lafucina.it
Cibo e Salute

Cosa succede al nostro cervello quando beviamo caffè

Un professore ha analizzato il proprio cervello per 18 mesi sottoponendosi a risonanza magnetica funzionale per due giorni a settimana

Pubblicato il 16/02/2017 da La Fucina
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Come spesso accade durante uno studio scientifico, i ricercatori della Stanford University si sono trovati di fronte ad una scoperta imprevista. Sembrerebbe infatti che il nostro cervello sia in grado di “riorganizzarsi” quando non assume caffeina che in pratica riuscirebbe ad influenzarne la connettività. Lo studio, intitolato “Long-term neural and physiological phenotyping of a single human” e pubblicato su Nature Communications, è stato effettuato sul professor Poldrack il cui cervello ad oggi è considerato il più studiato della storia.

IN ALTO I BENEFICI DEL CAFFE' SUL NOSTRO CORPO

Per 18 mesi infatti il professore ha sottoposto il proprio cervello a risonanza magnetica funzionale (MRI) per 10 minuti due volte a settimana, il martedì e il giovedì. L'idea di base era riuscire a seguire l'attività di un unico cervello visto che fino a questo momento i dati raccolti che ci permettevano di conoscere il funzionamento di questo organi erano limitati all'unione di più radiografie effettuate su diversi soggetti. Per avere maggiori informazioni e per decifrare le connessioni tra la funzione cerebrale e l'espressione genetica, il professore ha deciso di digiunare e farsi analizzare il sangue il martedì. Questa scelta ha permesso ai ricercatori di notare che il cervello agiva diversamente quando era a corto di caffè, soprattutto sulle parti di cervello coinvolte nella visione e nel movimento.

E non è tutto. I ricercatori hanno notato una stretta correlazione anche tra l'attività del cervello e i diversi geni che si esprimevano, nello specifico hanno scoperto che quelli riguardanti le infiammazioni e la risposta del sistema immunitario corrispondevano all'insorgere degli episodi di psoriasi di cui soffriva il professore.

Secondo Poldrack il funzionamento del suo cervello non è da considerarsi valido per tutti i cervelli, che invece differiscono tra loro, ma è un buon punto di partenza per capire meglio cosa accada nel cervello dei pazienti che soffrono di malattie neuro degenerative, per questo ha messo a disposizione della comunità scientifica i dati che ha raccolto. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Nuove regole per i livelli del colesterolo cattivo, sempre più basso di 100

E non serve aumentare quello buono, 'non ci sono benefici'

La pasta con la farina d’orzo contrasta l’infarto

Grazie a beta-glucani induce la formazione di 'bypass' naturali

La Prevenzione a tavola ci sta a cuore

Tutte le novità che abbiamo in serbo per voi

Per la salute intestinale scegliere broccoli e cavoletti

Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Functional Foods

Qual è la differenza tra marmellata e confettura?

Sapevate che i due termini non sono affatto sinonimi?

Livelli di rame troppo alti nel vino Barbera

Lotti ritirati

La bevanda fatta in casa ideale per abbassare la pressione

Tra gli ingredienti ci sono alcuni alimenti indicati per chi soffre d'ipertensione

10 luoghi comuni sull’alimentazione assolutamente falsi

La maggior parte delle credenze in ambito alimentare sono completamente false

Meno zuccheri nelle bibite ridurrebbe le malattie legate all’obesità

Meno incidenza di ictus, diabete e cancro ai reni

Dado vegetale: 10 buoni motivi per non usarlo

Il dado industriale contiene ingredienti controversi che sarebbe bene evitare

Trovate larve nelle confezioni di Fiocchi di Avena

Lotto sospeso

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole

I grassi della frutta secca e della soia difendono dal diabete

Tutto merito degli omega 6

I 5 Antibiotici naturali che combattono le malattie

Un rimedio naturale per evitare effetti collaterali