lafucina.it
Cibo e Salute

Come contrastare la sindrome del colon irritabile

FODMAP, ecco i nemici di chi soffre di colon irritabile

Pubblicato il 10/07/2017 da La Fucina

Piccolo passo, ma significativo, nella definizione della sindrome del colon irritabile. Finora la condizione è stata difficile da inquadrare: tanto sul piano diagnostico quanto su quello terapeutico. Ma una nuova ricerca conferma quello che era più di un sospetto: riducendo il contenuto di zuccheri apportati con la dieta, a questi pazienti si può garantire una riduzione dei sintomi e un miglioramento della qualità della vita.

È UNA MALATTIA CHE SI PUO’ CURARE A TAVOLA?

La risposta giunge da una ricerca condotta da un gruppo di studio dell’Università del Michigan e presentata nel corso dell’ultima «Digestive Disease Week», appuntamento scientifico tenutosi a San Diego.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Studi di questo tipo servono a valutare il peso di un determinato fattore di rischio nei meccanismi di insorgenza di una malattia. Sotto la lente di ingrandimento sono finiti i FODMAP, con cui si definiscono degli zuccheri fermentabili - l’acronimo riassume i vocaboli inglesi: fermentabili, oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli - contenuti in diversi alimenti: i derivati del grano e della segale, il cous-cous, il latte e i prodotti caseari, alcuni tipi di frutta (mango, pera, cocomero, ciliegie, albicocche, datteri e fichi), il miele, il cioccolato, le verdure cotte a foglia larga (più di tutte cicoria e bietola), gli asparagi, i broccoli, il finocchio, i legumi, i peperoni e i funghi.

Una dieta a basso contenuto di questi alimenti - studiata anche per comprendere i meccanismi di insorgenza della sensibilità al glutine - ha svelato un effetto terapeutico incoraggiante, se seguita dai pazienti affetti dalla sindrome del colon irritabile. «Non siamo ancora pronti per sdoganare un nuovo trattamento, ma siamo quasi certi della sua efficacia - afferma la gastroenterologa Shanti Eswaran, docente di medicina interna all’Università del Michigan -. Adesso dobbiamo definire il meccanismo biochimico alla base di questa risposta e capire come mai gli stessi alimenti possano portare a reazioni notevolmente diverse a seconda delle persone che li assumono».  Continua a leggere...





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Infarti e ictus, oltre 50% dei casi trattati in Pronto soccorso

Simeu, ha un ruolo strategico quando la tempestività è essenziale

Depressione, dormire meno riduce i sintomi nel 50% dei pazienti

Maxi-studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry

Al via le donazioni per i malati di Sma: Checco Zalone lascia tutti senza parole

L'artista lancia un appello per salvare la vita ai bambini malati

Con 150 minuti di sport a settimana si può evitare l’8% dei decessi

Con attività fisica cala il rischio di patologie cardiovascolari

Formaggio ritirato contaminato da Listeria

Lotto di produzione 04827 di taleggio Dop a latte crudo

La caffeina potrebbe ridurre il rischio di morte tra le donne

Ma gli uomini non hanno lo stesso beneficio

Alzheimer, i 10 segnali che non bisogna sottovalutare

Si celebra oggi 21 settembre la Giornata mondiale dell'Alzheimer

Intossicati da falso zafferano, nuovo caso a Modena

Responsabile nei giorni scorsi della morte di una coppia di coniugi veneti.

Chikungunya: 86 casi in tutto, 10 nuovi nel Lazio

Ad oggi sono 86 le persone colpite dal virus

Farmaco anti-diabete riduce l’aggressività del cancro alla prostata

E' la metformina. Sesti (Sid), promettenti ricadute su pazienti

Un milione di mamme maltrattate durante il parto

Ricerca Doxa, per una donna su 4 azioni lesive della dignità

Emicrania sconfitta stimolando il nervo vago dall’esterno

Con un apparecchietto che il paziente può applicare sul collo e senza dolore

L’etichetta cambierà colore se il cibo è andato a male

Ricerca Usa, nanostrutture diventano 'sentinelle' di qualità

Una pausa nella dieta può aiutare la perdita di peso

La 'chiave' del successo starebbe nel riavvio del metabolismo

Oms, Italia indietro su prevenzione ictus e attacchi cuore

Nel mondo malattie non trasmissibili fanno 15 mln morti