lafucina.it
Cibo e Salute

Una bevanda zuccherata al giorno aumenta rischio di pre-diabete

Il consumo regolare di bibite aumenta anche l’insulino-resistenza

Pubblicato il 12/04/2017 da La Fucina

Chi beve una bevanda zuccherata al giorno corre un rischio due volte maggiore di sviluppare il pre-diabete. Quest’ultima è una condizione caratterizzata da livelli ematici di glucosio superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato. Tuttavia, rappresenta il primo passo per lo sviluppo della malattia. Il consumo regolare di queste bibite, inoltre, risulta anche associato a un aumento dell’insulino-resistenza, un altro fattore di rischio per il diabete di tipo 2. È quanto emerge da un studio pubblicata sulla rivista Journal of nutrition dai ricercatori della Tufts University di Boston (Usa), coordinati da Nicola M. McKeown, che afferma: “Anche se non può stabilirne le cause, il nostro studio suggerisce che l'elevata assunzione di bevande zuccherate aumenta le probabilità di sviluppare condizioni che portano all’insorgenza del diabete di tipo 2. Se non attuano un cambiamenti dello stile di vita, i soggetti con prediabete sono destinati a sviluppare il diabete”.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Quanto zucchero contiene una lattina di coca cola?

Gli autori hanno monitorato, per 14 anni, lo stato di salute e le abitudini alimentari di 1.685 adulti di mezza età. All’inizio dell’indagine nessuno dei partecipanti era affetto da pre-diabete o diabete. Tuttavia, al termine del periodo di osservazione, è emerso che i soggetti che consumavano un’elevata quantità di bibite zuccherate – circa sei lattine a settimana – correvano un rischio più elevato del 46% d’incorrere nel pre-diabete, rispetto a chi le beveva raramente o mai. Inoltre, i maggiori consumatori di queste bibite avevano anche l’8% di probabilità in più di sviluppare l’insulino-resistenza rispetto agli altri.

Secondo gli scienziati, l’indagine dimostra che l’assunzione elevata di bevande zuccherate predispone allo sviluppo del diabete di tipo 2. Ma osservano che il pre-diabete è una condizione reversibile, per cui se diagnosticata precocemente, può essere contrastata attraverso un cambiamento nello stile di vita. Il primo passo, quindi, potrebbe essere proprio l’eliminazione dalla dieta delle bibite zuccherate. “I nostri risultati supportano le raccomandazioni di limitare l'assunzione di bibite zuccherate, che possono essere sostituite con bevande più sane come l'acqua o il caffè e il tè non zuccherati – conclude il dottor McKeown -. Questa semplice modifica della dieta potrebbe arrecare un beneficio sostanziale alla salute delle persone che ogni giorno consumano bibite zuccherate e che corrono un maggior rischio di sviluppare il diabete”. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Con il caldo ‘picco’ intossicazioni alimentari

Ecco come difendersi

Bambina morta per morbillo ad aprile, non era vaccinata

Un bambino ricoverato per tetano, primo caso dopo 30 anni

Bimbo non vaccinato ricoverato per tetano, primo caso dopo 30 anni

Oristano, non è in pericolo di vita. Genitori avevano rifiutato l'immunizzazione

Col caldo boom di bevande rinfrescanti ma attenzione agli energy drinks

Nutrizionista, vanno consumati con moderazione o evitati

Formaggio italiano al tartufo, pericolo Listeria – “allerta alimentare”

Ritiro immediato dal mercato con il sistema rapido di allerta europeo

Ritarato dal mercato farmaco per l’ipertensione

L’Agenzia italiana del farmaco (AIFA), ha ordinato di ritirarne dal mercato un lotto

In 5 anni dimezzati antibiotici in allevamenti pollame

Unaitalia, risultati piano volontario,lotta a fake news su carni

Muffe in 20-40% edifici, le tossine si diffondono facilmente

Problema soprattutto per chi è allergico

Olio extravergine d’oliva protegge il cervello e preserva la memoria

Rallenta il declino cognitivo

Menopausa precoce si tiene a bada con tofu, soia e pane nero

Consumare molte proteine vegetali è il segreto per allungare potenzialmente la propria vita riproduttiva

Lorenzin, da luglio defibrillatori in tutti gli impianti sportivi

Firmato decreto con ministero dello Sport. Lotti, mantenuta promessa

Dott. Mozzi: mal di testa e alimentazione

Caldo, l’allarme del cardiologo: “Rischio svenimenti e aritmie”

Molti anziani finiscano in pronto soccorso per malori legati al gran caldo

Come sbiancare il bucato con l’aspirina

Un metodo semplice ed efficace

Allarme colazione, per 10 mln ‘addio’ al modello italiano

Indagine Aidepi, tra falsi miti condanna grassi e no carboidrati