lafucina.it
Cibo e Salute

Il rimedio naturale per ripulire i reni dalle tossine

Molte erbe naturali ci permettono di purificare i reni dalle tossine

Pubblicato il 17/02/2017 da La Fucina

Prima regola valida sempre:  iniziare a mangiare meglio per avere reni puliti e sani. Una dieta equilibrata è molto importante per il corpo in generale e, per quanto riguarda l’apparato urinario, serve ad evitare che si accumulino troppe tossine negli organi che lo compongono.

Diminuite il consumo di zuccheri raffinati, grassi e farine bianche, soprattutto se avete problemi di colesterolo o di diabete. Gli oli vegetali, come quello di oliva, sono una buona fonte di grassi sani. Optate per le farine integrali e lo zucchero di canna, il miele o la stevia come dolcificanti.

È meglio evitare il consumo di alcol, bibite gassate, caffè e succhi industriali perché hanno effetti negativi per la salute dei reni. Allo stesso modo, cercate di eliminare tutti quegli alimenti che contengono troppo sodio (come gli insaccati, il cibo in scatola e il cibo spazzatura) e non salate molto gli alimenti quando dovete cucinarli. Un altro consiglio interessante è di non portare il sale in tavola, in questo modo eviterete qualsiasi tentazione.

GUARDA IL ALTO IL VIDEO DEGLI ALIMENTI CHE PULISCONO I RENI

Erbe medicinali per pulire i reni

Come nel caso di un trattamento dimagrante, migliorare l’alimentazione non è sufficiente. Bisogna ricorrere anche ad altre strategie. Nel caso dei reni, è un’ottima soluzione ricorrere alle piante medicinali perché permettono di eliminare tutte le sostanze nocive accumulatesi nell’organismo.

Le piante che non devono assolutamente mancare in casa vostra sono quelle che hanno proprietà antinfiammatorie specifiche per il tratto urinario, oltre a garantire un effetto diuretico per favorire l’espulsione dell’urina e delle tossine. Se soffrite di una malattia grave o cronica ai reni, allora non consumate queste erbe medicinali o, per lo meno, non senza aver prima consultato uno specialista (il nefrologo).

Le piante che vi aiuteranno a pulire i reni dalle tossine sono:

Erba spaccapietra (Phyllanthus niruri)

Questa pianta, originaria del Perù, serve a migliorare la salute dei reni. Gli inca la utilizzavano per trattare qualsiasi infezione dei reni e della vescica. L’erba spaccapietra è una pianta diuretica, controlla la pressione arteriosa, riduce i livelli di glucosio nel sangue e scioglie i calcoli renali. Ha anche effetti positivi sulla salute del fegato.

Prezzemolo

Il prezzemolo è un’erba ampiamente utilizzata in cucina per la preparazione di numerose ricette. Questa pianta ha molteplici proprietà medicinali, tra le quali quella di pulire i reni grazie alla sua azione diuretica. Riduce l’accumulo di tossine e migliora la salute del tratto urinario in generale. Consumate prezzemolo, possibilmente fresco e crudo, oppure preparate un infuso utilizzando una manciata di foglie.

Sedano

Non solo la pianta, ma anche i semi fanno molto bene alla salute perché hanno proprietà diuretiche. Il sedano vi aiuterà a favorire la produzione di urina e vi permetterà di tonificare i reni, ovvero questi saranno più sani e potranno lavorare meglio.

Verga d’oro (Solidago virgaurea)

È una pianta originaria dell’America, utilizzata dai nativi per la cura delle vie urinarie, in quanto depura i reni e anche la vescica. Permette anche di tonificare il tratto urinario. La verga d’oro ha proprietà antinfiammatorie e diuretiche, quindi è ottima per pulire non solo i reni, ma tutto l’organismo in generale.

Ortensia

La radice di questa pianta pulisce i reni in modo naturale e permette di migliorare anche la salute della vescica. L’infuso di radice di ortensia è una delle tante ricette per eliminare i calcoli renali, perché aiuta ad ammorbidire i calcoli (causa di bruciore, fastidio e dolore) e ad eliminarli attraverso l’urina. Permette anche di metabolizzare meglio il calcio, cosa che si traduce in una minore possibilità di formazione di calcoli renali.

Coda cavallina (Equisetum arvense)

La coda cavallina è un’erba nemica dei giardini e degli agricoltori, ma se cresce tra i vostri fiori, non liberatevene. La coda cavallina ha molte proprietà medicinali. Ad esempio, è un eccellente diuretico che favorisce la produzione di urina e combatte la ritenzione idrica. È ricca di antiossidanti che proteggono la salute dei reni. Potete preparare un infuso di coda cavallina. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Ue: in calo vittime di cancro, ma flessione è più lenta tra le donne

Evitati oltre 4 mln morti in 30 anni

Gastroenterologi, il 30% delle gastroscopie e colonscopie che si fanno è inutile

30 milioni bruciati per 500 mila procedure evitabili

Mille euro in busta paga a chi smette di fumare

L'iniziativa di un'agenzia di comunicazione di Sarezzo, in provincia di Brescia

Fumo, la nostalgia può dare una spinta in più per smettere

Studio, campagne no basate su paura, ma che tocchino corde cuore

Meningite, donna in prognosi riservata a Catania

Diagnosticata una meningite da meningococco C

Aifa, prezzi etici o produrremo farmaci anti epatite C in proprio

gi al via trattativa con aziende; Melazzini, cureremo tutti

Infarto e cure, 1 struttura su 2 sotto la soglia di sicurezza di 100 casi l’anno

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute

Lorenzin: “Chiusura definitiva ospedali psichiatrici giudiziari, giornata storica”

Beatrice Lorenzin, ministra della Salute, si dichiara "estremamente soddisfatta"

Farmaci, stop precauzionale ad anticancro seno dopo decessi

Noto anticancro docetaxel nei tumori al seno

Correre frena l’invecchiamento del cuore,difende Dna cellule

Bastano 30 minuti al giorno

Meningite, 14enne in Rianimazione a Milano

Regione convoca esperti

Meningite, muore una donna a Milano

Grave bimba di 7 mesi

Influenza, decessi salgono a 35 ma contagi in calo

Quasi 4,5 milioni da inizio stagione, si va verso fine epidemia

Cosa succede se mangiamo le carote crude

È meglio mangiare verdure cotte o crude?

Cosa succede al nostro cervello quando beviamo caffè

Un professore ha analizzato il proprio cervello per 18 mesi sottoponendosi a risonanza magnetica funzionale per due giorni a settimana