lafucina.it
Cibo e Salute

Meno rischi di morte prematura con quattro tazzine di caffè al giorno

Lo suggerisce uno studio su 20 mila uomini e donne di mezza età

Pubblicato il 13/09/2017 da La Fucina

Molti rinunciano al caffè pensando sia poco salutare, ma ora una ricerca spagnola promuove la passione per la tazzina. Berne 4 al dì riduce infatti il rischio di morte prematura. Lo suggerisce uno studio su 20 mila uomini e donne di mezza età, secondo il quale chi totalizza 4 tazzine con regolarità presenta tassi di mortalità più bassi di due terzi rispetto a chi non lo fa mai o si concede un assaggio ogni tanto. Precedenti studi hanno scoperto che il caffè può migliorare la funzione del fegato, ridurre l'infiammazione e potenziare il sistema immunitario. La nuova ricerca mette in luce un generico, ma drammatico effetto salvavita.

LEGGI ANCHE: Caffè ‘viagra naturale’: fino a 3 tazzine per l’effetto anti-flop

In particolare il rischio cala del 22% per ogni extra rispetto a una dose 'base' di 2 tazzine al giorno. Ma chi ne beve 4 si aggiudica una riduzione del 64%. La ricerca ha monitorato queste persone in media 10 anni, fino a 14 anni in alcuni casi, ed è firmata dagli studiosi dell'Hospital de Navarra. Nel corso dello studio gli scienziati hanno registrato 337 decessi. Ebbene, i bevitori di caffè sono apparsi più protetti rispetto agli altri.

Secondo l'autrice, Adela Navarro, sarebbero gli antiossidanti presenti nel caffè, sotto forma di polifenoli, a spiegare l'effetto protettivo. "Suggerirei di bere caffè, può essere salutare. Penso sia una buona idea consumarne 4 tazze al giorno - spiega sul 'Telegraph' - Penso che siano i polifenoli" a causare questo effetto benefico, dal momento che "hanno un effetto anti-infiammatorio".

I ricercatori continueranno a seguire i protagonisti della ricerca, per vedere che impatto avrà il caffè con il passare del tempo. E intanto uno studio olandese mette in luce i vantaggi salvacuore del nero elisir mattutino. La ricerca è stata condotta su 4 mila fra uomini e donne, e ne dà notizia il 'Sun'. Bere da 2 a 4 tazzine al giorno riduce di un terzo i pericoli di morire per problemi cardiaci rispetto a chi rinuncia alla tazzina. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Formaggio ritirato contaminato da Listeria

Lotto di produzione 04827 di taleggio Dop a latte crudo

La caffeina potrebbe ridurre il rischio di morte tra le donne

Ma gli uomini non hanno lo stesso beneficio

Alzheimer, i 10 segnali che non bisogna sottovalutare

Si celebra oggi 21 settembre la Giornata mondiale dell'Alzheimer

Intossicati da falso zafferano, nuovo caso a Modena

Responsabile nei giorni scorsi della morte di una coppia di coniugi veneti.

Chikungunya: 86 casi in tutto, 10 nuovi nel Lazio

Ad oggi sono 86 le persone colpite dal virus

Farmaco anti-diabete riduce l’aggressività del cancro alla prostata

E' la metformina. Sesti (Sid), promettenti ricadute su pazienti

Un milione di mamme maltrattate durante il parto

Ricerca Doxa, per una donna su 4 azioni lesive della dignità

Emicrania sconfitta stimolando il nervo vago dall’esterno

Con un apparecchietto che il paziente può applicare sul collo e senza dolore

L’etichetta cambierà colore se il cibo è andato a male

Ricerca Usa, nanostrutture diventano 'sentinelle' di qualità

Una pausa nella dieta può aiutare la perdita di peso

La 'chiave' del successo starebbe nel riavvio del metabolismo

Oms, Italia indietro su prevenzione ictus e attacchi cuore

Nel mondo malattie non trasmissibili fanno 15 mln morti

Chikungunya: Lorenzin, è dolorosa ma non esiste un vero pericolo sanitario

A novembre G7 su come il cambiamento climatico incide sulla salute

Quel dolore insopportabile causato dal Fuoco di Sant’Antonio

La nevralgia post-erpetica colpisce 30mila persone, il 20% di coloro che hanno l'Herpes Zoster

Yoga e meditazione, 25 minuti ‘accendono’ il cervello e l’energia

Grazie a rilascio endorfine e aumento flusso sanguigno

Verso nuovi test per diagnosticare l’Alzheimer ma manca la cura

Il 21 giornata mondiale, in Italia 600 mila malati, e aumenteranno