lafucina.it
Cibo e Salute

Nemmeno i cinesi consideravano latte quello di soia

Il latte di soia non può più chiamarsi “latte”, ma tornando indietro alle sue origini, nemmeno i cinesi lo consideravano tale

Pubblicato il 19/06/2017 da Susanna Bramante

Ebbene, la Corte di Giustizia Europea ha deciso: non sarà più possibile il “richiamo” su etichette, confezioni o pubblicità alla parola “latte” di bevande o altre specialità a base di soia, facendo finalmente chiarezza su cosa realmente i consumatori portano sulle loro tavole. Il problema del richiamo dei prodotti di origine vegetale a quelli di origine animale è purtroppo molto attuale, coinvolgendo anche la carne (Meat Sounding), per la quale la battaglia è ancora aperta.

 LEGGI ANCHE Corte Ue, per la soia non si usi parola latte

Ma se torniamo indietro alle origini del “latte” di soia, vediamo che anche i cinesi non lo consideravano affatto un latte.

Il nome originale era doujiang, che significa letteralmente «siero di soia», menzionato per la prima volta in Cina nell’anno 82 d.C.. Si trattava di una bevanda tradizionale cinese, derivata dalla parte liquida rimanente dalla preparazione del tofu, anche se i primi viaggiatori in Cina, che citano il tofu di frequente, non fanno mai riferimento al “latte” di soia o al suo utilizzo come bevanda, non fino alla metà del XX secolo almeno.

Il metodo tradizionale cinese per produrre il “latte” di soia è quello di metterne in ammollo i semi per tutta la notte, così da ammorbidirli, per poi schiacciarli fino a ottenerne una purea, che verrà mescolata ad acqua fredda e successivamente filtrata con un panno in un colino di bambù. Il residuo solido insolubile rimanente (okara) subisce diversi lavaggi in acqua fredda e pressature a pietra, per poter estrarre bene tutto il latte che, prima di essere servito, viene bollito per 20 minuti.

Si ipotizza però che il termine doujiang si riferisse ad una minestra di purea di soia, piuttosto che a un latte filtrato: l’evidenza di questa ipotesi si ha nel fatto che il modo più tradizionale di servire il “latte” di soia è nella forma di una zuppa calda piccante, di solito consumata a colazione, insieme a del pesce, come tonno e gamberetti. I cinesi non lo hanno mai utilizzato come sostituto del latte, nemmeno come bevanda per bambini.

In Asia orientale in realtà non era diffusa nemmeno l’usanza di produrre e bere il latte di origine animale, nonostante l’abbondanza di vacche, bufale e capre, per vari motivi, primo fra tutti perché non ne amavano il sapore, troppo intenso e troppo «di animale».

La vera espansione del “latte” di soia come bevanda in Cina si è avuta solo di recente, a partire dagli anni ’50 dello scorso secolo. Quindi il mito per cui “in Cina bevono latte di soia da millenni”, attribuendogli proprietà miracolose che in realtà non possiede, può essere definitivamente sfatato.

Estratto da libro “La soia: fa bene o fa male?” Edizioni l’Età dell’Acquario.

Segui il blog di Susanna Bramante  





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI
Susanna Bramante

Susanna Bramante

Laureata con 110 e lode in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa, è Agronomo, Ph. Doctor in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo, consulente della nutrizione e divulgatrice scientifica. Autrice e coautrice di 11 ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Due casi in Campania di uova contaminate, uno nelle Marche

Istituto Zooprofilattico, su 37 campionamenti 2 'non conformi'

Milano, uova contaminate al fipronil: sequestrata una partita di omelette

Sequestro in una ditta di via Canonica, zona Chinatown

Uova contaminate, il Ministero della Salute annuncia “due positività” in Italia

Su 114 campioni esaminati, segnalate a Regioni e Asl

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil'killer n.1'nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma