lafucina.it
Cibo e Salute

Tumore al colon, in aumento fra trentenni e Millennials

Studio pubblicato sulla rivista Journal of the National Cancer Institute

Pubblicato il 15/03/2017 da La Fucina

L’incidenza del cancro al colon-retto è in aumento tra i giovani: tre diagnosi su dieci riguardano pazienti di età inferiore ai 55 anni. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Journal of the National Cancer Institute dai ricercatori dell’American Cancer Society di Atlanta (Usa), secondo cui le persone nate negli anni ’90 corrono un rischio da due a quattro volte maggiore di sviluppare la malattia, rispetto a quelle nate negli anni ‘50.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Cancro al colon, Berrino: ‘Il ferro favorisce formazione tumori’

La ricerca è stata condotta sui dati raccolti dal programma Surveillance, Epidemiology, and End Results (Seer), che ha coinvolto i pazienti di età pari o superiore ai 20 anni che hanno ricevuto la diagnosi di tumore del colon-retto tra il 1974 e il 2013, per un totale di 490.305 casi. Al termine dell’analisi, è emerso che dopo un periodo di flessione, il tasso d’incidenza del cancro al colon è tornato a crescere. In particolare, negli adulti di età compresa tra 20 a 39 anni ha registrato un incremento compreso tra l’1 e il 2% l'anno a partire dalla metà degli anni ‘80,. Invece, nella fascia d’età 40-54 anni è aumentato dello 0,5-1% l’anno, a partire dalla metà degli anni ’90.

LEGGI ANCHE: Come contrastare la sindrome del colon irritabile

L’indagine ha rilevato che il tasso d’incidenza del cancro al retto è cresciuto in misura maggiore. Negli individui di età compresa tra 20 e 29 anni è aumentato del 3% l'anno già a partire dal 1974, mentre tra i soggetti di età compresa tra 30 a 39 anni è cresciuto nella stessa percentuale, ma a partire dal 1980. Nelle persone di età compresa tra 40 e 54 anni è, invece, aumentato del 2% l'anno a partire dal 1990. Infine, tra i over 55 è continuato a diminuire, tanto che risulta in calo da almeno 40 anni.

I ricercatori osservano che i giovani nati negli anni ’90 corrono un rischio due volte maggiore di sviluppare il tumore al colon e quattro volte più alto di essere colpiti da cancro al retto, rispetto alle persone nate negli anni ’50. Alla luce di questi risultati, suggeriscono di riconsiderare e anticipare l’età del primo screening, che attualmente non è raccomandato al di sotto dei 50 anni.

LEGGI ANCHE: Rimedio naturale per pulire e depurare il colon

“La nostra scoperta evidenzia che il rischio di cancro del colon-retto per i Millennials è aumentato fino a raggiungere il livello degli individui nati alla fine del 1800, e questo rappresenta un risultato piuttosto deludente – afferma Rebecca L. Siegel, che ha diretto lo studio -. È necessario avviare campagne educative per informare i medici e la popolazione generale di questo aumento, in modo da contribuire a ridurre i ritardi nella diagnosi, registrati soprattutto tra i giovani, ma anche per incoraggiare a seguire un'alimentazione sana e uno stile di vita più attivo, al fine d’invertire questa tendenza”. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Dott. Mozzi: mal di testa e alimentazione

Caldo, l’allarme del cardiologo: “Rischio svenimenti e aritmie”

Molti anziani finiscano in pronto soccorso per malori legati al gran caldo

Come sbiancare il bucato con l’aspirina

Un metodo semplice ed efficace

Allarme colazione, per 10 mln ‘addio’ al modello italiano

Indagine Aidepi, tra falsi miti condanna grassi e no carboidrati

Lettini solari,in 30 anni hanno fatto aumentare tumori pelle

Oms, ogni anno causano 450mila casi tra Usa, Europa e Australia

Tumore al rene, in Italia 120 mila persone vive dopo la diagnosi

Lorenzin: “Dolorosissima morte bimbo ucciso da morbillo”

Bisogna rispettare la medicina e le verità scientifiche per fare il bene dei nostri figli

Muore bimbo di 6 anni per complicanze da morbillo

Affetto da leucemia, ricoverato a Monza. Contagiato da fratelli non vaccinati

L’estratto di uva può proteggere contro il cancro al colon

Bene i test sugli animali, agisce sulle staminali tumorali

Sciroppo per la tosse ritirato dagli scaffali

Allarme nelle farmacie

I dolcificanti aumentano il rischio di diabete

Peggio dello zucchero, aumentano il rischio di diabete e obesità

Diabete, dai broccoli una sostanza utile per il controllo della glicemia?

Il sulforafano potrebbe rivelarsi utile per il trattamento del diabete di tipo 2

Morbillo, Oms: “In Europa oltre 5mila casi, il 43% in Italia”

Preoccupazione per la situazione attuale

Forino (direttore Assolatte), consumi latte ancora in calo

Nei primi cinque mesi del 2017

Un vaccino contro il colesterolo cattivo, test sull’uomo

Promette di frenare l'aterosclerosi riducendo l'accumulo di grasso che può ostruire le arterie