lafucina.it
Cibo e Salute

Il rimedio naturale per ripulire i reni dalle tossine

Molte erbe naturali ci permettono di purificare i reni dalle tossine

Pubblicato il 17/02/2017 da La Fucina

Prima regola valida sempre:  iniziare a mangiare meglio per avere reni puliti e sani. Una dieta equilibrata è molto importante per il corpo in generale e, per quanto riguarda l’apparato urinario, serve ad evitare che si accumulino troppe tossine negli organi che lo compongono.

Diminuite il consumo di zuccheri raffinati, grassi e farine bianche, soprattutto se avete problemi di colesterolo o di diabete. Gli oli vegetali, come quello di oliva, sono una buona fonte di grassi sani. Optate per le farine integrali e lo zucchero di canna, il miele o la stevia come dolcificanti.

È meglio evitare il consumo di alcol, bibite gassate, caffè e succhi industriali perché hanno effetti negativi per la salute dei reni. Allo stesso modo, cercate di eliminare tutti quegli alimenti che contengono troppo sodio (come gli insaccati, il cibo in scatola e il cibo spazzatura) e non salate molto gli alimenti quando dovete cucinarli. Un altro consiglio interessante è di non portare il sale in tavola, in questo modo eviterete qualsiasi tentazione.

GUARDA IL ALTO IL VIDEO DEGLI ALIMENTI CHE PULISCONO I RENI

Erbe medicinali per pulire i reni

Come nel caso di un trattamento dimagrante, migliorare l’alimentazione non è sufficiente. Bisogna ricorrere anche ad altre strategie. Nel caso dei reni, è un’ottima soluzione ricorrere alle piante medicinali perché permettono di eliminare tutte le sostanze nocive accumulatesi nell’organismo.

Le piante che non devono assolutamente mancare in casa vostra sono quelle che hanno proprietà antinfiammatorie specifiche per il tratto urinario, oltre a garantire un effetto diuretico per favorire l’espulsione dell’urina e delle tossine. Se soffrite di una malattia grave o cronica ai reni, allora non consumate queste erbe medicinali o, per lo meno, non senza aver prima consultato uno specialista (il nefrologo).

Le piante che vi aiuteranno a pulire i reni dalle tossine sono:

Erba spaccapietra (Phyllanthus niruri)

Questa pianta, originaria del Perù, serve a migliorare la salute dei reni. Gli inca la utilizzavano per trattare qualsiasi infezione dei reni e della vescica. L’erba spaccapietra è una pianta diuretica, controlla la pressione arteriosa, riduce i livelli di glucosio nel sangue e scioglie i calcoli renali. Ha anche effetti positivi sulla salute del fegato.

Prezzemolo

Il prezzemolo è un’erba ampiamente utilizzata in cucina per la preparazione di numerose ricette. Questa pianta ha molteplici proprietà medicinali, tra le quali quella di pulire i reni grazie alla sua azione diuretica. Riduce l’accumulo di tossine e migliora la salute del tratto urinario in generale. Consumate prezzemolo, possibilmente fresco e crudo, oppure preparate un infuso utilizzando una manciata di foglie.

Sedano

Non solo la pianta, ma anche i semi fanno molto bene alla salute perché hanno proprietà diuretiche. Il sedano vi aiuterà a favorire la produzione di urina e vi permetterà di tonificare i reni, ovvero questi saranno più sani e potranno lavorare meglio.

Verga d’oro (Solidago virgaurea)

È una pianta originaria dell’America, utilizzata dai nativi per la cura delle vie urinarie, in quanto depura i reni e anche la vescica. Permette anche di tonificare il tratto urinario. La verga d’oro ha proprietà antinfiammatorie e diuretiche, quindi è ottima per pulire non solo i reni, ma tutto l’organismo in generale.

Ortensia

La radice di questa pianta pulisce i reni in modo naturale e permette di migliorare anche la salute della vescica. L’infuso di radice di ortensia è una delle tante ricette per eliminare i calcoli renali, perché aiuta ad ammorbidire i calcoli (causa di bruciore, fastidio e dolore) e ad eliminarli attraverso l’urina. Permette anche di metabolizzare meglio il calcio, cosa che si traduce in una minore possibilità di formazione di calcoli renali.

Coda cavallina (Equisetum arvense)

La coda cavallina è un’erba nemica dei giardini e degli agricoltori, ma se cresce tra i vostri fiori, non liberatevene. La coda cavallina ha molte proprietà medicinali. Ad esempio, è un eccellente diuretico che favorisce la produzione di urina e combatte la ritenzione idrica. È ricca di antiossidanti che proteggono la salute dei reni. Potete preparare un infuso di coda cavallina. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Allerta super-fungo letale negli ospedali di New York, 44 casi

Candida auris resistente, 17 morti a Ny, arriva da Giappone

Cesena, mangia sushi e poi muore. “Verifiche anche sull’operato dei soccorsi”

La donna aveva cenato in un ristorante di Savignano. La titolare: "Io? Sono tranquilla"

Il caffè protegge dal cancro alla prostata, minimo 3 tazzine

Studio italiano, azione confermata in vitro con estratti caffè

Lotto antibiotico ritirato da farmacie

Risultato fuori specifica riscontrato sul suddetto lotto

Lorenzin: sì tasse su tabacco, sono contro morte

'Battaglia contro fumo è la prima battaglia di salute'

Come liberarsi dell’unghia incarnita in pochi minuti

Sequestrato lotto di polenta bio

Troppo glutine e micotossine pericolose

Mangiare cioccolata e cibi grassi: colpa dei geni

Varianti Dna associate a preferenze alimentari,contrastano diete

Meningite, liceale in terapia intensiva a Milano

Un ragazzo di 18 anni è ricoverato in Terapia intensiva all'ospedale Niguarda di Milano

Bibite zuccherate e diet fanno invecchiare il cervello

Aumenta rischio demenza e ictus

Mette il sale nella caffettiera: quello che succede è sorprendente

Succo di barbabietola migliora prestazioni cervello

Maggiore connettività in regioni associate alla funzione motoria

Salgono a 1600 casi di morbillo nel 2017, 4 su 10 ricoverati

Monitoraggio Ministero della Salute, età media 27 anni

Caffè ha doppio aromi vino ma solo nonni sanno riconoscerli

Nel dopoguerra tostatura a casa, ora sparite torrefazioni locali

Tribunale, uso scorretto cellulare causa tumore

Sentenza a Ivrea. Legali, Inail condannata a risarcire dipendente azienda