lafucina.it
Medicina

Il piccolo Charlie è stato visitato da uno specialista Usa

Il professor Hirano al Great Ormond, poi all'Alta Corte

Pubblicato il 17/07/2017 da La Fucina

Ha il volto di Michio Hirano, luminare della neurologia alla prestigiosa Columbia University di New York, l'ultima speranza per Charlie Gard, il piccolo di 11 mesi affetto da una rara sindrome degenerativa a cui i medici del Great Ormond di Londra intendono 'staccare la spina'. Hirano lo sta visitando oggi assieme ai colleghi britannici in vista di un riesame del caso di fronte all'Alta Corte del Regno e di un possibile trasferimento del bimbo negli Usa, chiesto finora invano dai genitori, per tentare una cura sperimentale.

LEGGI ANCHE: Il protocollo per curare Charlie all’ospedale inglese, ‘la terapia può funzionare’

Hirano nei giorni scorsi ha ipotizzato da un 10 fino a un 50% di possibilità di miglioramento per Charlie se la terapia alternativa che sta sperimentando (agli stadi iniziali) dovesse funzionare. Una ipotesi che contrasta con l'irrimediabilità della diagnosi infausta e terminale fatta nei mesi scorsi dai dottori londinesi del Great Ormond Hospital, e sulla base della quale l'Alta Corte britannica come la Corte Europea dei Diritti Umani hanno quindi autorizzato la decisione di staccare la spina contro il volere dei genitori del piccolo, Connie Yates e Chris Gard. Un verdetto rimasto tuttavia sospeso sullo sfondo della campagna internazionale di solidarietà nei confronti dei Gard e dello spiraglio aperto dallo studioso della Columbia con il conforto di alcuni specialisti internazionali, fra i quali un medico del Bambin Gesù di Roma il cui nome resta per ora riservato.

Hirano, dopo la visita al Great Ormond, sarà sentito all'Alta Corte con gli altri specialisti stranieri dal giudice monocratico Nicholas Frances, l'uomo che ha stabilito nei mesi scorsi la sorte di Charlie, ma che poi ha accettato di aprire un supplemento di udienze. La procedura giudiziaria, stando alle previsioni di SkYNews, dovrebbe riprendere a questo punto in aula fra domani e dopodomani, mentre una parola finale é attesa al più tardi entro una decina di giorni (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Tutti i benefici delle banane

Ricchissime di potassio, ma non solo

Influenza inchioderà a letto 5 milioni di italiani

Ci si aspetta una stagione influenzale 2017-2018 di intensità media

Infarti e ictus, oltre 50% dei casi trattati in Pronto soccorso

Simeu, ha un ruolo strategico quando la tempestività è essenziale

Depressione, dormire meno riduce i sintomi nel 50% dei pazienti

Maxi-studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry

Al via le donazioni per i malati di Sma: Checco Zalone lascia tutti senza parole

L'artista lancia un appello per salvare la vita ai bambini malati

Con 150 minuti di sport a settimana si può evitare l’8% dei decessi

Con attività fisica cala il rischio di patologie cardiovascolari

Formaggio ritirato contaminato da Listeria

Lotto di produzione 04827 di taleggio Dop a latte crudo

La caffeina potrebbe ridurre il rischio di morte tra le donne

Ma gli uomini non hanno lo stesso beneficio

Alzheimer, i 10 segnali che non bisogna sottovalutare

Si celebra oggi 21 settembre la Giornata mondiale dell'Alzheimer

Intossicati da falso zafferano, nuovo caso a Modena

Responsabile nei giorni scorsi della morte di una coppia di coniugi veneti.

Chikungunya: 86 casi in tutto, 10 nuovi nel Lazio

Ad oggi sono 86 le persone colpite dal virus

Farmaco anti-diabete riduce l’aggressività del cancro alla prostata

E' la metformina. Sesti (Sid), promettenti ricadute su pazienti

Un milione di mamme maltrattate durante il parto

Ricerca Doxa, per una donna su 4 azioni lesive della dignità

Emicrania sconfitta stimolando il nervo vago dall’esterno

Con un apparecchietto che il paziente può applicare sul collo e senza dolore

L’etichetta cambierà colore se il cibo è andato a male

Ricerca Usa, nanostrutture diventano 'sentinelle' di qualità