lafucina.it
Cibo e Salute

Una bevanda zuccherata al giorno aumenta rischio di pre-diabete

Il consumo regolare di bibite aumenta anche l’insulino-resistenza

Pubblicato il 12/04/2017 da La Fucina

Chi beve una bevanda zuccherata al giorno corre un rischio due volte maggiore di sviluppare il pre-diabete. Quest’ultima è una condizione caratterizzata da livelli ematici di glucosio superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato. Tuttavia, rappresenta il primo passo per lo sviluppo della malattia. Il consumo regolare di queste bibite, inoltre, risulta anche associato a un aumento dell’insulino-resistenza, un altro fattore di rischio per il diabete di tipo 2. È quanto emerge da un studio pubblicata sulla rivista Journal of nutrition dai ricercatori della Tufts University di Boston (Usa), coordinati da Nicola M. McKeown, che afferma: “Anche se non può stabilirne le cause, il nostro studio suggerisce che l'elevata assunzione di bevande zuccherate aumenta le probabilità di sviluppare condizioni che portano all’insorgenza del diabete di tipo 2. Se non attuano un cambiamenti dello stile di vita, i soggetti con prediabete sono destinati a sviluppare il diabete”.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Quanto zucchero contiene una lattina di coca cola?

Gli autori hanno monitorato, per 14 anni, lo stato di salute e le abitudini alimentari di 1.685 adulti di mezza età. All’inizio dell’indagine nessuno dei partecipanti era affetto da pre-diabete o diabete. Tuttavia, al termine del periodo di osservazione, è emerso che i soggetti che consumavano un’elevata quantità di bibite zuccherate – circa sei lattine a settimana – correvano un rischio più elevato del 46% d’incorrere nel pre-diabete, rispetto a chi le beveva raramente o mai. Inoltre, i maggiori consumatori di queste bibite avevano anche l’8% di probabilità in più di sviluppare l’insulino-resistenza rispetto agli altri.

Secondo gli scienziati, l’indagine dimostra che l’assunzione elevata di bevande zuccherate predispone allo sviluppo del diabete di tipo 2. Ma osservano che il pre-diabete è una condizione reversibile, per cui se diagnosticata precocemente, può essere contrastata attraverso un cambiamento nello stile di vita. Il primo passo, quindi, potrebbe essere proprio l’eliminazione dalla dieta delle bibite zuccherate. “I nostri risultati supportano le raccomandazioni di limitare l'assunzione di bibite zuccherate, che possono essere sostituite con bevande più sane come l'acqua o il caffè e il tè non zuccherati – conclude il dottor McKeown -. Questa semplice modifica della dieta potrebbe arrecare un beneficio sostanziale alla salute delle persone che ogni giorno consumano bibite zuccherate e che corrono un maggior rischio di sviluppare il diabete”. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Due casi in Campania di uova contaminate, uno nelle Marche

Istituto Zooprofilattico, su 37 campionamenti 2 'non conformi'

Milano, uova contaminate al fipronil: sequestrata una partita di omelette

Sequestro in una ditta di via Canonica, zona Chinatown

Uova contaminate, il Ministero della Salute annuncia “due positività” in Italia

Su 114 campioni esaminati, segnalate a Regioni e Asl

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil'killer n.1'nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma