lafucina.it
Cibo e Salute

Oltre 230 mila morti l’anno per malattie da trombosi, ecco i fattori di rischio

In 1 caso su 3 possono essere evitate

Pubblicato il 13/04/2017 da La Fucina

In Italia ogni anno più di 230 mila persone muoiono a causa di ictus, infartomalattie cardiovascolari da trombosi. E negli ultimi 25 anni il numero di nuovi casi è in aumento: più di 85 milioni di persone in Europa è affetta da una malattia cardiovascolare, con una ricaduta drammatica sull’aumento dei costi per l’assistenza e i ricoveri e la riabilitazione. Si stima che l’Europa spenda ogni anno per queste malattie 210 miliardi di euro, cifra che corrisponde al 33% del budget dell'Ue per il 2017. E' quanto afferma l'Associazione per la lotta alla trombosi e alle malattie cardiovascolari (Alt), in occasione della VI Giornata nazionale per la lotta alla trombosi.

Si tratta di malattie che in 1 caso su 3, con l’aiuto di "scienza" e "buonsenso" possono essere evitate, osserva l'Associazione, che ricorda come in "Europa troppe persone ancora muoiono per colpa di infarto del miocardio, ictus cerebrale e scompenso cardiaco. Malattie che colpiscono in maniera disomogenea le regioni europee - afferma Alt - Sono malattie molto gravi, spesso mortali e fortemente invalidanti, strettamente correlate a stili di vita inadeguati e pericolosi e a patologie come ipertensione, diabete, alti livelli di colesterolo, sovrappeso, inattività fisica. I fattori di rischio presentano picchi di incidenza e prevalenza nei Paesi dell'est e centro Europa mentre sembrano meno presenti nei Paesi del nord-ovest-sud Europa".

Per l'Associazione "allarmanti sono anche i dati sull’obesità e sull’aumento significativo (fino anche al 50%) del diabete negli ultimi 10 anni, particolarmente accentuato in alcune in alcuni dei Paesi europei".

In questo contesto "l’Italia si colloca in una posizione intermedia quanto al numero di persone che perdono la vita per colpa di una malattia cardiovascolare e questo vale per le donne e per gli uomini: sono cifre peggiori rispetto a quelle della Gran Bretagna e della Francia, e leggermente migliori dei Paesi dell'Europa dell'Est". "La brutta notizia - commenta Lidia Rota Vender, presidente di Alt - è che le donne, che ci siamo abituati a ritenere protette dall’infarto e dall’ictus cerebrale, sono invece colpite più frequentemente rispetto al passato e più frequentemente perdono la vita". (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma

Basta poco alcol al giorno per aumentare il rischio di tumori della pelle

Non riguarda il melanoma, l'ipotesi e' che l'etanolo possa impedire la riparazione del Dna

Lo yoga ha effetti positivi sulla depressione

Lo sostengono diversi studi presentati lo scorso 3 agosto a Washington

L’allattamento riduce il rischio di tumore al seno nelle mamme

Ogni cinque mesi in più il rischio è inferiore del 2%

Penny Market richiama lotto di Acqua Monteverde minerale naturale

Possibile presenza di corpi estranei, in particolare di pulviscolo e particelle di natura inorganica inerte