo cervello non è da considerarsi valido per tutti i cervelli, che invece differiscono tra loro, ma è un buon punto di partenza per capire meglio cosa accada nel cervello dei pazienti che soffrono di malattie neuro degenerative, per questo ha messo a disposizione della comunità scientifica i dati che ha raccolto. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma

Basta poco alcol al giorno per aumentare il rischio di tumori della pelle

Non riguarda il melanoma, l'ipotesi e' che l'etanolo possa impedire la riparazione del Dna

Lo yoga ha effetti positivi sulla depressione

Lo sostengono diversi studi presentati lo scorso 3 agosto a Washington

L’allattamento riduce il rischio di tumore al seno nelle mamme

Ogni cinque mesi in più il rischio è inferiore del 2%

Penny Market richiama lotto di Acqua Monteverde minerale naturale

Possibile presenza di corpi estranei, in particolare di pulviscolo e particelle di natura inorganica inerte

Germania, ritirate dal mercato milioni di uova olandesi contaminate

Milioni di uova provenienti da Olanda e Belgio ritirate dagli scaffali dei supermercati tedeschi

Bere moderatamente vino abbassa il rischio demenza

Ecco i risultati di un imponente studio durato trent'anni

Menopausa, contro l’osteoporosi un aiuto dall’alimentazione

Con l'ingresso in menopausa le donne diventano più esposte al rischio di osteoporosi

Composto nel tè verde protegge da obesità, demenza e diabete

Riduce danni di una dieta occidentale ricca di grassi e zuccheri