lafucina.it
Cibo e Salute

Oltre 230 mila morti l’anno per malattie da trombosi, ecco i fattori di rischio

In 1 caso su 3 possono essere evitate

Pubblicato il 13/04/2017 da La Fucina

In Italia ogni anno più di 230 mila persone muoiono a causa di ictus, infartomalattie cardiovascolari da trombosi. E negli ultimi 25 anni il numero di nuovi casi è in aumento: più di 85 milioni di persone in Europa è affetta da una malattia cardiovascolare, con una ricaduta drammatica sull’aumento dei costi per l’assistenza e i ricoveri e la riabilitazione. Si stima che l’Europa spenda ogni anno per queste malattie 210 miliardi di euro, cifra che corrisponde al 33% del budget dell'Ue per il 2017. E' quanto afferma l'Associazione per la lotta alla trombosi e alle malattie cardiovascolari (Alt), in occasione della VI Giornata nazionale per la lotta alla trombosi.

Si tratta di malattie che in 1 caso su 3, con l’aiuto di "scienza" e "buonsenso" possono essere evitate, osserva l'Associazione, che ricorda come in "Europa troppe persone ancora muoiono per colpa di infarto del miocardio, ictus cerebrale e scompenso cardiaco. Malattie che colpiscono in maniera disomogenea le regioni europee - afferma Alt - Sono malattie molto gravi, spesso mortali e fortemente invalidanti, strettamente correlate a stili di vita inadeguati e pericolosi e a patologie come ipertensione, diabete, alti livelli di colesterolo, sovrappeso, inattività fisica. I fattori di rischio presentano picchi di incidenza e prevalenza nei Paesi dell'est e centro Europa mentre sembrano meno presenti nei Paesi del nord-ovest-sud Europa".

Per l'Associazione "allarmanti sono anche i dati sull’obesità e sull’aumento significativo (fino anche al 50%) del diabete negli ultimi 10 anni, particolarmente accentuato in alcune in alcuni dei Paesi europei".

In questo contesto "l’Italia si colloca in una posizione intermedia quanto al numero di persone che perdono la vita per colpa di una malattia cardiovascolare e questo vale per le donne e per gli uomini: sono cifre peggiori rispetto a quelle della Gran Bretagna e della Francia, e leggermente migliori dei Paesi dell'Europa dell'Est". "La brutta notizia - commenta Lidia Rota Vender, presidente di Alt - è che le donne, che ci siamo abituati a ritenere protette dall’infarto e dall’ictus cerebrale, sono invece colpite più frequentemente rispetto al passato e più frequentemente perdono la vita". (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Meno zuccheri nelle bibite ridurrebbe le malattie legate all’obesità

Meno incidenza di ictus, diabete e cancro ai reni

Dado vegetale: 10 buoni motivi per non usarlo

Il dado industriale contiene ingredienti controversi che sarebbe bene evitare

Trovate larve nelle confezioni di Fiocchi di Avena

Lotto sospeso

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole

I grassi della frutta secca e della soia difendono dal diabete

Tutto merito degli omega 6

I 5 Antibiotici naturali che combattono le malattie

Un rimedio naturale per evitare effetti collaterali

Condire l’insalata con l’olio di semi di soia sarebbe meglio

Secondo un nuovo studio aiuta l'assorbimento dei nutrienti

Le proprietà del prezzemolo, una gustosa pianta anticancro

Il prezzemolo è un'ottima fonte di miricetina, potentissima sostanza anticancro

Cavolo, un vero antibiotico naturale

Protegge il cuore, contrasta il cancro e migliora la digestione

Meno disturbi articolari con 45 minuti di attività fisica a settimana

Studio pubblicato sulla rivista Arthritis care & research

Chewing gum allo xilitolo amico dei denti, -30% carie

Studio di ricercatrice italiano presentato al 64° Congresso dell'European Organisation for Caries Research

Sapete quanti batteri si nascondono nel nostro ufficio?

Sulla tastiera del pc, sul mouse, sulla scrivania o sulle maniglie

Le proteine in polvere fanno bene al nostro organismo?

Le usano molto gli sportivi, ma anche anziani e debilitati

Sapevate che il mirtillo rosso protegge il sistema immunitario?

Ecco tutti gli altri benefici che porta al nostro organismo