lafucina.it
Medicina

L’allattamento riduce il rischio di tumore al seno nelle mamme

Ogni cinque mesi in più il rischio è inferiore del 2%

Pubblicato il 08/08/2017 da Pippo

Tra i tanti benefici dell'allattamento c'è anche quello di ridurre, seppur di una piccola percentuale, il rischio di tumore al seno nelle mamme. Per coloro che possono allattare, infatti, ogni cinque mesi in più offrono un rischio inferiore del 2%. E' quanto emerge da una ricerca effettuata dall'American Institute for Cancer Research (AICR), in occasione della World Breastfeeding Week, la settimana dedicata all'allattamento nella prima settimana di agosto.

LEGGI ANCHE: Tumore al seno, un test puo’ risparmiare la chemio

Per arrivare a questa conclusione gli studiosi hanno revisionato 18 studi precedenti, 13 dei quali si sono soffermati proprio sulla durata delle poppate al seno. La ricerca suggerisce inoltre che i neonati allattati al seno hanno meno probabilità di prendere eccessivamente peso durante la crescita e negli adulti il sovrappeso e l'obesità aumentano il rischio di 11 tumori comuni.

"Non è sempre possibile che le mamme allattino, ma per coloro che possono, e' importante sapere che l'allattamento al seno può offrire la protezione contro il cancro sia per la madre che per il bambino", spiega la direttrice dell'AICR per i programmi di nutrizione Alice Bender. Ci sono diversi modi possibili con cui l'allattamento al seno può influenzare il rischio di tumore. Ad esempio, può ritardare i cicli mestruali nelle neomamme, riducendo l'esposizione a ormoni come estrogeni, legati al rischio di cancro al seno. La perdita del tessuto mammario dopo l'allattamento può anche aiutare a liberarsi delle cellule con un danno del DNA. Ma è lo stile di vita che può fare un ulteriore differenza: niente alcol, attività fisica e il mantenimento di un peso sano sono fattori fondamentali per ridurre il rischio. (FONTE)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Milano, uova contaminate al fipronil: sequestrata una partita di omelette

Sequestro in una ditta di via Canonica, zona Chinatown

Uova contaminate, il Ministero della Salute annuncia “due positività” in Italia

Su 114 campioni esaminati, segnalate a Regioni e Asl

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil'killer n.1'nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma

Basta poco alcol al giorno per aumentare il rischio di tumori della pelle

Non riguarda il melanoma, l'ipotesi e' che l'etanolo possa impedire la riparazione del Dna